Alvarez sì, ma a fine mercato

Alvarez sì, ma a fine mercato

di Valentino Della Casa – Sistemata la situazione a centrocampo con l’arrivo annunciato di De Feudis, il Torino si concentra ora sull’altro obiettivo da centrare non condizionato dalle eventuali partenze: l’esterno destro. Inutile ricordare che i due obiettivi principali siano, in ordine alfabetico ma anche di preferenza, Alvarez e Surraco. Se per il secondo ogni discorso rimane bloccato in attesa di capire cosa ne sarà…

di Valentino Della Casa – Sistemata la situazione a centrocampo con l’arrivo annunciato di De Feudis, il Torino si concentra ora sull’altro obiettivo da centrare non condizionato dalle eventuali partenze: l’esterno destro. Inutile ricordare che i due obiettivi principali siano, in ordine alfabetico ma anche di preferenza, Alvarez e Surraco. Se per il secondo ogni discorso rimane bloccato in attesa di capire cosa ne sarà dell’Udinese in Champions (stessa cosa per l’obiettivo quasi impossibile Barreto, attualmente infortunato ma che servirebbe come il pane a Guidolin in caso di permanenza in Europa), si registrano passi avanti importanti per il giocatore attualmente in forza al Bari.

Alvarez è sempre stato in cima ai desideri del Torino e di Giampiero Ventura per un eventuale arrivo sulle fasce, Guberti escluso. In questi giorni, il ds Petrachi ha intensificato i colloqui con l’agente del giocatore, D’Ippolito (che curiosamente cura anche gli interessi di Surraco), per trovare l’accordo economico con l’esterno che il Bari ha da tempo messo sul mercato. Le cifre ballerebbero intorno ai quattrocentomila euro, più bonus, per tre stagioni (bene o male quello che già guadagna in Puglia). Un ingaggio sicuramente importante, per la B, che il Torino sta cercando di ridurre, anche per evitare eventuali e sconvenienti “mal di pancia” all’interno dello spogliatoio.

L’accordo con il giocatore, comunque, sembra piuttosto vicino (il Toro da tempo è passato in vantaggio rispetto a Cesena e Catania, complice anche il “fattore-Ventura”), dopodichè resterà da limare lo scoglio-Bari. La strategia è questa: aspettare a fine mercato di trattare con il Bari, per ottenere uno sconto rispetto ai 1,2 milioni richiesti dai pugliesi. In quel caso, il Torino si sentirebbe forte della parola data da Alvarez e, in più, da un atteggiamento più possibilista da parte del ds Angelozzi. Dopo, infatti, le fallite operazioni con Gillet e Gazzi, il Bari sembra più disposto ad abbassare le pretese con il Toro per l’esterno, ultimo vero esubero nella squadra di Torrente. Bisognerà dunque avere pazienza. Il mercato del Torino non è ancora concluso.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy