Summit – Torino: la situazione in difesa, passando per Maksimovic e Darmian

Summit – Torino: la situazione in difesa, passando per Maksimovic e Darmian

Calciomercato / Giovedì il colloquio tra Ventura, Cairo e Petrachi: il terzino al centro del discorso, nessuna novità per il rinnovo del capitano e sul centrale serbo c’è il pressing della Fiorentina

La stagione è terminata, alcuni giocatori sono già partiti per le vacanze, altri sono ancora impegnati con le rispettive selezioni nazionali. E se da un lato Darmian si è detto onorato dall’interessamento dei grandi club, pur restando concentrato sul Toro e sull’Italia, dall’altro Ventura, Cairo e molto probabilmente anche il direttore sportivo Petrachi, si incontreranno giovedì per fare il punto della situazione e gettare le basi della prossima stagione. 

Saranno passate al setaccio tutte le zone del campo, a partire dalla difesa dove il Toro vanta i migliori talenti. Non è un caso infatti che i corteggiamenti di mezza europa si siano concentrati sulle pedine cardine di questa annata: Glik e Darmian, su tutti, senza scordare Maksimovic ed anche Bruno Peres

IL CAPITANO IN STAND-BY – Nessuna novità per quanto riguarda il futuro di Glik, i due agenti (Jaroslaw Kolakowski e Sergio Berti) sono passati nelle scorse settimane da Torino per incontrare i vertici del club. Ad ogni modo, però, nessun colloquio si è rivelato risolutore e le offerte dall’estero per il capitano certamente non mancano. La volontà del giocatore è chiara: restare ancora sotto l’ombra della Mole. Ovviamente, a fronte di un adeguamento salariale, considerando il rendimento del giocatore e il notevole apporto fornito dentro e fuori dal campo.

DARMIAN ‘METTE LE ALI’ – Discorso diverso per quanto riguarda Darmian e Maksimovic. Rispetto a Glik, ad oggi, le percentuali di una possibile permanenza in granata sono decisamente più basse. Sul laterale ‘tuttofare’ ci sono gli occhi puntati dei migliori club d’Europa. Barcellona e Bayern Monaco sembrano essere le società che più si sarebbero interessate la nazionale azzurro, il quale è oggettivamente pronto a fare il grande salto. nel colloquio di giovedì, i vertici di via Arcivescovado parleranno anche e soprattutto del futuro del giocatore e dell’eventuale sostituto.

LA VIOLA VEDE MAKSIMOVIC – Tornando al centrale serbo, invece, ad oggi non ci sono particolari schiarite all’orizzonte. Gli interessamenti dall’estero sembrano stemperati, mentre dal mercato italiano, ecco che spunta con forza la Fiorentina. I club dei Della Valle sa di dover ritoccare il proprio pacchetto arretrato e avrebbe visto in Maksimovic il profilo adatto alla causa. Abbastanza giovane, abbastanza maturo e pronto a ripetersi a grandi livelli, sa giocare nella difesa a tre come in quella a quattro, in mezzo o sugli esterni. Forza, dinamismo e tecnica: un profilo da acquistare al di là dell’allenatore in panchina. 

BRUNO PERES E GASTON SILVA – Sul giovane uruguagio, in particolar modo nell’ultimo mese, si erano addensati parecchi dubbi. Poi, dopo le ultime uscite in campo, su tutte la gara contro il Chievo, ecco il club si è detto disposto a trattenerlo in granata, evitando di girarlo in prestito. La sua capacità di riadattarsi sulla fascia sinistra ha davvero fatto la differenza e se – come sussurrano gli ultimi rumors –  Molinaro non dovesse essere confermato, ecco che Gaston Silva resterebbe sicuramente a Torino. Per il resto, molto dipenderà anche dagli altri movimenti sulle corsie esterne che oltre a Darmian, potrebbero coinvolgere anche Bruno Peres. Il brasiliano ha ancora quattro anni di contratto e il Torino ha già fatto intendere al suo entourage che le motivazioni per restare in granata non vanno ”cercate in un pezzo di carta”. La Roma è sempre vigile, all’estero gli ammiccamenti non mancano. E dopo il colloquio di giovedì la situazione sarà più chiara anche attorno al brasiliano.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy