Calciomercato, il Torino saluta Borello: il Crotone se lo riprende e molla Ajeti

Calciomercato, il Torino saluta Borello: il Crotone se lo riprende e molla Ajeti

In uscita / Le chance di permanenza del giovane esterno erano legate al riscatto dei pitagorici dell’albanese. Sarà ricordato per il gol nella finale di Coppa Italia Primavera

di Redazione Toro News

Marcia indietro. Giuseppe Borello torna a Crotone, il Torino saluta uno dei migliori giocatori della Primavera di Coppitelli. L’esterno era stato un azzeccato innesto del mercato di gennaio: arrivato in prestito secco dal club pitagorico, con cui aveva già esordito in Serie A, Borello si era subito guadagnato spazio nella Primavera di Coppitelli, esaltandosi nel ruolo di esterno destro del 4-3-3. Dribbling asfissiante e  mancino preciso, aveva scalato le gerarchie dell’attacco granata, ma il suo destino era legato a quello di Arlind Ajeti…

Le sue chances di permanenza sotto la Mole, come dicevamo, erano legate a doppio filo al discorso Arlind Ajeti. Se il Crotone avesse deciso di esercitare il riscatto sull’albanese, allora Borello sarebbe rimasto in granata. Come sappiamo però i pitagorici hanno scelto di non trattenere Ajeti, richiamando il talentuoso Borello alla casa base. L’esterno saluta Torino dopo 11 presenze in campionato, 2 gol e tre assist con la maglia granata, ma soprattutto dopo quel gol a San Siro che ha suggellato la vittoria della Coppa Italia contro il Milan.

24 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Toroxever68(Simone) - 6 mesi fa

    Hai ragione, POTEVA rivelarsi bidone.
    Il grande acquisto Ajeti ha invece ampiamente dimostrato, confermato e certificato di esserlo, un bidone. Imponente, massiccio e funzionale….ma sempre bidone.
    Grande strategia della società direi…concordate no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Giankjc - 6 mesi fa

    “Qual’è il problema” e “la scelta è stata lungimirante” sono due perle da tramandare alle future generazioni di utenti della cairese.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giankjc - 6 mesi fa

    Lo penso anch’io che siete prevenuti nei confronti di una azienda che annovera tra le sue fila un presidente affarista compulsivo e un ds dalle conoscenze calcistiche prossime allo zero, entrambi artefici del killeraggio di 100anni di storia non solo sportiva.
    L’episodio di per se rappresenta esclusivamente l’indice di incompetenza del duetto magico, come ben descritto da Simone, per tutto il resto direi che i fatti sono davanti a tutti e chi non li vede è girato di culö.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granatadellabassa - 6 mesi fa

    D’accordo con anpav. Borello non è mai stato nostro e poteva rivelarsi un bidone come tanti prestiti del passato. Il Crotone non lo ha voluto assolutamente perdere. Cmq ci ha aiutato a vincere la coppa Italia. Direi che la scelta è stata lungimirante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. blackmapan_939 - 6 mesi fa

      Quindi dovremmo essere soddisfatti di aver valorizzato gratuitamente un giovane del Crotone?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. granatadellabassa - 6 mesi fa

    @One Plastic. Qual è il tuo problema? Lo hanno valutato per 5 mesi e prenderanno le loro decisioni. Sai quanti prestiti si rivelano bidoni!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. One plastic - 6 mesi fa

      Di problemi non ne ho, pensa riesco anche a guardarmi allo specchio, tu ??

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. granatadellabassa - 6 mesi fa

    Longo ha fatto un grande lavoro ma la finale l’ha vinta da juventino. Favori arbitrali, palloni buttati in campo dai suoi panchinari per fermare le azioni palermitane, invasione di campo che ha fatto terminare in anticipo la partita. E lui in conferenza stampa non ha stigmatizzato i fatti, anzi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. granatadellabassa - 6 mesi fa

    Tra Ajeti e Borello anch’io sceglierei quest’ultimo. Ma nulla vieta che il Toro se lo ricompri. Qual è il problema?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. One plastic - 6 mesi fa

      È allora compralo tu Borello..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Toroxever68(Simone) - 6 mesi fa

    Quando vedi puntare Borello dal Crotone e Ajeti dal Toro non si dovrebbe parlare di ignoranza ma di malafede ed intenzionalità. Del resto basta pensare a Longo che in un paio di anni ha salvato una squadra retrocessa in partenza di campionato a Vercelli e portato in A il Frosinone….gli onniscienti nr.1 e nr.2 in società si son ben guardati dal dargli fiducia…sia mai che un po’ di spirito granata vada in panca….troppo acerbo era….eppoi non si vince solo col cuore no? Ci vogliono i giocatori, già, quelli che pregano ogni giorno, e scarponi per di più!!!, per andare a giocare in Inghilterra, o quelli che quasifattaper….Verissimo, Barkok and co., manco fossero Messi e Ramos….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. One plastic - 6 mesi fa

    Penso non ci siano più parole per descrivere la attuale gestione della società, un mix micidiale di interessi poco chiari , estranei al mondo del calcio è una preoccupante ignoranza calcistica.
    Il prossimo sarà un anno veramente difficile…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianTORO - 6 mesi fa

      mah…di ignoranza in genere anche su queste pagine se ne vede molta. quasi pari al disfattismo e alla presunzione di onniscienza…FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. One plastic - 6 mesi fa

        Vero hai ragione tu.
        Di onniscienza poi trasudano tutti i commenti. Io aggiungerei anche disonestà e servilismo. Mi danno un fastidio che non immagini .

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. 892 - 6 mesi fa

    Peccato perdere in questo modo un prospetto talentuoso. Viste le sue prestazioni, non si poteva imbastire una trattativa per farlo arrivare al Toro in futuro? Anche permettendo al ragazzo di restare a Crotone il prossimo anno, cosa che gli avrebbe giovato di sicuro sul piano della crescita. Poca lungimiranza in questo caso, peccato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. anpav - 6 mesi fa

    Commenti contro la società illogici e prevenuti. Borello non è mai stato del <Toro, era in prestito (o meglio diritto di riscatto con controriscatto). Non lo abbiamo perso dunque perchè non era nostro. Ajeti in questo c'entra poco. Potevano riscattarlo e non l'hanno fatto, anche perchè retrocessi in B e il costo sarebbe stato eccessivo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroxever68(Simone) - 6 mesi fa

      Hai ragione.
      Del resto noi abbiamo puntato Ajeti.
      Quindi abbiamo visto lungo su chi puntare dei 2.
      Complimenti alla società quindi, evidente il rafforzamento, con queste operazioni, della rosa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-13797744 - 6 mesi fa

    Comprarlo a titolo definitivo ..,.no!?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marino - 6 mesi fa

      Sei pazzo, vuoi fallire. Se non è nostro non si può prendere. Chissà come faranno a prendere Belotti e gli altri, visto che non sono loro? Ah forse li pagano.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. dukow79 - 6 mesi fa

    Lol questo ha vinto la finale di coppa Italia da solo. Grande Urbano vecchio cuore granata…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Marino - 6 mesi fa

    Ma no, perchè dite così, non siete tifosi del Toro. I veri tifosi vogliono vedere Ajeti, Carlao e sono contenti se vendiamo quelli buoni. Mai avrei pensato che si tifasse per le plusvalenze, se leggono i tifosi di altre squadre non ci credono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. FaustoGranata - 6 mesi fa

    doppia fregatura….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. sempre_toro - 6 mesi fa

    Imbarazzante perdere un buon giovane e ritrovarci un “paracarro” di giocatore che non sarebbe buono nemmeno per le partite tra scapoli e ammogliati

    Cominciamo bene!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. user-13657710 - 6 mesi fa

    Madama granata – quelli “buoni” se n vanno, gli scarsi ritornano..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy