Almanacco

Almanacco

Nessuna squadra al mondo ha la Storia che ha il Toro. Storia di cui vorremmo somministrarvi ogni mattina una pillola, legata alla data del giorno stesso, con l’Almanacco.
Speriamo di proporvela mettendovi anche al corrente di qualche curiosità in più; in ogni caso, dopo aver assunto la pillola, si potrà iniziare la propria giornata nel mondo con una piccola dose di orgoglio in più…

 

3…

Nessuna squadra al mondo ha la Storia che ha il Toro. Storia di cui vorremmo somministrarvi ogni mattina una pillola, legata alla data del giorno stesso, con l’Almanacco.
Speriamo di proporvela mettendovi anche al corrente di qualche curiosità in più; in ogni caso, dopo aver assunto la pillola, si potrà iniziare la propria giornata nel mondo con una piccola dose di orgoglio in più…

 

3 maggio 1949: l’ultima gara degli Invincibili

Una festa, per celebrare l’addio al calcio di Francisco Josè Ferreira. Il 3 maggio del 1949 anche il Grande Torino, come il capitano del Benfica, scese in campo per l’ultima volta. I 40.000 accorsi a Lisbona ebbero l’onore di assistere alla gara tra gli Invincibili e i lusitani del Benfica. Un’amichevole d’altri tempi, visto che sul terrero di gioco i granata schieravano l’undici titolare. Furono i padroni di casa ad aggiudicarsi il match per 4-3 e fu Menti a siglare l’ultimo dei gol della squadra italiana più forte di tutti i tempi. Un onore che spetterebbe a Gabetto, a cui fu annullato il 4-4.

 

BENFICA – TORINO 4-3

Marcatori:  Ossola 9′ (T), Melao 23′, 39′ (B), Arsenio 33′ (B), Bongiorni 37′ (T), Rogerio 85′ rig. (B), Menti II 89′ (T).

Benfica: Contreros (Machado), Jacinto, Fernandes, Morira, Felix, Ferreira, Corona (Batista), Arsenio, Espiritosanto (Julio), Melao, Rogerio.
Torino: Bagicalupo, Ballarin, Martelli, Grezar, Rigamonti, Castigliano (Fadini), Menti II, Loik, Gabetto (Bongiorni), Mazzola, Ossola.
Arbitro: Pearce (Inghilterra).
 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy