Torino: Cairo a colloquio con Betancourt. Da Vecino a Cirigliano, passando per Gaston Ramirez

Torino: Cairo a colloquio con Betancourt. Da Vecino a Cirigliano, passando per Gaston Ramirez

Calciomercato / Il noto agente Fifa a colloquio con il patron granata diversi profili nel portafoglio: anche Abel Hernández e Nico Lopez

Abel Hernández, Nico Lopez, Gaston Ramirez, Vecino e Cirigliano: sono solo alcuni nomi dei tanti giocatori che il noto agente Fifa Pablo Betancourt gestisce. Ce ne sarebbero infatti molti altri, non tutti alla portata del Torino, non tutti all’altezza della rosa che il club granata vuole consegnare al tecnico Giampiero Ventura

I sopraccitati invece sì, sono pienamente alla portata delle casse di via Arcivescovado e sono tutti talenti che non vedono l’ora di rimettersi in gioco, all’interno di un progetto competitivo, che sia in grado di esaltare le loro caratteristiche. Tolto Nico Lopez, il quale potrebbe anche restare a Verona o tornare ad Udine (sarà il club dei patron Pozzo a deciderlo) gli altri sono tutti profili già visti in Italia e che per un motivo o per un altro hanno lasciato in passato il nostro campionato e ora vorrebbero tornare.

Un po’ nostalgici, un po’ pentiti. Tutti con l’amaro in bocca e per questo disposti a ridursi persino gli stipendi attualmente percepiti in patria. Come Abel Hernández, profilo seguito a lungo dal Torino in passato, trasferitosi la scorsa stagione dal Palermo all’Hull City. L’affare fu chiuso per la bellezza di 12 milioni, in questa stagione l’attaccante ha collezionato 25 gettoni, timbrando soltanto 4 volte il cartellino. Contratto triennale con opzione per il quarto anno, stipendio di poco al di sotto dei 2 milioni di euro. Nel suo caso la trattativa non sarebbe affatto agevole, sebbene la volontà del giocatore potrebbe fare la differenza.

Altro profilo noto al nostro campionato è quello di Gaston Ramirez, trequartista molto duttile passato in tempi non sospetti dal Bologna al Southampton, per circa 15 milioni di euro. Anche in questo caso l’ingaggio è di circa 2 milioni a stagione, ma il contratto dell’uruguagio andrà in scadenza nel 2016 e la sua avventura tra le fila dei Saints appare già terminata da un pezzo. Quest’anno infatti è stato mandato in prestito all’Hull City – dove ha giocato Hernandez -, poi un secondo infortunio (dopo quello patito nella scorsa stagione) ne ha limitato le apparizioni in campo. Vorrebbe tornare in Italia, anche se nelle ultime ore il Liverpool avrebbe fatto un timido sondaggio. In caso di concorrenza con i Reds, il Toro si chiamerebbe giustamente fuori. 

Non solo Nico Lopez, Gaston RamirezAbel Hernández, ma anche e soprattutto Ezequiel Cirigliano, professione regista, tornato in patria dopo la fugace quanto sfortunata parentesi all’Hellas. Classe ’92, munito di doppio passaporto italo-argentino, già segnalato nelle scorse settimane ai granata, mentre questi erano impegnati ad attendere la decisione di Mirko Valdifiori. Il costo dell’operazione in questo caso sarebbe davvero ridotto al minimo: 1.5 milioni di euro possono bastare per ottenere il cartellino del ragazzo a titolo definitivo.

Arriviamo quindi all’ultimo, ma non ultimo, profilo che potrebbe interessare ai granata: Matias Vecino, già sondato a più riprese nelle scorse settimane. Il ragazzo, tornato alla corte dei Della Valle dopo la parentesi in prestito all’Empoli, sarà valutato dal tecnico Paulo Suosa e poi la Fiorentina cercherà di capire cosa meglio fare con lui. Un prestito con opzione, ad esempio, appare ad oggi come la soluzione ottimale per tutte le parti coinvolte.

Nella giornata dedicata alle comproprietà, dunque, ecco l’incontro che non ti aspetti: Urbano CairoPablo Betancourt, il mercato del Toro si infittisce.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy