Calciomercato Torino: giornata di chiarimenti per Giaccherini e Iago Falque

Calciomercato Torino: giornata di chiarimenti per Giaccherini e Iago Falque

In entrata / Se la telenovela Ljajic sembra essere ai titoli di coda, sugli altri due obiettivi di mercato il club granata vuole stringere

20 commenti
calciomercato

Di sviluppi importanti, nella giornata di ieri, ne sono arrivati per quanto riguarda Adem Ljajic (qui il resoconto di mercato), che sembra aver stufato il Torino per il suo tergiversare, cincischiare e prendere tempo. E’ sempre bene chiarirlo: nel calciomercato, mai dire mai finchè non ci sono le firme, ma si può pensare che ora le priorità in entrata per il Torino sono diventate Giaccherini e Iago Falque.

Per quanto riguarda Iago Falque, già da tempo si attende solo la parola fine per una trattativa che sembrava essersi messa in discesa fin dall’inizio ma che poi non ha trovato lo sbocco che tutti si aspettavano, in quanto legata a doppio filo a quella per Adem Ljajic. La Roma, proprietaria dei cartellini di entrambi i giocatori, puntava a liberarsi di entrambi i suoi esuberi con una doppia operazione con i granata. Da quanto emerso da fonti interne al club di via Arcivescovado, ora l’intenzione è quella di slegare i due affari e di chiudere per l’arrivo dell’esterno spagnolo al Torino. Questione di ore e dovrebbe finalmente esserci il contatto decisivo con l’agente del giocatore, Oscar Font Calmet: il Torino deve evitare complicazioni anche su questo versante e vuole mettere il calciatore a disposizione di Mihajlovic al più presto.

probabili formazioni, Giaccherini
Emanuele Giaccherini

Per Giaccherini è in programma un altro contatto con l’entourage. Se il giocatore è in vacanza e ha intenzione di staccare, è chiaro che l’attività dei suoi agenti continua in quanto il giocatore è uno che per qualità e costanza di rendimento può far comodo a molte squadre. E’ notizia di settimane fa l’interesse della Fiorentina, e se il Bologna sembra aver perso terreno nelle ultime ore si vocifera di un inserimento sotto traccia del Napoli. In attesa di scoprire la consistenza dell’interessamento del club di De Laurentiis, il Torino ha l’intenzione di stringere per aggiudicarsi le prestazioni del giocatore. Il problema, infatti, non è l’accordo col Sunderland ma quello con l’attaccante stesso: e un’asta al rialzo sull’ingaggio da garantirgli – magari proprio con il Napoli – non farebbe il bene del Toro.

20 commenti

20 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Kaimano - 9 mesi fa

    Se devo essere sincero la cosa ke più mi fa incazzare non sono i giocatori non comprati ma sono i giocatori regalati.
    In Europa girano cifre assurde per giocatori mediocri. Le Inglesi pagano giocatori mediocri con cifre superiori ai 30 Mil e noi svendiamo Peres, Glik, Darmian e lo stesso Cerci a cifre ridicole.
    Glik avesse giocato nell’Udinese lo avrebbero venduto a non meno di 22 Mil. Darmian, Nazionale Italiano, svenduto a 20, Cerci dopo un anno fantastico a 15 e Peres verrà regalato a 20 Mil proprio al City che paga l’ultimo dei pankinari con quei soldi. A questo punto mi kiedo se Cairo è stupido, e nn credo, oppure se c’è qualcosa sotto che mi sfugge.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawda - 9 mesi fa

    In molte di queste ipotetiche operazioni di mercato si potrebbe vedere un tentativo di gettare fumo negli occhi da parte della societa’, come a far credere di provare a prendere certi giocatori, salvo scaricare la causa del mancato acquisto sul rifiuto di questi di venire: penso ad Immobile, Ljajić e Giaccherini che hanno ingaggi a 2M oltre i premi e che il Torino pensa di prendere offrendo ingaggi decisamente inferiori, salvo poi quasi risentirsi se dall’altra parte non ci sentono a diminuirsi lo stipendio. Lo stesso problema temo si porra’ con Falque se alla fine arrivera’, perche’ alla Roma ha un contratto di 1,2M piu’ premi, quest’anno in prestito non sara’ modificato ma il prossimo anno quando dovra’ essere riscattato temo si vedranno le stesse patetiche manovre viste ques’anno con Immobile salvo poi dire che il giocatore non e’ convinto del progetto. Se uno ha un budget di spesa buono per una Panda, meglio che guardi in quel segmento di mercato, e’ inutile andare a trattare una mercedes e pretendere di avere le spese di gestione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 9 mesi fa

      Interessante la metafora della panda e della mercedes : il fatto pero’ è che qualcuno continua a farci credere (e molti lo fanno) che avremo un luminoso futuro dove la panda si trasforma in mercedes , mi sà come nella favola di cenerentola dove a mezzanotte torna tutto come prima .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawda - 9 mesi fa

        Il problema e’ che se hai un monte salari del livello di una panda purtroppo una mercedes magari di seconda mano riesci anche in qualche modo a comprarla ma poi non ce la fai a mantenerla. Il futuro luminoso me lo auguro da tifoso ma non riesco proprio a vederlo, soprattutto non riesco a capire come si possa crescere senza investimenti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mik - 9 mesi fa

      E ancor più grave che gira e rigira poi alla fine la panda si compra, col padrone che ci vende che a fine gran premio arriveremo nei primi 6! Certo…se tutti gli altri si ritirano…anche primi direi!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawda - 9 mesi fa

        Non pensavo e l’avevo scritto fossimo da primi sei lo scorso anno non so come si faccia anche solo ad immaginarlo quest’anno, dove finora abbiamo perso il miglior difensore, il miglior attaccante (anche se non era di proprieta’) e probabilmente perderemo l’uomo di maggiore qualita’. Credo che il target sia quello, parole e propositi del serbo inclusi, del centro classifica, per mantenere invariate le entrate dei diritti televisivi e sperando ogni anno di valorizzare qualche giovane da rivendere. Tutto questo fino a quando il campionato italiano restera’ a questo bassissimo livello e’ probabilmente fattibile, anche se il rischio di sbagliare l’anno e fare la fine dell’Udinese passata dal giocare in Champions a lottare per non retrocedere c’e’ sempre.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mik - 9 mesi fa

    Ahhh ma che ingenuo…ora mi è tutto più chiaro. Ljajic,Immobile e Giaccherini sono solo delle false piste percorse apposta dalla società per depistaggio. In verità Cairo e Petrachi stanno lavorando a fari spenti per portarci fior di colpacci,vedi Ajeti preso come svincolato dal Real Frosinone che è soltanto retrocesso in serie B con la peggior difesa del campionato (76 reti subite). Attenzione con sti fari spenti che prima o poi ci si schianta contro un palo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ddavide69 - 9 mesi fa

    Continuo a non capire perchè non ufficializzino l’acquisto (prestisto con riscatto) di Iago Falque .

    Sarebbe un modo per far capire alla gente quale direzione si stà prendendo …. bah !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Toro_in_Romagna - 9 mesi fa

    Ma dai, basta prencerci per il culo! Giaccherini sta cercando il contratto di fine carriera e prima o poi qualcuno che gli molla un paio di milioni all’anno lo trova pure, perchè mai dovrebbe venire da noi? Capisco che la società è sana anche se Cairo non vuole metterci la grana, quanto meno non la sua, ma forse è ora di capire che se non si alza il monte ingaggi (magari col tesoretto di tutte le plusvalenze create) quelli buoni da noi non vengono. E a meno di miracoli staremo sempre a galleggiare appena sopra la zona retrocessione.
    Inoltre voglio proprio vedere se i vari Gomis, Parigini, Barreca, Aramu troveranno spazio in prima squadra: che cazzo ce ne facciamo di un vivaio come il nostro se poi regaliamo i ragazzi in giro?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Kaimano - 9 mesi fa

    Come al solito a ogni critica su Cairo ci sono i caproni che mettono il dito verso. Ormai sono sicuro che, come per ki mette i feedback positivi su tripadvisor, ci siano persone pagate da Cairo per proteggergli le kiappe. Alcuni cercano di difendere l’indifendibile ormai da anni. Riusciamo a svendere anke i giocatori che altrove verrebbero pagati il doppio e adottiamo sempre la solita scusa della mancata presenza nelle coppe Europee, però lo stesso discorso dovrebbe valere anke per gli altri eppure, gli altri, si fanno pagare delle comete o probabili campioni fior di soldoni (vedi Iturbe). Ritengo Petrachi un buon DS e intenditore di calcio ma con Cairo diventa tutto difficile e manca sempre l’euro in più per affondare il colpo e poi siamo costretti a ripieghi dell’ultimo secondo stile Amauri !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 9 mesi fa

      ….vedremo anche quest’anno come andrà… e vedremo anche chi avrà ragione .

      Purtroppo non mi aspetto grandi cose ,e spero tanto di sbagliarmi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Cecio - 9 mesi fa

      Tutto vero, ma bisogna anche riconoscere che l’anno scorso (per es) la società gli sforzi li ha fatti ed eravamo tutti soddisfatti del mercato fatto di giovani italiani di belle speranze.
      Poi i risultati non sono stati quelli sperati per via di molti motivi, ma io ho ancora la speranza che errori alla “Amauri” non vengano più fatti.
      Ammetto che ogni tanto un pollice verso mi scappa nei confronti di chi critica solo per il piacere di farlo, dimenticando le cose positive fatte dalla società solo 12 mesi fa.

      P.S.: io sono stato il primo ad incazzarmi quando hanno fatto la cagata di Amauri!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Daniele abbiamo perso l'anima - 9 mesi fa

      A.A.A
      Se Cairo mi paga ti metto il pollice verso anch’io :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Theblizzard - 9 mesi fa

    Come ogni anno gli obbiettivi del mercato del Toro iniziano ad accasarsi altrove perchè Cairo non affonda mai il colpo nella speranza di risparmiare qualche soldo! Peccato che poi arrivano sempre degli scarti! Recoba forse è libero!!!!!! Aspetto sempre il calcio mercato con trepidazione e ogni anno solo delusioni…..povero Miha non hai minimamente idea di chi sia il suo presidente!Auguri!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Catlina - 9 mesi fa

    Secondo me il confetto falqui arriva sicuro. È dai tempi di Van De Korput che mancava uno così. .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. granata - 9 mesi fa

    Ora ricominciamo da zero.
    Certo è che abbiamo fatto na figuretta Giak è già del napoli
    Sinisa sicuro????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. esseti - 9 mesi fa

    e certo redazione!! Falque e Giak sono trattative lampo…!!!

    occorre assolutamente una giornata di chiarimenti.

    in special modo per Falque.

    ma basta!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. ex calciatore - 9 mesi fa

    Abbiamo le idee chiare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Daniele abbiamo perso l'anima - 9 mesi fa

    Uno si sapeva che era una testa di cazzo ma ci abbiamo perso tempo per settimane, l’altro è attaccato alla testa di cazzo da un cordone ombelicale e bisogna operare chirurgicamente per cercare di prenderlo; l’altro ancora è in vacanza è vuole staccare la spina. Altri ancora costano troppo o sono troppo scarsi. Uno che era capitano se ne è andato perché cinque anni sono tanti, un altro è andato ad allenare la Nazionale, quello che in aeroporto ci dichiarava amore è spartito senza un grazie ne un vaffanculo; il più fantasioso è in permesso e non si è presentato. In compenso siamo mancati a Padelli e Giacomo Ferri lo hanno seppellito tra le macerie del vecchio Filadelfia.
    Siamo in alto mare. Speriamo di saper nuotare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mik - 9 mesi fa

      Siamo in alto mare con una barca piena di buchi e Cairo che con una sola mano cerca di tapparli. E l’altra? Impegnata a mettere i soldi in tasca che arrivano dalle cessioni…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy