Calciomercato, il Toro aspetta Ljajic: contatti frequenti con Mihajlovic

Calciomercato, il Toro aspetta Ljajic: contatti frequenti con Mihajlovic

In entrata / Il tecnico spinge per avere l’attaccante serbo, e nel frattempo cerca di tastare a distanza la sua volontà

5 commenti
Ljajic

Un obiettivo primario: questo è Adem Ljajic per il Torino e soprattutto per Sinisa Mihajlovic, che ha avuto il talentuoso serbo alla Fiorentina e in Nazionale. L’accordo tra il club granata e la Roma, società detentrice del cartellino dell’attaccante classe 1991, sembra ormai vicino, per non dire chiuso: il Torino verserebbe nelle casse della società capitolina una somma vicina ai 7.5 milioni e mezzo di Euro (Qui gli ultimi aggiornamenti). Lo stesso presidente Cairo, oggi era presente a Roma per – tra le altre cose – dare l’accelerata decisiva. E’ l’assenso del giocatore che manca ancora, sebbene filtri ottimismo.

Mihajlovic a Superga il giorno della sua presentazione al Torino
Mihajlovic a Superga il giorno della sua presentazione al Torino

E’ Sinisa Mihajlovic in persona, infatti, che si starebbe muovendo in prima persona per far sentire il serbo voluto e stimato, in modo da convincerlo a passare ad un club che, rispetto a Inter e Roma, coltiva obiettivi minori. Per qualità e versatilità (può giocare da attaccante esterno ma anche da trequartista) Ljajic è in cima alla lista dei desideri di Mihajlovic. Che in passato col giocatore ha avuto qualche diverbio (a Firenze gli rimproverava uno stile di vita non da atleta, in Nazionale lo escluse per non aver cantato l’inno nazionale), ma ora i rapporti si sono ricuciti e pochi dubbi ci sono sul fatto che Ljajic, per Mihajlovic, potrebbe essere un punto fermo del Torino.

Contatti frequenti, per non dire giornalieri, tra Mihajlovic e Ljajic: il tecnico si muove in prima persona, per tastare a distanza la volontà del giocatore serbo, che si è preso qualche giorno di tempo per ponderare bene la scelta. Novità si avranno a breve, per quello che sarebbe un colpo di mercato importantissimo per il Torino.

Chirico – Sartori

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. kurtmanso_818 - 11 mesi fa

    Ljajic è il classico giocatore “esaltante”. Ha fisico, forza, temperamento, classe, tecnica…segna e fa segnare. Di giocatori così non ne abbiamo mai avuti là davanti. L’incognita sta nel cervello e nel carattere del ragazzo. L’investimento tra i 7 e gli 8 milioni mi sembra più che buono per un attaccante simile.
    Oltretutto è in grado di ricoprire ogni ruolo di entrambi gli schemi d’attacco che adotteremo quest’anno.
    TANTA ROBA!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. chatnoir - 11 mesi fa

    Ljajic è un gran giocatore ed è tecnicamnete superiore a tutti i calciatori che abbiamo attualmente in rosa. Sarebbe grsso che cola. E dubito che sia un anarco-unsurrezionalista :) Non ha cantato l’inno perché è serbo di nazionalità, ma è di etnia bosniaca ed è originario di un’area vicina al Kosovo dove passare per filo-serbo potrebbe creare problemi alla sua famiglia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. LUCAT - 11 mesi fa

    Ribadisco, no. Un campionato dura 38 partite.
    Mihajlovic, non esistono solamente calciatori compaesani.
    Mi pare il classico nome da stagione che si rivelerà deludente.
    Se arriverà, non avrà il mio sostegno. Dovrà duramente meritarselo.
    Ad oggi, ahimè, preferisco la “linea Sassuolo” (chissà perché l’industriale vuole portare alla sua fabbrica Zappacosta..)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Clozza - 11 mesi fa

    Se e’ una testa gloriosa come mi pare di aver capito o meglio anarcoinsurrezionalista e’ meglio lasciar stare noi abbiamo bisogno di gente umile che stia con i piedi x terra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Daniele abbiamo perso l'anima - 11 mesi fa

    Io Ljaic con la puzza sotto il naso e convinto di essere un campione non lo prenderei…preferirei fare uno sforzo per Kucka piuttosto, grintoso e con buoni piedi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy