Calciomercato Torino: Zappacosta vuole stupire Miha, ma Roma e Sassuolo…

Calciomercato Torino: Zappacosta vuole stupire Miha, ma Roma e Sassuolo…

In uscita / Il laterale approfitta dell’assenza di Bruno Peres per mettersi in mostra e scalare le gerarchia. Giallorossi e neroveri si muovono nell’ombra

11 commenti
Zappacosta, Le probabili formazioni

Una stagione fatta di luci ed ombre, l’imminente possibilità di riscattarsi magari anche sfruttando a proprio favore il cambio di guida tecnica: Davide Zappacosta lavora sodo in Sisport – e da oggi a Bormio – per conquistare il nuovo tecnico granata Sinisa Mihajlovic e diventare un perno del futuro Torino.

La prima annata all’ombra della Mole è stata caratterizzata da prestazioni altalenanti per l’esterno, mai capace di trovare la giusta continuità, probabilmente condizionato anche dal minutaggio limitato: la perenne alternanza con Bruno Peres, pur potendo essere uno stimolo importante, non ha di certo giovato al laterale ex Atalanta. Proprio in questo senso, Zappacosta sta cercando in questi giorni di dare il massimo per impressionare il neo tecnico fin da subito, approfittando della momentanea assenza dell’esterno brasiliano: Bruno Peres non ha ancora raggiunto i compagni godendo di un permesso straordinario per motivi personali, ed il suo arrivo è previsto direttamente a Bormio nel corso di questa settimana.

La pagelle di Torino-Sassuolo
Zappacosta si gioca la maglia da titolare con Bruno Peres, per l’out di destra

Una situazione che al momento gioca a favore di Zappacosta il quale nelle situazioni di gioco provate in queste giornate non può che essere costantemente il titolare sull’out di destra. Un privilegio che tuttavia è destinato a non sussistere: con l’arrivo del brasiliano in ritiro ricomincerà inevitabilmente il testa a testa per la maglia da titolare. E nel frattempo proseguono le voci di mercato incentrate su entrambi gli esterni granata: se per Bruno Peres il Manchester City – principale interessato – sembra aver allentato la presa (leggi qui) non si placano gli interessi per Zappacosta: anche se con meno insistenza rispetto alle passate settimane parecchie società, con Roma e Sassuolo in testa, seguono con attenzione l’esterno granata.

Zappacosta
Davide Zappacosta vuole convincere da subito il nuovo tecnico Mihajlovic

In casa capitolina il benestare di Spalletti per l’operazione era già arrivato da tempo, i neroverdi devono invece sostituire Sime Vrsaljko partito in direzione Atletico Madrid: il Torino finora ha respinto gli assalti, con l’intenzione di puntare ancora sul giovane laterale. Zappacosta si allena per convincere fin da subito Mihajlovic, sfruttando la momentanea assenza di Bruno Peres; nel frattempo le pretendenti rimangono alla finestra con il massimo interesse

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Nick Mano Granata - 1 anno fa

    Se come pare certo verrá ceduto Peres sarebbe un delirio dare via Zappacosta.

    Da terzino (difesa a 4) poi é il suo vero ruolo, molto piú che da esterno di centrocampo (Peres l’esatto opposto).

    Io lo blinderei, insieme a Baselli, continuo a pensare siano stati i colpi migliori dell’era Cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tenente Sheridan - 1 anno fa

    Ritengo che Zappacosta, anche se ha passato una stagione abbastanza travagliata, fra luci ed ombre, meriti assolutamente una possibilità.

    Se poi “qualcuno” potesse portare avanti l’esperimento delle ultime giornate dello scorso campionata, peraltro secondo me riuscito, di Zappacosta terzino e Peres centrocampista laterale (sempre che rimanga al Toro e non venga ceduto), direi che avremmo risolto “in casa” un bel po’ di problemini.

    “Sic transit gloria mundi”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Kaimano - 1 anno fa

    Giusto x la cronaca: City 53 Mil. X Stones e vogliono dare a noi 20 Mil. x Peres. Io fossi in Cairo gli farei vedere qualke filmato, xkè i 53 Mil. dovrebbero semmai darli a noi!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Nick Mano Granata - 1 anno fa

      Età e ruoli diversi (é un centrale) ma in parte concordo dato che di terzini come Peres al mondo ne ricordo pochissimi. Date certe cifre assurde (per bidoni) non sarebbe uno scandalo venderlo per 25/30..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pimpa - 1 anno fa

    Se c’è ancora qualcuno che pensa che Zappa(costa) sarà il prossimo terzino della nazionale (capirai..) e ne parla come se fosse Cafù o Maldini, addirittura augurandosi che venga venduto (più o meno bene) Bruno Peres perché così la società avrà un bel gruzzolo da spendere per rinforzare il Toro, allora c’è poco da stare allegri.
    Sarebbe meglio cedere l’unico giocatore che sa davvero giocare a calcio se utilizzato nel suo ruolo naturale,per tenersi un rammollito finto giovane di 24 anni che ha giocato nell’Avellino e nell’Atalanta e che da noi,tutte le volte che ha giocato,ha dimostrato di essere timido,inaffidabile in fase difensiva,incapace nell’80% dei casi di fare un cross decente,senza colpo di testa,con una indiscutibile facilità di corsa e velocità di gamba,ecco tutto.
    Sono naturalmente di idee opposte al riguardo,perché la vendita di Bruno Peres sarà la ulteriore dimostrazione della pochezza della nostra società,di quanta poca ambizione ci sia,nei fatti,a crescere davvero,per fare la qual cosa ci vogliono soldi,non c’è niente da fare.
    Ma se ogni anno si vendono i migliori per realizzare plusvalenze che permettono di avere bilanci in regola ma non si fanno investimenti,non si cerca di trattenere i migliori,non si adeguano gli ingaggi,se non si mette in moto insomma quel meccanismo che all’inizio richiede necessariamente investimenti che però,domani,porteranno i loro frutti che si tradurranno in aumento di forza effettiva della squadra,in maggiori introiti provenienti dai diritti televisivi, dalla vendita dei biglietti,dai soldi provenienti dagli sponsor e quant’altro,se non si fa tutto questo ma ci si accontenta di trovare ogni anno quei due o tre giocatori che,nel giro dei tre anni successivi assicurino la famosa plusvalenza e non si capisce che per raggiungere determinati obbiettivi non si può rimanere ancorati a parametri di ingaggio totalmente inadeguati rispetto agli obbiettivi dichiarati,che speranze ci restano?
    Io dico poche,ahimè.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. dax69 - 1 anno fa

    il mio pensiero è zappa terzino titolare,comprare un buon giovane di prospettiva da far crescere alle sue spalle,sposterei avanti bruno peres all’ala,e tra un anno ne vale 40 di milioni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. osvaldo - 1 anno fa

    Zappacosta non si tocca.
    Se servono soldi meglio vendere PERES A 18-20 MLN.
    Zappa sarà il prossimo terziono della Nazionale.
    Osvaldo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. AmmaMi71 - 1 anno fa

      Concordo! In oltre con B.Peres si riuscirebbero a prendere un bel po di soldi da investire in nuovi innesti cosa che probabilmente si potrà fare anche con Zappa ma solo tra qualche anno…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Kaimano - 1 anno fa

        ma quanto capite poco di calcio!!!
        1) Peres vale il doppio. A 20 Mil. lo svendi e basta guardare i soldi offerti per quel bidone di Dignè per capirlo.
        2) se continui a vendere ogni hanno i migliori non avrai mai una crescita seria ma rimarrai sempre nel limbo. Ieri Cerci/Immobile poi Darmia oggi Glick e Peres, domani Belotti o ki altro.
        3) Tu tieni Zappacosta e metti Perse 20 metri davanti a lui e vai a rompere le ossa in giro. Se Capello lo fece con Mancini nn vedo perkè nn si possa seguire lo stesso esempio per Peres.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. dax69 - 1 anno fa

          tutti i calciatori da te citati hanno scelto di andare via…per il resto pienamente d’accordo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. RDS- toromaremmano - 1 anno fa

      Si hai ragione, ma dal momento che diventerà il terzino della nazionale purtroppo non sarà più nostro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy