D’Alena e Torino, dopo il contratto il prestito: ci sono Renate e Alessandria

D’Alena e Torino, dopo il contratto il prestito: ci sono Renate e Alessandria

Calciomercato / Il capitano della Primavera dovrebbe firmare il primo contratto da professionista con i granata entro il 30 giugno, e poi…

di Federico Bosio, @fedebosio19

Stagione di transizione e stagione estremamente positiva per Antonio D’Alena, certamente a livello di collettivo ma anche e soprattutto dal punto di vista personale: il centrocampista classe ’98, che nell’ultima annata ha indossato la fascia di capitano della Primavera granata, ha vissuto una sensibile metamorfosi divenendo leader vero e perno nel progetto tecnico-tattico di Federico Coppitelli. Insieme al tecnico, del quale ha incarnato in qualche modo una vera e propria voce sul campo, si è tolto importanti soddisfazioni vivendo un’annata da protagonista e proiettandosi verso un importante futuro. Quello appena passato è stato infatti l’ultimo campionato di D’Alena nelle giovanili del Torino.

Calciomercato, il Galatasaray su Hernandez. Dalla Turchia: “Piace anche al Torino”

Adesso il centrocampista dovrebbe legarsi al club granata attraverso il primo contratto da professionista: un passo importante senza ombra di dubbio, anticipato sulle nostre colonne, che dimostra come il Torino sia intenzionato a puntare anche su di lui e, dopo averne riconosciuto la crescita e le qualità, a monitorarlo nel corso delle prossime stagioni. La firma sul primo contratto dovrebbe quindi arrivare entro la giornata del 30 giugno. Poi, per l’ormai a questo punto ex capitano della Primavera granata, si apriranno le porte del prestito presso club che possano permettergli di fare le prime esperienze con il calcio dei grandi e di maturare ulteriormente, valorizzandosi e mettendo in mostra le proprie qualità. In questo senso, si sono già registrati gli interessi di due club in particolare: Renate ed Alessandria. Ogni discorso di mercato è però logicamente rimandato all’inizio di luglio, quando il primo contratto dovrebbe essere realtà.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Giankjc - 4 mesi fa

    Bravo e promettente, se esiste ancora un minimo di dna del Toro nell’azienda cairota, dovrebbe rimanere attaccato al Fila.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy