Calciomercato Torino, Milinkovic-Savic sceglie l’Ascoli per dimostrare il suo valore

Calciomercato Torino, Milinkovic-Savic sceglie l’Ascoli per dimostrare il suo valore

In uscita / Il portiere granata, dopo 6 mesi di difficoltà alla SPAL, durante i quali si è trovato spesso in panchina, vuole chiudere la stagione da protagonista

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il portiere Vanja Milinkovic-Savic, che è di proprietà del Torino, si sta per spostare: dopo essere rimasto per la prima parte della stagione alla SPAL, con la volontà di mettersi in mostra e giocare (considerato che in granata il titolare fisso è Salvatore Sirigu), non ha avuto molta fortuna, trovando sul suo cammino un Alfred Gomis – vecchia conoscenza granata – che ha dato molte sicurezze a Semplici, il quale non ha quasi mai voluto provarsi dell’estremo difensore ex Toro.

AS Roma v Torino FC - TIM Cup

PRESTAZIONI – Alla SPAL ha giocato soltanto due partite in Serie A, mostrando però in quel poco tempo di che pasta fosse fatto, sotto ogni punto di vista. Contro la Roma, ad esempio, ha sfoderato una prestazione pressoché perfetta, neutralizzando i tentativi dei capitolini con parate importanti e con grande sicurezza tra i pali. Anche grazie alla sua prestazione, la SPAL ha espugnato l’Olimpico vincendo 2-0, vedendo andare a segno anche l’altro giocatore del Torino in prestito, Bonifazi. Ma nella stessa gara, Milinkovic-Savic ha mostrato anche l’altro suo lato, facendosi espellere per doppia ammonizione al minuto numero 75. L’espulsione, per quanto non meritata, ha macchiato una partita che poteva essere perfetta per il serbo. In più, quando contro la Sampdoria ha giocato in Coppa Italia, non è stato all’altezza: diversi errori in quella gara, che non lo hanno aiutato ad acquisire sicurezza.

Calciomercato, Milinkovic-Savic verso l’Ascoli: contatti in corso per chiudere

ASCOLI – Anche a causa di quelle impressioni, alla SPAL ha quasi sempre visto le partite dalla panchina. Per questo motivo il giocatore – insieme al suo entourage – ha scelto di spostarsi e andare in Serie B per riuscire a giocare con continuità e dimostrare le sue qualità. La squadra pronta a dargli questa chance è l’Ascoli, squadra che si trova attualmente in undicesima posizione nella Serie cadetta, a soli due punti dalla zona playoff: questa può essere un’occasione importante per Milinkovic-Savic per crescere e accrescere la sua esperienza. Savic dovrà conquistarsi il posto competendo con Perucchini, attuale estremo difensore bianconero, che sta faticando: nella sua ultima prestazione è stato anche protagonista di un’autorete.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawn - 2 mesi fa

    Mi tornano i mente i tempi dell’Ascoli in A, Mazzone che allenava gente come , Walter Novellino e Andrea Mandorlini…

    Mio padre che mi portava allo stadio…

    Le partite in radio, la telecronaca … Novantesimo minuto..

    Tonino Carino da Ascoli !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dattero - 2 mesi fa

    vivarini ad Empoli ha fallito di brutto,dove è riuscito un “coso” come andreazzoli,a teramo benissimo,pero’ non so se e’ da A.
    il portiere lungagnone parli coi fatti e non con la prosopopea

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata - 2 mesi fa

      Ciao dattero, io sono dell’idea che Andreazzoli abbia goduto del lavoro di Vivarini. Detto questo gli attestati di stima gli sono tributati un po da tutti, tecnici, calciatori, giornalisti. Vedremo il ragazzo se saprà sfruttare l’occasione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Granata - 2 mesi fa

    Bene, benissimo se va ad Ascoli da Vivarini e Zambardi. Vivarini ha fatto la gavetta dopo essere stato un discreto attaccante. Ha smesso presto per infortuni e si è guadagnato sul campo la serie B ma potrebbe allenare, e molto bene, in serie A. Allenatore che non lascia nulla al caso e parte dal rapporto umano. Benissimo per Vanja. Adesso tocca a lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy