Calciomercato Torino, i motivi del “vendere per comprare”

Calciomercato Torino, i motivi del “vendere per comprare”

Il fatto / Dinamiche di mercato, di spogliatoio e di bilancio: ecco perchè al club granata conviene prima cedere gli esuberi per poi completare la rosa di Mazzarri

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Vendere prima e comprare poi. E’ la chiara strategia del Torino in questa fase del mercato, soprattutto a centrocampo, dove sono da chiarire le posizioni di alcuni giocatori (Acquah, vicino all’Empoli, Obi e Valdifiori) prima di procedere con l’innesto nel ruolo di mezzala che Mazzarri richiede (Pereyra, Krunic, Grassi tra i nomi seguiti). Ma perchè non agire nel senso inverso, prima completando la rosa mettendo il tecnico nelle condizioni ideali per lavorare e poi cedendo gli esuberi?

Calciomercato: Acquah verso Empoli, si discute la formula. E su Krunic…

DINAMICHE DI MERCATO – Se il Torino comprasse un centrocampista in più senza prima alleggerire il reparto, sarebbe chiaro ed evidente che ci sarebbero dei giocatori totalmente in esubero. Gli eventuali acquirenti sarebbero quindi indotti a temporeggiare per fare abbassare il prezzo, ben sapendo che il club granata farebbe di tutto per completare quelle operazioni in uscita. E quindi, oltre ad essere costretto a “regalare” giocatori, il Torino rischierebbe anche di doverseli alla fine tenere in casa.

DINAMICHE DI SPOGLIATOIO – Avere tanti giocatori in rosa vuol dire essere costretto a tenerne diversi in panchina, più di qualche volta. Il giocatore che resta in panchina spesso si rilassa oppure si demotiva e il malumore all’interno di uno spogliatoio rischia sempre di propagarsi. E’ quanto è successo in qualche occasione la scorsa stagione, e quello che Mazzarri vorrebbe evitare con cura. Proprio il tecnico granata ha spesso insistito per poter avere a fine mercato una rosa fatta da 20-22 giocatori, non di più.

DINAMICHE ECONOMICHE – Un giocatore che rimane in panchina, ovviamente, si svaluta, ma soprattutto accresce inutilmente il monte ingaggi, una delle voci più importanti all’interno del calderone delle “spese” di un club. Per un club come il Torino, destinare risorse al monte ingaggi vuole dire avere meno possibilità di investirle sul mercato per l’acquisto di nuovi cartellini. Dunque, ecco alcuni validi motivi perchè al Torino convenga prima vendere e poi comprare.

42 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. silviot64 - 4 mesi fa

    Vero, manca un centrocampista, ma anche e soprattutto un esterno, avendone persi due e volendo conservare la possibilità di giocare anche col 352. Se invece questo modulo sarà quello preferito, di esterni ne mancano 2. Non vedo Berenguer in grado di difendere chi n sufficienti garanzie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Simone - 5 mesi fa

    Vendere 3/4 pezzi per arrivare a krunic, no modric, KRUNIC!!!
    Bah

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 5 mesi fa

      forse nemmeno quello… tipo donsah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. claudio sala 68 - 5 mesi fa

    Eviterei dietrologie, altrimenti si finisce sempre ad urlare al complitto. Si sono voluti comprare Niang e Rincon visti al Genoa e non è andata bene, con Immobile invece era andata benissimo. Purtroppo il calcio non è una scienza esatta spesso i giocatori rendono solo in determinati contesti, pensiamo ad esempio al percorso di Verdi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Andrea Valentino - 5 mesi fa

    Il motivo è molto semplice perché alla guida di questa gloriosa società abbiamo un cialtrone che cialtroneggia. Il suo compito è quello nient’altro buttare Fumo negli occhi ai tifosi ed eseguire ordini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. DARIOGRANATA - 5 mesi fa

    incredibili ovvietà,
    si pagano oggi anche gli errori del mercato scorso, alcuni acquisti ben azzeccati soprattutto Sirigu ed Ansaldi,
    il bidone sbadigliante inutile molliccio inguardabile Niang e
    il paracarro negazione del calcio incapace di un passaggio oltre i cinque metri, ultima riserva della Rube, Rincon
    entrambi nulli, entrambi strapagati, stupidamente ed incomprensibilmente visto che venivano da due campionati buchi o non giocati
    qualsiasi frequentatore di bar sport avrebbe sconsigliato il loro acquisto
    l’unica ragione logica é un favore a Rube e Mlan. A che scopo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

    Non

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ForzaToro - 5 mesi fa

    Lo scorso anno il centrocampo era stato costruito su un modulo insostenibile con 2 elementi titolari (Baselli e Rincon), 2/3 rincalzi di cui Obi (sempre rotto) a cui avevano fatto fare una preparazione particolare (sempre rotto lo stesso), Valdifiori (non utlizzabile in quel modulo) e Acquah (mediocre)…tale modulo per far posto a Niang (per carità) e mettere Ljajic nelle migliori condizioni…risultato: faticavamo contro tutti, squadra spesso spezzata e metà, Rincon e Baselli tra i più ammoniti…

    Ora con il passaggio ad un modulo più equilibrato (3-4-3, 3-5-2, 3-4-1-2) Baselli, Rincon, Lukic, Meitè e il “jolly” Ljajic (che si dovrà adattare ai moduli e non viceversa) + una mezzapunta sarebbero un buon mix…fuori dalle balle Obi, Valdifiori e Niang…Acquah per la panchina lo terrei…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ForzaToro - 5 mesi fa

      Errata Corrige: “+ una mezzala”…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. KEYPAX - 5 mesi fa

    Purtroppo nella compravendita di giocatori è normale fare sia plusvalenze che minusvalenze. Il problema è che quando compriamo a 5 e vendiamo a 30 tutto bene; quando invece si compra a 10 e si dovrebbe vendere a 5 per uno sbaglio (d’altronde è impensabile prenderci sempre) si aspetta in eterno l’offerta a 10 che non arriverà mai.
    Insomma Valdifiori va “regalato” in quanto percepisce un ingaggio alto (800 mila) che le squadre piccole non spendono, su Acquah sarei molto curioso di sapere quale sia la valutazione del Toro, perchè a 3/4 mln forse lo vendi, se ne chiedi 8/10 te lo tieni stretto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Bilancio - 5 mesi fa

    1) il monte ingaggi e’ AMPIAMENTE coperto dai diritti tv 60/62 milioni.
    Quindi i soldi da investire non arrivano tagliando degli ingaggi in esubero quindi…
    2) i soldi in cassa al netto di ricavi e vendite sono + 21.5 milioni..
    3) un osservazione sull articolo: concordo che se non vendi gli esubero il loro prezzo poi cala o li regali MA E’ VERO ANKE IL CONTRARIO: IO SO CHE TU VUOI PRIMA VENDERE L ESUBERO QUINDI TI OFFRO GIA MENO PERCHE LO VUOI VENDERE. URBANO NON CI STA???SE LO TIENE E NON COMPRA?? Bene quindi il famoso progetto sarebbe questo? Cosi si vincono i derby? Ripetiamo: in cassa i soldi ci sono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 5 mesi fa

      La tua fantasia è strabordante. Anzi no, i mln a disposizione sono 400.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bilancio - 5 mesi fa

        Ti correggo privilegio, l unico dato ineccepibile sono la spesa di 50 milioni di quest anno.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 5 mesi fa

      Leggendo dal Bilancio Torino FC i valori liquidita espressi in mln€ si legge :
      2014 +11.2
      2015 +7.7
      2016 +6.6
      2017 +18.9
      Mi dici da Dove arriva la tua cifra ? Grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Scott - 5 mesi fa

      Attivo o non attivo, io mi aspetto che (ogni tanto, non pretendo sempre da Cairo) un’azienda che vuol crescere investa. Il fatto che non sia mai stato investito nulla, se non un parziale riutilizzo dell’utile, a me fa capire solo una cosa e cioè che non vuol crescere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 5 mesi fa

        Su questo,dati alla mano, sbagli clamorosamente. Diversa considerazione sarebbe se si dovessero guardare i risultati sportivi in base agli investimenti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Scott - 5 mesi fa

          Stadio di proprietà? Profili da discreto merchandising? Tentativo di incrementare il bacino di utenza? Strategie finalizzate a obiettivi sportivi che non siano solo dell’allenatore?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. PrivilegioGranata - 5 mesi fa

    Contestazione dura a napoli contro ADL.
    Cioé i napoletani contestano il presidente che, se non ci fossero stati gli aiutini alla gobba nel finale di campionato, avrebbe fatto vincere lo scudetto al napoli.
    Rimango senza parole e propongo qualche petizione al riguardo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bilancio - 5 mesi fa

      Quando vendette higuain, i giornalisti chiesero ad ADL: presidente, reinvestira’ il ricavato?
      ADL: “ma che cazzo di domande fate???
      Se fosse stato Cairo in quel ruolo cosa avrebbe risposto??
      “Si, dobbiamo ancora fare qualcosina..”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PrivilegioGranata - 5 mesi fa

        ADL ha investito e il risultato è che i tifosi lo contestano.
        Bravi… pirla!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bilancio - 5 mesi fa

          Non hanno provato Cairo.
          Io francamente proporrei il prestito gratuito di Cairo..con obbligo di riscatto al Napoli e prenderei ADL a qualsiasi cifra.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. marione - 5 mesi fa

      Aiutini dati anche da una società di merda. Eh privilegio cairese

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. giorgiomontarul_15 - 5 mesi fa

    Ragazzi tutto va bene però rendiamoci conto che.. Per arrivare a qualche traguardo importante non basta spendere soldi, la concorrenza è forte, ci sono almeno 4,5 società a livello più alto che hanno speso molto.. Molto di più senza ottenere risultati. Ci vorranno anni l’importante è rimanere uniti e creare settore giovanile all’altezza per poi sfruttare le risorse che pian piano arriveranno, e tenere quei giocatori che hanno il credo del mito GRANDE TORINO. CIAO A TUTTI I TIFOSI DEL TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Paul67 - 5 mesi fa

    quando si va al mercato , invece di comprare solo offerte, scadenze prossime ……….. Basterebbe comprare merce buona , nn dico ottima , ma buona , anche in numero minore come chiede Mazzarri, ma buona .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. GlennGould - 5 mesi fa

    Ma Acquah non voleva andarsene in Inghilterra, parlando di due barra tre squadre inglesi interessate al suo acquisto? Io qua, io la…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gud_74 - 5 mesi fa

      Infatti questo è l’esempio che il calciomercato è pieno di “bufale” messe in giro ad arte.

      Se ci fossero state ste fantomatiche squadre Acquah sarebbe già andato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. user-13814870 - 5 mesi fa

    ma siamo a fine luglio e dobbiamo ancora pensare. .fare.. son cose che si sapevano già a fine campionato!!! Petrachi doveva avere già in testa da tempo cosa doveva aggiustare in squadra. parlare con WM e Cairo…dargli una mossa. Essere svegli!!! Leggo che a Napoli i tifosi son scontenti anche loro. Capisco che non è facile con questo calcio ma noi ogni anno arriviamo all’ultimo….Sbrigatevi!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Puliciclone - 5 mesi fa

    Avevamo un centrocampo di brocchi senza sostituti l’anno scorso. Quest’anno confermandoli tutti avremo un centrocampo di fenomeni. Mah…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paul67 - 5 mesi fa

      …….sono i misteri della fede.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. user-13946570 - 5 mesi fa

    Beh. Se ragioni da imprenditore quale sei e guardi i fatturati dei tuoi giornali delle tue televisioni.. Di rcs.. È inutile che resti al toro.. Ti vengono chiesti giocatori che per comprarli serve uno sforzo economico non indifferente (vedi laxalt) e pur di tenerti i tuoi soldi dici che 20 milioni sono troppi e guardi giocatori da 2 milioni di euro perché dici.. “se mi va bene lo rivendo al triplo” e fino adesso ti è sempre andata di culo.. Ma metti caso che qualcosa va storto poi ricordati che la colpa è solo tua..

    Cristiano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. schmat - 5 mesi fa

    Per me, trattenendo tutti è stato fatto uno sforzo importante che alza l’asticella della squadra e conferma un gruppo in blocco. È importantissimo che i giocatori si conoscano e siano amici nel campo e fuori, e serve tempo per questo. Se ogni anno cambi 5 titolari non vai da nessuna parte, devi tenere il blocco che conta e confermarlo e questo è stato fatto. Spero però che arrivi un esterno di centrocampo se no siamo corti in quel ruolo e fra coppa e campionato diventa dura.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. toro - 5 mesi fa

      vorrei sapere chi ha messo pollice verso …perché…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. toro - 5 mesi fa

        conigli…rispondete!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. fabrizio - 5 mesi fa

          sono come la nuvola dell;impiegato di fantozzi. Ognuno ha i suoi :-)

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. marione - 5 mesi fa

    Motivazioni assolutamente opinabali, potrei portare n esempi che dimostrano la falsità di simili affermazioni; ma a parte me, che sono un pincopallino qualsiasi, ma quanto scritto fa a pugni con i più basilari principi di economia aziendale e di economia in senso lato. Se il Toro (la cairese) ha bisogno di vendere, i tuoi acquirenti lo sanno e ti abbassano il prezzo. Se ad un punto T (ammesso mai che arrivi) hai venduto quello che dovevi, il numero dei rimanenti è sceso, quindi avrai minor scelta e il prezzo sarà aumentato. Pagherai quindi di più giocatori statisticamente più scarsi (è un modo di dire, perchè non compreranno nessuno, adducendo le solite stupidaggini)
    Sopratutto, l’azienda parte con giocatori senza preparazione atletica, senza amalgama, senza conoscenze tecniche che l’allenatore dovrebbe dare ecc ecc ecc e potrei continuare per pagine.
    Insomma, l’unico principio che sostiene questa politica è la tirchieria del non tirare fuori soldi e il principio “se non vendo li tengo e li spaccio per buoni”. Il fatto che falliate da 14 anni dimostra ampiamente che quello che professate è solo fumo.
    Ovviamente parliamo dal punto di vista sportivo, se invece è un allevamento di polli da batteria per generare plusvalenze, allora funziona tutto a dovere e i risultati vi danno ampiamente ragione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 5 mesi fa

      Ammettendo che quello che dici sia esatto , mi elenchi le squadre che ad oggi hanno completato la rosa ? Grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bilancio - 5 mesi fa

      X marione: la seconda che hai detto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Kalokagathia - 5 mesi fa

      Ragionamento un po’ forzato. Non vedo cosa ci sia di sbagliato nella logica di vendere prima gli esuberi: non possiamo avere una rosa con quasi 10 centrocampisti che ricoprono più o meno gli stessi ruoli, e un attaccante di troppo (ovviamente Niang). Sarebbe un casino da gestire sia per il mister, sia perché sarebbe alquanto compromessa l’armonia nello spogliatoio visti i molti panchinari, che in molte quadre potrebbero ritagliarsi ruoli più importanti.
      Son d’accordo con l’idea di riuscire a vendere prima di acquistare, almeno due tra Valdifiori, Obi e Acqua, ma ripeto, non per una questione di bilancio, per una chiara difficile gestione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Scott - 5 mesi fa

    tutto condivisibile, purchè non si arrivi a metà agosto con la polpetta avvelenta all’amauri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. dennislaw - 5 mesi fa

    Strategia inevitabile dopo i tanti errori di mercato. Chissà se Marchionne presidente del Torino si sarebbe tenuto manager così…ma lo stesso De Laurentis. Cairo deve meditare perchè la piazza è stanca e chiede risultati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. miele - 5 mesi fa

    Sono considerazioni accettabili, che però comportano alcuni rischi: se non si riescono a piazzare gli esuberi in tempi ragionevoli, c’è il rischio che gli obiettivi prendano altre strade. Se poi non si riesce a vendere nessuno, ci ritroveremo con giocatori che si sentiranno indesiderati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. user-13746076 - 5 mesi fa

    Anche se a qualcuno farà storcere il naso, resto convinto che le sole cessioni di alcuni tra Obi, Acquah, Valdifiori e il ballerino nero saranno un lusso, quasi in controtendenza a tutti i mercati precedenti, in cui qualche agnello veniva sacrificato al dio plusvalenza. Barreca a parte…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy