Padalino, una buona alternativa per le fasce del Toro

Padalino, una buona alternativa per le fasce del Toro

NOME: Marco
COGNOME: Padalino
NATO A: Viganello (Svizzera)
NATO IL: 08/12/1983
RUOLO: Centrocampista laterale
SQUADRA ATTUALE: Piacenza
PRESENZE IN STAGIONE: 26 con 1 gol
VALUTAZIONE: 3 milioni di euro

Nel 4-4-2 schema prediletto…

Commenta per primo!

NOME: Marco
COGNOME: Padalino
NATO A: Viganello (Svizzera)
NATO IL: 08/12/1983
RUOLO: Centrocampista laterale
SQUADRA ATTUALE: Piacenza
PRESENZE IN STAGIONE: 26 con 1 gol
VALUTAZIONE: 3 milioni di euro

Nel 4-4-2 schema prediletto da Walter Alfredo Novellino le fasce laterali hanno importanza decisiva nello sviluppo della manovra e nell’appoggio alle punte. Una rosa completa e competitiva deve prevedere nel proprio organico almeno un’alternativa di valore per questo ruolo e Marco Padalino del Piacenza risponde all’identikit appena tratteggiato.
Si tratta di un centrocampista esterno molto veloce, abile nell’uno contro uno, dotato di una buona visione di gioco e di un fisico asciutto e agile (1.77 m per 73 kg). Il ventitreenne svizzero sembra oramai pronto per affrontare l’impegnativo campionato di Serie A.

Padalino, svizzero di nascita, si è messo in luce con la maglia del Lugano, società con la quale ha giocato dalla categoria Allievi sino alla prima squadra. Dopo aver esordito nel massimo campionato elvetico è arrivato il trasferimento, datato estate 2003, al Malcantone- Agno, formazione cadetta che  ha rilevato il cartellino del biondo centrocampista dopo il fallimento del Lugano FC.
Quello che può sembrare un secco ridimensionato per il giovane esterno si è rivelato in realtà il trampolino di lancio verso il calcio italiano, poiché nel gennaio ’04 è approdato a Catania in B, dove è rimasto anche l’anno successivo imponendosi all’attenzione degli addetti di mercato.

La società più lesta ad ingaggiarlo è stata il Piacenza di Iachini, con cui Padalino ha disputato due stagioni da titolare, abile nell’assistere gli attaccanti biancorossi Cacia e Degano.
Per diventare un giocatore completo dovrebbe migliorare il proprio contributo realizzativo, piuttosto modesto visti i soli 3 gol siglati nelle 51 presenze con la casacca piacentina.
Si tratta comunque di un elemento di valore, vista anche la giovane età, che al Toro potrebbe crescere e migliorare con relativa calma, considerata  la presenza in squadra di giocatori affermati come Lazetic e Rosina. Padalino potrebbe quindi essere un investimento importante, soprattutto nel lungo periodo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy