Calciomercato Torino, il punto sulle uscite: da Barreca a Niang, quanti nodi da sciogliere

Calciomercato Torino, il punto sulle uscite: da Barreca a Niang, quanti nodi da sciogliere

Valdifiori e Milinkovic pronti a dare ufficialmente il via alle operazioni in uscita, con il loro trasferimento alla SPAL

di Redazione Toro News

Questo inizio di calciomercato granata verrà ricordato come “il più lento” degli ultimi anni: nessuna operazione in entrata o in uscita degna di nota, a parte le cessioni minori di Avelar e Carlao. Mazzarri e Petrachi vogliono costruire una rosa corta, da 18-20 elementi, integrata e completata da giovani (tra cui Damascan e Ferigra). Questo al fine di poter lavorare con un gruppo in cui tutti i calciatori si sentano sulla corda e coinvolti allo stesso modo. Al momento, il Torino ha sotto contratto un numero ben superiore di effettivi. Ecco perchè non va sottovalutata l’esigenza di completare delle cessioni, in questo frangente del mercato granata.

VALDI E VANJA – I primi due nomi nella lista dei partenti sono Valdifiori e Milinkovic-Savic: entrambi destinati alla SPAL (il primo in via definitiva, il secondo in prestito), risultano essere le operazioni che il Toro vuole concludere più velocemente, perché appunto molto ben avviate. Tuttavia, il Toro – prima di operazioni in entrata a centrocampo e attacco soprattutto – deve sfoltire ancora la rosa che sarà di Mazzarri, con i casi Barreca e Niang ad oggi molto complicati.

BARRECA-NIANG – Sul terzino, come raccontato, c’è l’interesse concreto del Monaco: il Toro, però, vorrebbe monetizzare (almeno dieci milioni) dalla cessione di Barreca, che come sappiamo è deciso a partire verso nuovi lidi. Bisognerà però capire il Toro come riuscirà a sostituirlo nell’immediato, visto che Peres pare allontanarsi. Anche la situazione Niang non è affatto semplice: il Mondiale agrodolce del franco-senegalese non ha certo aumentato in modo vertiginoso le sue quotazioni, e di fatto è la sua uscita che sbloccherebbe qualsiasi operazione in entrata per quanto riguarda l’attacco, ad oggi numericamente sovraffollato.

Luciano Castellini “blinda” Sirigu: “Bene il rinnovo col Toro, o gli tiravo un calcio…”

GLI ALTRI – Oltre a questi due grandi casi, ci sono poi quelli dei rientranti dai prestiti. Soprattutto, di quei “rientranti” che non fanno parte dei piani di Mazzarri. Tra questi, sicuramente c’è Boyé: l’argentino ha giocato poco (e non bene) al Celta Vigo e adesso deve trovare sistemazione in Serie A. Il Parma ha già fatto un sondaggio su di lui. Più complicate le situazioni legate a Parigini e Aramu: sul primo c’è forte l’Udinese, mentre sul secondo ci potrebbero essere ancora i fari della Serie B. Infine, tra i sicuri partenti c’è Ajeti: il Crotone non lo ha riscattato e lui è pronto a lasciare il Toro in via definitiva.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. coach53 - 5 mesi fa

    Vabbè, fra 10 gg un Toro che probabilmente non sarà quello da campionato (fino a fine Agosto di acqua sotto i ponti assai) inizierà a preparare … giocatori che poi saranno altrove. Come (quasi) da sempre. Ma chiedo a voi che ne sapete di più: siamo certi che Sirigu, N’Koulu, Falque, Lijaic, Belotti, Baselli, Edera … saranno dei nostri? Avere il contratto sappiamo bene quanto nulla significhi. Do per scontato non ci saranno Barreca e Niang e forse nemmeno Acquah ed Obi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Scott - 5 mesi fa

    Neanche a Porta Palazzo è vendibile Niang. Maledetto raiola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ForzaToro - 5 mesi fa

      Maledetto Sinisa…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. dukow79 - 5 mesi fa

        Maledetto urbano…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mario66 - 5 mesi fa

    Nell’era Cairo il nostro mercato si è sempre caratterizzato per l’estrema barboneggeria e incompiutezza oltre che naturalmente alla continua ricerca della plusvalenza. Forse con una unica eccezione l’anno scorso. Quest’anno mi sembra invece che si voglia battere tutti i record negativi. Ma d’altra parte le posizioni occupate dal nostro TORO il classifica certificano quanto suddetto. Cairo vendi agli americani!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marino - 5 mesi fa

      Per i papaboys dovevi scrivere che siamo arrivati terzi. Loro vivono in un modo fatato dove il Toro vince lo scudetto, Cairo compra i giocatori e Comi è magro. Mi raccomando a dicembre nessuno sveli che Babbo Natale non esiste o ci rimarrebbero male. Ancora gli si sciolga la casa di marzapane in cui vivono.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ForzaToro - 5 mesi fa

        Quanta sagacia, quanta saggezza…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. TooDrunkTo*uck - 5 mesi fa

          quanta intelligenza

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ForzaToro - 5 mesi fa

      Quanta sagacia in questi commenti…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gianTORO - 5 mesi fa

        eh già…c’è sempre chi sa sempre tutto e perchè le cose succedono o non succedono…che fortuna. stranamente però sono sempre quelli che buttano palate di m gratuita…che strana la vita…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13658280 - 5 mesi fa

    sono proprio curioso di vedere cosa combiniamo, deve essere un vizio, ricordo x avere le ufficialità di ljajc e iago c era voluta la mano del signore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. CUORE GRANATA 44 - 5 mesi fa

    Beh! Ad una settimana da inizio ritiro mi pare che il quadro sia “poco incoraggiante!” Va inoltre considerato che quelli indicati sono “solo” taluni dei molteplici nodi che dovranno essere sciolti.Certo il mercato chiuderà i battenti a metà Agosto…..FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy