Azioni e reazioni

Azioni e reazioni

di Silvia Lachello

 

Buongiorno Toro… che cosa dicevo giusto qualche giorno fa? Che la Gente inizia a battere i coperchi e, Toro, ti invitavo a svegliarti: vedi qui.
Non ti sei svegliato e la Gente… mah… diverse le reazioni.
So di una tipa che, all’inizio della partita, si è messa le mani fra…

di Silvia Lachello

 

Buongiorno Toro… che cosa dicevo giusto qualche giorno fa? Che la Gente inizia a battere i coperchi e, Toro, ti invitavo a svegliarti: vedi qui.
Non ti sei svegliato e la Gente… mah… diverse le reazioni.
So di una tipa che, all’inizio della partita, si è messa le mani fra i capelli perché le maglie dell’empoli (minuscolo, mannaggia a lui) le ricordavano troppo quelle del brescia (minuscolissimo: tié), al terzo minuto del primo tempo manco sapeva più che cosa fossero le somiglianze fra maglie, ma a metà del secondo tempo ha detto basta e non ha più detto una parola. Non ha più risposto al telefono e si è chiusa in un inusuale silenzio. Poi si è messa a scrivere parole di rabbia contro i Ragazzi ed è andata a dormire con un buco nello stomaco. Alla mattina si è svegliata ed era di nuovo battagliera, ma il pareggio, quel pareggio a Empoli non le era ancora andato giù. E’ abituata a quell’amara sensazione di soffocamento da speranza segata in due, ma non del tutto. Quella sensazione… non è che ci sia abituata, se la porta dentro, punto e basta. E con la testa è andata a domenica, senza manco passare da Padova.
So di un tipo che, sabato sera, si sentiva ingabbiato dal fatto di dover aspettare ancora una settimana prima di andare incontro al destino che condivide con qualche altro migliaio di brave persone, impelagate nelle mille cose da fare e da gestire nella più completa confusione del “nonriusciròafaretutto” e, francamente, il “nonriusciròafaretutto” passava in secondo piano rispetto alla voglia di arrivare a domenica per cercare di vincere, di farli vincere.
Che poi… far vincere loro… loro, i Ragazzi, farebbero vincere NOI. Devo aggiungere spiegazioni? No.
Tra l’altro… ho saputo anche di un tipo che, in contesto avulso dalla partita di venerdì (ci tengo a precisarlo), cercando di approfittare della credulità popolare e – soprattutto – della stanchezza (ormai millenaria) della Gente Granata, si sta mettendo in bocca la parola Filadelfia in maniera poco opportuna: fate attenzione, Sorelle e Fratelli, a chi si presenta ammantato di Granata, avendo di Granata solo il manto e non la sostanza. Occhio, mi raccomando 😉
Ma lasciamo perdere le losche loschitudini di improbabili loschi e andiamo dritti al punto: si incontrano briganti per strada in ogni momento, NOI abbiamo altro a cui badare. Passiamo ad altro.
Simone, sempre in giro per il mondo, mi scrive:

Ciao
Siamo messi molto male ma non è una novità purtroppo
Sto partendo per la Cina
Ma domenica prossima ci sarò
Non so in che settore
Ma ci sarò
Tutto il resto è noia
😉

Grazie, Simo, la solita vita facile: parti dalla Spagna, vai in Cina e poi approdi allo stadio per tifare Toro: ti ammiro.
Io la penso come lui. Nonostante venerdì sera mi si siano incastrate le dita fra i capelli, sia stata rapita dal silenzio, abbia scritto parole di rabbia, sia andata a dormire con un buco nello stomaco… sono d’accordo con lui: tutto il resto è noia. Il Toro è altro (capito, Ragazzi?), sicuramente – nel bene e nel male – non è MAI noia.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy