Gasbarroni nuovo ”epurato”?

Gasbarroni nuovo ”epurato”?

di Valentino Della Casa – Con Andrea Gasbarroni, in sede di mercato, il Torino le sta provando tutte. Prima la rescissione (se ne era discusso a maggio), in seguito il tentativo di inserirlo nelle trattative che dovevano portare Rubin al Cesena o al Parma, dopo ancora il tentativo di girarlo al Varese, accettando anche di pagarne una parte del lauto ingaggio (750mila euro netti) ma non alle condizioni volute dal ds dei lombardi…

di Valentino Della Casa – Con Andrea Gasbarroni, in sede di mercato, il Torino le sta provando tutte. Prima la rescissione (se ne era discusso a maggio), in seguito il tentativo di inserirlo nelle trattative che dovevano portare Rubin al Cesena o al Parma, dopo ancora il tentativo di girarlo al Varese, accettando anche di pagarne una parte del lauto ingaggio (750mila euro netti) ma non alle condizioni volute dal ds dei lombardi Mauro Milanese. Niente da fare, il giocatore si sta ora allenando ad Omegna con i compagni, pur sapendo che il suo percorso, in granata, è giunto al termine.

Al fantasista acquistato due stagioni fa dal Genoa, infatti, era già stato comunicato da tempo che non avrebbe fatto parte dei piani di Giampiero Ventura e che, in caso di permanenza a Torino al termine del mercato estivo, sarebbe stato escluso dalla lista degli over 21 che la società granata dovrà presentare in Lega ai primi di settembre. Rischiando, così, di diventare il “nuovo epurato” del gruppo, dopo i casi recenti di Diana, Di Michele e Loviso.

Il nodo della cessione del giocatore che ha comunque poco mercato è legato all’ingaggio. Troppo alto, per tutte le società interessate; decisamente lauto, per il giocatore, che non vorrebbe privarsene, vista anche la difficoltà a ricevere gli stessi emolumenti in futuro. La situazione dunque è in stallo, con Gasbarroni che vive da separato in casa e potrebbe farlo per ancora un anno, quando il contratto andrà in scadenza, per finire in lista gratuita.

Tuttavia proprio il Varese, approfittanto del match amichevole di questa sera, incontrerà ancora una volta il Torino per provare a cautelarsi, qualora Zecchin, che soffre di pubalgia, non desse necessarie garanzie (tutte le valutazioni sono comunque rimandate dopo Ferragosto). Qualcosa a fine agosto, dunque, potrebbe ancora succedere, anche se, allo stato delle cose, rimanere all’ombra della Mole sembra l’esito più probabile.

(Foto: M. Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy