Il Celta ci prova per Boyé: il Torino al momento dice “no”

Il Celta ci prova per Boyé: il Torino al momento dice “no”

Calciomercato / La squadra spagnola ha chiesto informazioni per l’attaccante argentino: il Torino prende tempo

di Nicolò Muggianu

Il Celta Vigo bussa alla porta del Torino. Tra gli obiettivi di mercato del club galiziano c’è Lucas Boyè. L’attaccante classe 1996 ha trovato poco spazio sin qui tra le fila granata, ma gli estimatori non mancano di certo. La caccia all’argentino di San Gregorio dura ormai da settimane: dopo un primo sondaggio sotto traccia, la squadra di Juan Carlos Unzué si è fatta avanti con decisione; con l’intento di acquistarlo in prestito con diritto di riscatto.

Torino FC v Atalanta BC - Serie A

Un’ipotesi che non aggrada affatto il Torino. Il club di Cairo infatti, ha risposto con un secco “no”, dando la precedenza – almeno per il momento – ad eventuali richieste di prestiti secchi. Il direttore sportivo Petrachinon sembra avere alcuna intenzione di perdere il controllo sul cartellino di un ragazzo inseguito a lungo e che, nonostante gli ultimi mesi deludenti, è ritenuto tra gli attaccanti più promettenti in circolazione.

Se con Mihajlovic l’argentino aveva trovato poco spazio inoltre, con il cambio di guida tecnica le cose potrebbero cambiare. Prima di dare un giudizio definitivo infatti, Mazzarri dovrà avere il tempo necessario di lavorare con lui per testare quale sia il suo vero valore. Il Celta Vigo ci prova, ma il Torino chiude la porta: il futuro di Boyé (almeno per il momento) sembrerebbe essere la permanenza o il prestito secco.

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alex71 - 4 mesi fa

    Ricordiamoci che Boye quando fu prso giocava seconda punta in argentina. Miha lo ha adattato ne 433 il primo anno per sostituire lijaic infortunato. Poi con l’esplosione di belotti non ha mai avuto chances di giocare nel suo ruolo. Una volta preso poi Niang e’ stato posto nel dimenticatoio. Miha non e’ uno stupido ma, qualche dubbio sulla gestione di Boye ce l’ho, visto che ha fatto prendere Niang per una barca di soldi e poi lo ha collocato in una posizione non congrua. Niang, intervistato, ha dichiarato di essere una punta centrale e, per quanto sia fuori di testa, viste le ultime due partite come centrale, mi sembra che Miha abbia quantomeno preso un abbaglio. E poi ragazzi, il Toro e’ forte, la squadra e’ molto competitiva, sia quest’anno che l’anno scorso. Siamo da europa league senza alcun dubbio. Per come la vedo io, un allenatore che si porta una squadra di tattici significa che di tattica non ne sa molto. E poi, innumerevoli interviste nelle quali tirava m… sui giocatori facendo nome e cognome. Non credete che Miha stesse sulle p… a diversi di loro? i giocatori sono comunque persone e come persone devono essere rispettate a prescindere dallo stipendio che prendono. Come gestore del gruppo anche peggio. Se ha fatto terra bruciata in tutti i clubs che ha allenato un motivo ci sara’. Semplicemente non e’ all’altezza di fare il tecnico in serie A.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG'59 - 4 mesi fa

    Sono convinto che Mazzarri sarà in grado di tirare fuori il meglio da questo giovane talento argentino: guai solo a pensare di cederlo, al massimo in prestito secco fino a giugno ma sono certo che tornerà molto utile al Toro in questo girone di ritorno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alex71 - 4 mesi fa

      Concordo 100%

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Alex71 - 4 mesi fa

      Concordo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. brusbi - 4 mesi fa

    E’ incredibile. Questo è l’unico giocatore (a parte Belotti) che ci viene insistentemente richiesto da numerose società italiane e straniere tutte di 1 categoria, e non solo per un prestito. Altri ottengono l’attenzione di qualche squadra di serie B o anche di C, vedi Renate. Altri ancora, i presunti Big non li cerca nessuno.
    La società granata si è dimostrata una pessima estimatrice di Boyè preferendogli sempre qualcun altro e se continua questo atteggiamento, sarà l’argentino a non voler più restare con noi o di ritornarci dopo un prestito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. roby_p - 4 mesi fa

      …scusa, la società granata lo stima eccome, tanto è vero che lo girerebbe solo in prestito secco, era solo l’allenatore a non schierarlo, a torto o ragione non lo so ma era lui che doveva farlo crescere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. brusbi - 4 mesi fa

        E allora perchè prendere Niang quando già si era preso Berenguer come sua riserva nel 4-2-3-1, e poi addirittura preferirgli Berenguer quando, per via delle assenze ha avuto qualche opportunità di giocare?
        Boyè non è mai partito titolare da inizio stagione, diversamente da molti altri.
        Questa si chiama sfiducia e non si pensi che è solo colpa del tecnico serbo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ribaldo - 4 mesi fa

    beh, Sadiq gli è stato davanti nelle gerarchie di un tecnico per modo di dire………

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Veyser - 4 mesi fa

      E lo stesso tecnico che ha comunque fatto fare il fenomeno al Gallo o mi sbaglio… Io dico solo che alla fine chi ha i numeri emerge e Berenguer lo ha dimostrato… Boye purtroppo avrà avuto pure poche occasioni ma si è dimostrato confuso ed involuto rispetto allo scorso campionato dopodiché sono il primo a dire che non va ceduto ma piuttosto aspettato…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Veyser - 4 mesi fa

    Rispetto il pensiero del fratello granata che mi ha preceduto ma a malincuore la penso diversamente, mi ero illuso dopo buone prestazioni lo scorso anno invece quest’anno involuzione totale, se addirittura Sadiq gli è stato davanti quando il gallo era infortunato forse per la prima punta non è molto adatto, se lo si immagina esterno a sx, alla Ljalic o Berenguer logico che sia la terza scelta. Dovrebbe prendere esempio proprio da Berenguer che da oggetto misterioso quando è stato chiamato si è fatto trovare pronto anche se a favore di Boye bisogna essere onesti grandissime occasioni per mettersi in mostra durante le partite non le ha avute, però non sappiamo nemmeno con che spirito si è allenato, con quanta voglia ha affrontato gli allenamenti… Spero veramente che resti e smentisca questo mio giudizio… ma la vedo dura…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alex71 - 4 mesi fa

      Rispetto la tu opinione ma considera che Boye non e’ un esterno, ne alto ne basso. E’ stato adattato. Berenguer lo e’ e sta uscendo fuori ora. Boye fisicamente e’ un toro e tecnicamente un asso. Dagli la possibilita’ di fare la seconda punta e dagli fiducia per 90 minuti non solo per 10 a partita quando li fa. Riguardati cosa ha fatto contro il bologna quando e’ entrato e posizionato centrale. Passaggio di prima a iago quasi no look e un’altro filtrante non andato a buon fine in cui la palla sembrava neanche essere partita con il gioco di piedi che ha fatto. E’ vero che e’ giovane ed egoista ma fagli fare le cose che prova a fare a 40 metri dalla porta al limite o dentro l’area invece. E’ uno che sfonda, dribla e detta l’assist. Non e’ maradona, errora ne fa, ma puo’ essere “a pain in the ass per ogni difesa”, sempre e comunque. FVCG!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Alex71 - 4 mesi fa

    Se questo avesse la possibilita’ di giocare 3 o 4 partite complete di seguito come prima o seconda punta, opinione personale, scopriremmo un gran giocatore. Ha un talento mostruoso. Bisogna tenercelo stretto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy