Mercato degli svincolati. C’è Gatti

Mercato degli svincolati. C’è Gatti

 

Il mercato degli svincolati è a volte un mercato di lusso. Bisogna saper aspettare e guardare bene. Non è detto che ogni anno ci siano dei ragazzi di qualità a cui non viene rinnovato il contratto, ma ogni tanto succede che giocatori interessanti e non ancora 30enni si ritrovino senza stipendio. Certo, la maggioranza delle volte sono i giocatori più maturi a non trovare squadra, però…

di Edoardo Blandino

 

Il mercato degli svincolati è a volte un mercato di lusso. Bisogna saper aspettare e guardare bene. Non è detto che ogni anno ci siano dei ragazzi di qualità a cui non viene rinnovato il contratto, ma ogni tanto succede che giocatori interessanti e non ancora 30enni si ritrovino senza stipendio. Certo, la maggioranza delle volte sono i giocatori più maturi a non trovare squadra, però non è sempre così. Capita che ci siano calciatori che per un motivo od un altro non hanno avuto un rinnovo. In Serie A è recentemente successo a Massimo Gobbi, 29enne esterno della Fiorentina. Nonostante le ottime prestazioni con i Viola, il giocatore è finito sulla lista dei professionisti senza contratto ed è stato libero di trattate con chiunque fosse interessato. In realtà si trattativa di uno svincolato di lusso e infatti poco dopo aver salutato Firenze si è accasato a Parma.

Nelle serie inferiori, però, ci sono altri ragazzi meritevoli. Uno di questi è Fabio Gatti, centrocampista cresciuto nel Perugia che esordì in Serie A non ancora 20enne. In esclusiva per TN abbiamo contatto il suo agente per avere qualche informazione di più su un eventuale contatto con il Torino. Danilo Caravello, però, al momento esclude ogni possibilità: «Per quanto possa fare piacere una voce del genere, non credo che ci siano possibilità. Forse mi sbaglio, ma non mi sembra che il Torino abbia bisogno lì in mezzo di giocatori. Comunque non so niente e non ho mai parlato con i granata».

 

 

(calcionapoli1926.it)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy