Calciomercato Torino – Giorni decisivi per Ljajic e Iago Falque

Calciomercato Torino – Giorni decisivi per Ljajic e Iago Falque

In entrata / Contatti continui e documenti pronti: i granata incontrano i rispettivi entourage per mettere tutto nero su bianco

7 commenti

LJAJIC

FC Internazionale Milano v Genoa CFC - Serie A

La trattativa dell’attaccante serbo sembra essere ormai quasi chiusa. Ma è proprio quel “quasi” che non fa dormire sonni sicuri ai tifosi granata. Il Torino sta cercando di limare la distanza con il giocatore dopo aver di fatto trovato l’accordo con la Roma.

L’offerta è chiara: 950 mila euro annui, più bonus, per 4 anni. L’attaccante vorrebbe un’opzione per il quinto anno ed un ingaggio che – centrati i bonus – arrivi a 1.5 milioni di euro. Oggi e nei prossimi giorni a seguire sono in programma una serie di incontri, sebbene i contatti restino continui.

L’intenzione è di chiudere a stretto giro di posta, diversamente il Toro virerà su quelle che ad oggi rappresentano le principali alternative, come ad esempio Lazovic.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. esseti - 9 mesi fa

    redazione…ogni giorno che arriva,è un giorno decisivo….penso che noi, per chiudere un affare, necessitiamo, come minimo, di 20gg.

    anche per dare una mano di bianco agli spogliatoi probabilmente ci mettiamo un mese.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Cecio - 9 mesi fa

    E’ vero, se ne sta parlando un po’ da troppo tempo di questi 2 acquisti…temo che alla fine rimarremo con nulla in mano, ma per ora sono fiducioso.
    Per il resto degli innesti, la situazione è ancora troppo fumosa…non si capisce bene chi partirà (a parte Glik che ormai sembra sicuro) e di conseguenza chi potrà arrivare.
    A centrocampo io punterei Viviani (con max 4 mln te lo porti a casa) che ha piedi buoni e la cattiveria giusta, ma questa è la mia opinione che non necessariamente combacia con quella di Sinisa.
    Vedremo… 😉

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dbGranata - 9 mesi fa

      Secondo me vorrebbero dare l’annuncio di entrambi insieme, perché credo che Iago Falque sia molto facile che arrivi mentre Ljajic visto lo stipendio e la caratura più alta del giocatore sia più in dubbio. Viviani piace pure a me! Però sarebbe un’altra semi-scommessa mentre forse non sarebbe male prendere un giocatore che dia più certezze.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granata - 9 mesi fa

    Ancora tt da assemblare senonchè i della valle si mettono di traverso e cercano di ostacolarci.tu vai a comprendere certi atteggiamenti che passano dall amicizia ai dispetti.speriamo bene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dbGranata - 9 mesi fa

    Ragazzi, è appena iniziato il calciomercato e da qualcosa dovevano pur partire. Gli attaccanti sono i primi ad accasarsi quindi trovo normale partano da lì. Ljajic è sicuramente in rapporto con Sinisa per la sua nazionalità, ma Iago è spagnolo. Il fatto che si cerchi loro non va attribuito alla loro nazionalità ma al fatto che l’allenatore crede in loro, li conosce calcisticamente e che loro sono due esuberi alla Roma, ergo sono operazioni facili.
    Di italiani siamo pieni, e per fortuna anche tutti molto giovani (gli “acquisti” italiani di quest’anno si chiamano Parigini, Barreca e Aramu per ora e non è poco, sono tre promesse). A centrocampo il primo nella lista è Soriano, un altro italiano, che però Ferrero non molla facilmente pur non reputandolo al centro del progetto quindi è fisiologico che, non essendoci tanti nomi in quel ruolo (a parte l’italianissimo e vecchissimo Valdifiori) guardino altrove, partendo da profili che il tecnico conosce bene. Per Kucka secondo me Sinisa lo vuole, ma non al prezzo di Maksi o Baselli (soprattutto il secondo), quindi non credo se ne farà nulla.
    Su Zappa e Peres il vero “problema” è che non è ancora arrivata l’offerta per Peres e Zappa pare non voler giocare un dualismo interno. Vedremo come andrà a finire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Daniele abbiamo perso l'anima - 9 mesi fa

    Ok un bel trio d’attacco e una cosa alla volta, ma mi preoccupano un paio di cose. Sinisa si è fissato con Kucka e il Milan vuole scambiarlo con Baselli o Maksimovic e mi pare una fesseria che spero non si avveri. Idem per la cessione di Zappacosta se cediamo anche Peres.
    Pen non parlare dei problemi in difesa e del solito centrocampo senza regista.
    Siamo un cantiere aperto ancora senza un disegno concreto all’orizzonte, e quel poco che si vede è sempre meno italiano e non mi piace.
    Sperando sian quasi tutte bufale..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Puliciclone - 9 mesi fa

      Speriamo! Anche la storia di sti due lì, mi sembra diventata una telenovela, uno di quei tormentoni che finiscono col lasciarti mani vuote.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy