Mercato Toro: attesa per il colpo finale

Mercato Toro: attesa per il colpo finale

I tifosi sono già contenti così: Cairo, Tosi e De Biasi hanno sistemato la difesa e dopo la conferma di Taibi si attende a giorni l’arrivo del portiere titolare. In pole position c’è sempre Christian Abbiati, che deve decidere se restare al Milan come vice di Dida o andarsene per trovare un posto da titolare. L’alternativa ad Abbiati potrebbe essere Coppola, anch’egli milanista, arrivato…

di Redazione Toro News

I tifosi sono già contenti così: Cairo, Tosi e De Biasi hanno sistemato la difesa e dopo la conferma di Taibi si attende a giorni l’arrivo del portiere titolare. In pole position c’è sempre Christian Abbiati, che deve decidere se restare al Milan come vice di Dida o andarsene per trovare un posto da titolare. L’alternativa ad Abbiati potrebbe essere Coppola, anch’egli milanista, arrivato dall’Ascoli dove ha fatto un ottimo campionato.

Come si è detto prima la tifoseria ha accolto benevolmente i primi arrivi, che vanno ad aggiungersi a Rosina, Stellone, Abbruscato e Lazetic, riscattati qualche settimana fa. A Cairo non si può chiedere la luna, anche perché il presidente stesso non farebbe mai proclami prima di raggiungere l’obiettivo. La sua serietà sta proprio nella sua filosofia di lavoro: mai millantare cose impossibili, restiamo con i piedi per terra, ma la sorpresa è dietro l’angolo. Quasi in sordina Papa Urbano I si è riappropriato dei cimeli e del marchio del Torino che fu, anzi la parola riappropriarsi non è giusta: ha voluto regalare l’ennesimo sogno alla gente granata, che rimane la tifoseria più legata alla sua storia e alla memoria e, proprio per questo, non si potevano lasciare a terzi i ricordi di un centenario che adesso potrà essere festeggiato senza nessun limite anagrafico.

I nuovi arrivi: Cioffi, Franceschini, Pancaro e il ritorno di De Ascentis andranno a rimpolpare una rosa già ampia. L’ex mantovano con l’ex reggino saranno i giganti dell’area di rigore, abili a contrastare gli attaccanti di peso degli avversari. Pancaro metterà al servizio la sua buona vena sulla fascia, facendo da cursore dalla parte opposta di Balestri, mentre De Ascentis dovrebbe avere il ruolo inedito di regista, dove tra l’altro ha fatto bene a Livorno.

E’ chiaro che adesso, dopo l’arrivo del portiere titolare (senza escludere che Taibi possa ancora esserlo), l’orientamento sarà verso un centrocampista e ancora un attaccante di prestigio. Si guarderà non solo alle squadre penalizzate dalla sentenza della Caf, ma anche alle eccedenze di certi club che hanno giocatori di buon livello che spesso sono relegati in panchina. Se Recoba resta un sogno proibito, Cruz potrebbe essere più appetibile, considerando che l’Inter presumibilmente riuscirà ad avere uno tra Toni o Ibrahimovic.

Siamo certi che Cairo farà altri sforzi, ma i nomi resteranno top secret fino all’avvenuto accordo. E’ ora che nel calcio torni la serietà, a partire dal mercato sia estivo che invernale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy