Belotti e Niang, destini opposti? Petrachi: “Il Gallo resta, Niang invece…”

Belotti e Niang, destini opposti? Petrachi: “Il Gallo resta, Niang invece…”

Le parole / Il diesse granata fa il punto del mercato a SportItalia: “Belotti è in forma e motivato. L’interesse del Napoli? Notizia fasulla”

di Nicolò Muggianu

Belotti al Napoli? Tutte falsità, è contento di restare“. Queste le parole con cui il diesse granata Gianluca Petrachi nella tarda serata di ieri ha smentito categoricamente la possibilità di un trasferimento sotto il Vesuvio da parte del capitano del Torino. La secca smentita è arrivata in diretta ai microfoni di SportItalia, dopo che qualche ora prima l’emittente sportiva aveva sganciato la bomba di mercato: “Belotti non mi ha chiamato per chiedermi la cessione – ha proseguito Petrachi -, se il Napoli avesse parlato prima con lui non sarebbe corretto. Mi dispiace smentire ma è così“.

CONFERME – Dichiarazioni che non possono che tranquillizzare tutto l’ambiente granata. D’altronde Belotti nelle prime amichevoli stagionali è parso più in forma che mai, dimostrando di avere la giusta voglia: “E’ il capitano. E’ partito col piede giusto, in forma smagliante. Sa che deve recuperare quel che ha lasciato per strada l’anno scorso non solo per colpa sua. Il precampionato ha dimostrato che Belotti tira sempre il gruppo da capitano e poi fa spesso gol. E’ tornato l’Andrea dello scorso anno”. Le parole di Petrachi non lasciano spazio all’immaginazione: il Torino ripartirà da Belotti. Salvo clamorosi stravolgimenti di fronte: “Se resta al 100%? Non è corretto parlare del 100%. Per me non parte. Poi non si sa mai cosa può succedere nella vita. Magari domani io vado via e il nuovo diesse del Torino arriva e vende Belotti…”. Come a dire, salvo novità davvero eclatanti Belotti resterà.

DUBBI – Destino completamente opposto invece quello che potrebbe attendere Mbaye Niang. Dopo una stagione i chiaroscuro, il nazionale senegalese ha attirato su di sè le attenzioni di diversi club europei. Il Mondiale è stata una vetrina importante e il futuro, dopo due mancate convocazioni (ufficialmente per scarsa condizione fisica) contro Nizza e Chapecoense, potrebbe essere lontano dal Torino. Ma solo a determinate condizioni: “Niang? – ha proseguito Petrachi – Ha fatto un ottimo mondiale. Ha degli estimatori. Conta anche la volontà del giocatore. Se uno mi dice che vuole andare via si fanno delle riflessioni. E arrivato da pochi giorni, si sta allenando, sicuramente se avrà voglia di confrontarsi da un’altra parte noi non glielo impediremo ma servono offerte eque. Il Toro ha pagato Niang e non è che lo presta, se qualcuno vuole Niang lo deve venire a comprare”. Insomma, se da una parte il Torino sembra essere sempre più convinto a puntare su Belotti, dall’altra parte il destino di Niang sembrerebbe essere sempre più in bilico. A patto che arrivino offerte vere.

35 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Larry - 3 mesi fa

    Dopo aver letto alcuni commenti mi viene da dire ma visto che non va mai niente bene cosa fanno Petracchi e Cairo perchè non cambiate squadra? Anche a me piacerebbe che il Toro ricominciasse a vincere qualcosa come quello dei graziani pulici ecc ma i tempi sono cambiati e oggi solo tre quattro società possono correre per vincere lo scudetto; purtoppo il toro non è fra queste.bisogna farsene una ragione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Baveno granata - 3 mesi fa

      Perché devono andare via coloro che dissentono,ovvero tifosi dalla nascita e non lui che è tutto fuorché tifoso ed usa il Toro solo per fini economici????

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Maroso - 3 mesi fa

        Secondo me nessuno deve andare via forzatamente. Bisognerebbe solo rispettare le opinioni di tutti, espresse sempre e comunque a titolo personale. Credo fermamente che le contrapposizioni, le aspre contestazioni non abbiano mai giovato a nessuno. Questa la mia opinione. Dopodichè chi vuol contestare lo faccia, ma a nome suo, senza astio di chi non la pensa come lui.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Andrea Valentino - 3 mesi fa

      Finché ci saranno tifosi che ragionano come te non andremo mai da nessuna parte, ce la faremo sempre mettere nel c… continua pure così grazie accontentista della mediocrità più assoluta e patetico, oltre ad essere irrispettoso per ciò che è stato il toro e meriterebbe di essere ancora oggi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Maroso - 3 mesi fa

        Vedo che hai capito tutto. Bravo!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Vanni - 3 mesi fa

    Niang ha fatto un discreto mondiale. Di fatto è riuscito persino ad infilarsi la maglia del Senegal. Mah, quindi se la fata nera vale 15, solo per impegno, Belotti ne vale 150.
    Cosa non si fa per sbarcare il lunario.
    Comunque partitanno entrambi uno a 12 e l’altro a 60.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 3 mesi fa

      Questa me la segno, nel caso ti debba insignire del titolo di Gran Veggente Granata.
      E non lo dico per scherzare.

      Niang a 12
      Belotti a 60
      In questa finestra di calciomercato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Torello_621 - 3 mesi fa

      Sotto questo nick potrebbe celarsi Fassino, il re di tutte le profezie.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. IlDadoDelToro - 3 mesi fa

      Vanni, io salvo questo post: il 19 agosto ti vengo a cercare in giro per il blog e te lo ripropongo. Nella speranza che Niang abbia veramente trovato una grande squadra in cui mettere in risalto la sua ignavia, ti inviterò fortemente a rispondere delle tue sopracitate affermazioni.
      Sicuro che, una volta compreso come le provocazioni siano vento che porta tempesta, smetterai di esasperare gli animi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Granata - 3 mesi fa

      Sprecate fiato. Se anche Vanni giocasse la profezia ( cosa scontata per me ) lui voterebbe il discorso adducendo chissà quali altre congetture. Lui pensa così e non manca di ribadirlo su tutti i siti ad ogni intervento sempre. Mai ripeto mai qualcosa di positivo sul mondo Toro. Riconduce tutto a Cairo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13746076 - 3 mesi fa

    Bel orti si deve rilanciare questa stagione, altroché … Anche se sono dubbioso sulla sua reale collocazione di valore. Forse quella di 2 stagioni fa sarà irripetibile. Felice di sbagliarmi, d’altra parte spesso non ci ho mai azzeccato e non ho problemi ad ammetterlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ptx - 3 mesi fa

      anch’io spero tu abbia ragione!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. carlo - 3 mesi fa

    La cosa migliore che può capitare a chi spera che Cairo affondi – e il Toro, di conseguenza, risorga -, è vedere sempre questa accettazione all’operato del presidente. Meglio di così non si potrebbe fare. E’ la situazione migliore: ogni acquisto e ogni vendita è una cosa ben fatta: questo è il clima perfetto per vedere affondare Cairo e liberare le altre possibilità. Se non ci foste voi sempre contenti, sempre con la lode a tutto ciò che succede, ci sarebbe veramente il rischio di far cambiare Cairo. In questo modo, invece, è perfetto: cuocerete nel vostro brodo. Si tratta solo di aspettare. “Morirete” – sportivamente parlando – di asfissia anche voi, insieme a vostro eroe. Sono contento che vada sempre tutto bene, qualsiasi cosa succeda: è il danno peggiore per questo “toro fc”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 3 mesi fa

      Nostradamus de noantri…… Io sono pro Toro. Tu sei contro tutti quelli che non ti sono allineati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Amoon - 3 mesi fa

      Carlo è un nostalgico…aspetta che Ciucariello rilevi il Toro, poi si che arriveranno Messi e Neymar

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 3 mesi fa

        Amoon , Carlo non dovrebbe lanciare anatemi contro chi non la vede come lui.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Amoon - 3 mesi fa

          Carlo è smemorato, per questo lancia anatemi

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Andrea Valentino - 3 mesi fa

        Svegliati Ciuccariello è un invenzione di Cairo e dei suoi amici di Venaria Finché ci saranno tifosi come te che abboccheranno a queste idiozie il toro non risorgerà mai ricordatelo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Amoon - 3 mesi fa

          ah ecco questa mi mancava….l’idiozia del secolo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. DARIOGRANATA - 3 mesi fa

    Quello che non capisco é come certe operazioni di mercato importanti siano frutto degli ultimi giorni. Abbiamo avuto mesi per impostare almeno una base della squadra, con tre/quattro trattative serie, invece si ha l’impressione che tutto sia sempre frutto dell’improvvisazione: vedi la telenovela Verissimo. Se Belotti o Baselli, come Barreca, dovessero partire, se frutto di un’operazione studiata, come fanno i cugini, vedi Caldara/ Bonucci, Ronaldo/Higuain, può’ anche andar bene, ma se si tratta di metterci una pezza con un last minute svincolato come Amauri o Burdisso é veramente poco serio e poco rispettoso per la tifoseria

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Riba - 3 mesi fa

      concordo pienamente con te! L’improvvisazione è uno dei mali peggiori della gestione Cairo perché non ti permette di avere degli obiettivi da raggiungere, resti sempre lì nel tuo brodo e nella zona di confort che ti sei creato, tradotto: metà classica e se va bene ultimi della parte sinistra o se va peggio primi della parte destra!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Maroso - 3 mesi fa

    Francamente non è semplice comprendere la campagna acquisti del Torino di quest’ anno. E’ però corretto che i supporters (volutamente non parlo di tifosi) non comprendano le ragioni di questa attesa, dove sicuramente Petrachi sta lavorando sotto traccia. Io credo che i giocatori che il Torino deve vendere e piazzare per non vincolare Mazzarri in alcun modo siano molti, ma non degli acquisti sbagliati: erano giocatori fortemente voluti dal precedente allenatore, che ora devono essere ricollocati. E penso sia doveroso farlo prima di comprare ulteriormente. Il tempo stringe e l’ansia sale. Si combatte con la fiducia nella società che, fino a prova contraria, ha sempre fatto la campagna acquisti con autofinanziamenti e non con aumenti di capitale … dei soliti ignoti danarosi, che il Torino non ha, per fortuna. Personalmente non credo nelle fiabe ma nella professionalità che tante volte la dirigenza del Torino ha dimostrato. Saluti a tutti. FVCG,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andrea Valentino - 3 mesi fa

      C’è poco da comprendere, Cairo è un servo Ascolta gli ordini che gli vengono dati e quando agisce autonomamente sa di non poter infastidire l’altra società di Torino Gli accordi sono ben chiari, dopo 13 anni non viene siete ancora resi conto, ma dove vivete, il toro non deve dare fastidio deve restare nell’ anonimato più assoluto, Cairo sa benissimo ciò che rischierebbe facendo il passo più lungo della gamba……..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 3 mesi fa

        Scusa Valentino ma le tue tesi sono basate su cosa ? Vorrei mi elencassi fatti concreti e non teorie. Grazie

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Maroso - 3 mesi fa

          No comment

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Maroso - 3 mesi fa

          No comment

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Hagakure - 2 mesi fa

        E’ inutile spiegarglielo, Valentino: lo sannno benissimo di che cosa si parla ma fanno i finti tonti e si divertono a cadere dalle nuvole.

        Dai che gli rinfreschiamo la memoria a questi “amici del mandrogno”…e, per la proprietà transitiva, dello sterco bianconero:

        “Dal 2014 ad oggi

        A partire dal 2015 il gruppo avvia un piano di dismissioni delle attività non direttamente legate alla pubblicistica. In settembre viene ceduta la quota di partecipazione del 44,45% nel Gruppo Finelco, proprietario delle emittenti radiofoniche «Radio 105», «Radio Monte Carlo», «Virgin Radio Italia» e «Virgin Radio TV».

        Nel mese di aprile 2016, intervenute le necessarie autorizzazioni delle competenti autorità regolatorie, è stata perfezionata la cessione ad Arnoldo Mondadori editore dell’intera partecipazione detenuta in Rcs Libri (la transazione era stata stipulata il 5 ottobre 2015).

        Sempre nel 2016 il gruppo Fiat Chrysler Automobiles (FCA) decide il disimpegno da RCS. Il 15 aprile l’assemblea dei soci di FCA approva la scissione finalizzata alla distribuzione ai propri azionisti delle azioni di Rcs detenute dal gruppo. La scissione diventa efficace il primo maggio, l’azzeramento delle azioni è terminato il 9 giugno.

        Nel maggio 2016 Cairo Communication, società per azioni presieduta da Urbano Cairo attiva nel settore editoriale, lancia un’offerta pubblica di scambio e acquisto (OPAS) delle azioni RCS. Il 15 luglio Cairo vince con il 48,8% contro la cordata concorrente (International Media Holding, guidata da Andrea Bonomi, che si ferma al 37,7%)[69]. Il 3 agosto 2016 Cairo assume le cariche di presidente e amministratore delegato di RCS MediaGroup.

        Leggere penultimo e ultimo paragrafo, “amici del mandrogno”: speriamo sia la volta buona che le vostre funzioni cerebrali finalmente siano “recettive”…!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. dennislaw - 3 mesi fa

    Sono anche io convinto che…ne vedremo delle bell, ma all’ultimo giorno di mercato. Niang, Baselli, Iago, Ljajic, lo stesso Belotti, uno dei nostri che può fare cassetta partirà. Il presudente non chude la campagna aquisti in passivo, a meno di offerte di prestiti e non di acquisti. Intanto abbiamo sulle croste gli errori gravi degli anni passati: a parte Niang, Valdifiori, Obi, Lyanco, Berenguer ( ch a me non è piaciuto molto neppure nelle amichevoli…con i resti del Chapo un tempo e poi sparito) ecc ecc. Comunque Zaza è buono.
    Ci vorrebbe una coppia d’attacco. Anche il Gallo soffre la solitudine là davanti. Che poi sia Belotti- Zaza o Zaza e un altro buono ( ma chi?) ha poca importanza. E’ chiaro che se a Cairo danno 55-60 milioni Belotti lo vende.
    Per me è più grave se vende Ljajic ( certo non se la punta la fa Niang…)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Granata - 3 mesi fa

    Nel Napoli non avrebbe molte possibilità di vincere. Se davvero si dovesse rilanciare (come credo ) potrebbe ambire a squadre europee importanti. Quest’anno resta dov’è

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 3 mesi fa

      Esatto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13959596 - 3 mesi fa

    Anche secondo me quest’anno resterà,ma sappiamo benissimo come lavora il Napoli sul mercato,prima contatta il giocatore e poi la società e se riesce a convincere il giocatore sono caxxi…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. PrivilegioGranata - 3 mesi fa

    Il Gallo non parte per meno di 80 mln. Tutto qua.
    Quest’anno ha la possibilità di ben figurare col gioco di Mazzarri (che ha sempre fatto brillare i propri attaccanti con un gioco rapido in profondità). Partirà a fine campionato dopo aver rinvigorito il proprio valore sul mercato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carlin - 3 mesi fa

      con mazzarri farà un gran campionato,perchè in difesa se la cava bene!!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13970768 - 3 mesi fa

    Speruma

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

    Dopo questa chiara ed esaustiva disamina esposta in perfetto “petrachese”aspettiamoci un fine mercato pirotecnico! Speruma bin!!!FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy