Il mercato del Torino e il fallimento del Parma: non solo Defrel, gli intrecci possibili

Il mercato del Torino e il fallimento del Parma: non solo Defrel, gli intrecci possibili

Calciomercato / Da Cassani a Pedro Mendes, come affari a zero, ma soprattutto il francese e quel cartellino che può passare al Cesena

Il mercato granata orbita anche intorno alla delicata situazione del Parma. Per la società ducale oggi andrà in scena l’ultima asta, e a breve si conoscerà il suo futuro prossimo, ove in caso di fallimento certificato, diversi giocatori resterebbero svincolati.

Mattia Cassani, ad esempio, terzino destro (adattabile anche come difensore centrale o esterno destro della linea mediana) classe 1983, è solo uno dei nomi su cui da tempo gli uomini mercato granata hanno messo gli occhi. Il giocatore piace e potrebbe liberarsi a zero (il suo rapporto con i gialloblù scadrebbe il 30 Giugno 2017, ma in caso di bancarotta totale, resterebbe senza ingaggio), occasione che i granata valutano attentamente.

Un altro nome che piace e non poco ai granata è quello di Pedro Mendes, difensore centrale classe 1990, adattabile anche come terzino destro e mediano davanti alla difesa. Anche in questo caso il costo del cartellino  – di per sé già contenuto, con un valore che si aggira attorno ai 900mila euro – calerebbe a zero in caso di fallimento. Con il giocatore che resterebbe svincolato e libero di accasarsi altrove.

Il portoghese è tenuto sempre sotto osservazione dal club granata, così come Gregoire Defrel, giocatore in comproprietà tra Parma e Cesena, che nelle ultime ore è stato accostato anche al Palermo e Lazio. Classe 1991 può giocare in qualsiasi posizione sul fronte offensivo, anche se la posizione che privilegia maggiormente è quella della seconda punta.

Qui occorrerà per forza attendere l’asta di oggi, perché nel caso in cui il Parma non dovesse fallire, allora i crociati dovranno dapprima risolvere la compartecipazione con il Cesena che ad oggi non può ancora avanzare richieste o tanto meno trattative con altri club. Il valore complessivo del cartellino che si aggira intorno ai 6 milioni, cifra che il Toro sta valutando con attenzione. Defrel resta uno dei nomi più gettonati per l’attacco granata un po’ come avvenne qualche mese fa per quello del giovane algerino classe 1992 Ishak Belfodil, già svincolatosi dal club crociato.

Dunque, oggi ci sarà l’ultima asta per salvare il Parma, poi si commenterà il totale fallimento di una storica società del nostro campionato. E mentro il calcio mercato va avanti, i granata guardano al caso emiliano con occhi logicamente interessati.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy