Torino: Defrel profilo costantemente monitorato

Torino: Defrel profilo costantemente monitorato

Calciomercato / La punta del Cesena è un obiettivo, ma non l’unico. E la concorrenza… 

Commenta per primo!

La dirigenza del Torino si sta muovendo su più fronti per assicurare un innesto di qualità al reparto avanzato. Uno dei tanti nomi caldi è quello del francese Gregoire Defrel, attaccante di proprietà del Cesena

Complice il fallimento del Parma (club che deteneva la metà del suo cartellino), ora il classe ’91 è interamente un giocatore del club romagnolo. Particolare la vicenda che lo ha portato definitivamente in bianconero con la dirigenza cesenate che, nonostante le vicissitudini interne dei ducali, ha inserito 51 mila euro in busta, una cifra poi destinata ai dipendenti della società ducale. 9 reti nell’ultima stagione, il classe ’91 è un profilo che piace molto al Toro. Veloce e dotato di una buona tecnica di base e di un gran tiro, la punta transalpina sarebbe un elemento in grado di garantire freschezza atletica, imprevedibilità e qualità al fronte offensivo. 

Il Cesena ha fissato il prezzo: 4 milioni. Una cifra che potrebbe essere alle portate delle casse del Torino – anche se rimane da valutare se per piazzare altri colpi in entrata non sia prima necessario dare il via al mercato in uscita – , ma ciò che rappresenta una complicazione non indifferente è la concorrenza. Il giocatore è infatti seguito da società come Sampdoria e Atalanta per quanto concerne l’Italia e i francesi del Saint-Etienne. 

Una trattativa non semplice, insomma, ma non impossibile. In tal senso, sarà importante bruciare sul tempo gli altri club interessati con un’offerta che soddisfi le richieste dei romagnoli. Quel che è certo è che stiamo parlando di un profilo che la dirigenza monitora dall’ultima finestra invernale di calciomercato, nonché di un altro elemento giovane e con caratteristiche ideali per le esigenze della squadra. 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy