Torino: il mercato resta in sospeso, mentre si avvicina il campo

Torino: il mercato resta in sospeso, mentre si avvicina il campo

Gli aggiornamenti / Entrate e uscite più o meno in bilico, si attendono risposte definitive: intanto il match contro l’Empoli è alle porte

4 commenti

Non ha ancora ingranato il mercato del Torino. 5 giorni dopo il via ufficiale delle trattative, i granata si guardano ancora intorno, con la serenità di chi ha la consapevolezza di non avere fretta: nessun rinforzo urgente è necessario, quindi le possibilità di dosare le forze (economiche e contrattuali) è a vantaggio di Cairo e Petrachi.

LA SITUAZIONE – I nomi su cui la dirigenza punta rimangono giocatori di discreto profilo, ma non in grado di far compiere il salto di qualità definitivo alla squadra: rimane forte l’interesse per Tachtsidis, con l’ex Verona chiuso al Genoa e in cerca di riscatto con gli stessi colori che abbracciò nel 2014. Non certo il nome in grado di infiammare la piazza, ma un elemento che potrebbe risultare utile nei piani di Ventura. In uscita, congelata la situazione Gazzi (fortemente richiesto dal Cagliari, ci pensa) per Maksimovic il pressing del Napoli è deciso, ma il Toro tiene: le parti sono vicine anche dal punto di vista economico (17 più due di bonus l’offerta), ma Cairo ha ribadito in più occasioni l’incedibilità del centrale.

Tachtsidis
Panagiotis Tachtsidis al Genoa

E INTANTO IMMOBILE…- Arrivano, nel frattempo, parole che potrebbero stuzzicare la fantasia dall’agente di Ciro Immobile: secondo le sue dichiarazioni a Sportitalia, infatti, è probabile che l’attaccante decida di tornare in Italia, dopo che l’avventura con il Siviglia non si è rivelata all’altezza delle aspettative. Sembra possa essere esclusa la pista Udinese. La punta campana ha tutto l’interesse a trovare una piazza che possa rilanciarlo in vista di Euro 2016: il tempo stringe, e diminuiscono anche le sue chance di prendere parte alla rassegna continentale. Un ritorno al Torino sarebbe clamoroso, ma nulla è da escludere, anche se la strada è piena di ostacoli. In tutto questo, i granata non devono dimenticare che domani pomeriggio, arriva l’Empoli, per quella che è una delle più importanti opportunità di rilancio per la banda di Ventura. Mercato o no, la concentrazione dovrà essere al massimo.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. rossogranata - 1 anno fa

    Se guardiamo avanti , non mio dispiacerebbe che Cerci e Immobile ritornino al Toro, visti i risultati penosi di Quagliarella . Belotti e di un’altro che dimentico…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rossogranata - 1 anno fa

    Se guardiamo avanti , non mio dispiacerebbe che Cerci e Immobile ritornino al Toro, visti i risultati penosi di Quagliarella e Belotti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mik - 1 anno fa

    Cairo inutile che fai il figo facendo vedere a tutti che maksi non lo vendi. Tanto se non è ora, ma staremo a vedere, sarà per l’estate. Tanti nel forum dicono che almeno questa estate isoldi di darmian sono stati reinvestiti. E quelli di cerci? Ricordiamoci che dopo la sua partenza arrivava amauri e dopo maci lopez. Non mi pare siano stati rimessi tutti nel toro. In ogni caso la dirigenza e l’allenatore professano sempre pazienza, che il percorso di crescita ci porterà sempre piu in alto. Mi piacerebbe sapere come, visto che appena un giocatore esplode qui al toro ci resta al massimo un paio di anni se ci va bene. Faccio un esempio:tutti ci stiamo augurando che belotti prima o poi diventi un campioncino. Per ora non lo è purtroppo. Ma supponiamo che faccia un girone di ritorno spettacolare, quanto pensiamo resterà ancora al toro? Le punte sono quelle piu sotto i riflettori e se si mettono in mostra l’asta per acquistarle impazzano. Immobile insegna. E questo vale un po per tutti i buoni giocatori del toro, presenti e futuri. Maksi con tutta probabilità se non andrà via ora sarà in estate. Al suo posto se ci va bene arriverà un altro giovane da far crescere. Eil tempo passerà nell’attesa che diventi uno, si spera, che faccia la differenza. Un po’ quello che sta succedendo con zappacosta. Per fortuna che la roma per peres questa estate non è arrivata ad offrire cio che il nano voleva se no buonanotte. Il percorsorso di crescita a parer mio nel toro a conti fatti è solo un sogno. I veri big restano troppo poco da noi per darci la continuità e la forza necessaria per stazionare stabilmente in zona europa League. E se li non ci vai soldi non ne ricevi e ad ogni anno sei costretto a vendere piano piano il meglio che hai per sopravvivere. L’udinese e il Palermo da secoli applicano questa politica, non scopriamo di certo noi l’acqua calda. E in ogni caso, considerando che secondo me l’applicano ancor meglio di noi, sono sempre a zeru tituli e altalenanti. Ormai lo hanno capito pure i muri che questa dirigenza piu di cosi non può o non vuol fare. E va bene, come sempre ce ne faremo una ragione, visto che lo sceicco dietro l’angolo non c’è. Però quel che chiedo e onestà nell’ammetterlo e di non intortare i tifosi con demerite cazzate sulla crescita e sulla pazienza. Abbiamo centrato in 10 anni di cairo una europa league ma ricordiamoci grazie al fallimento del parma! E poi nient’altro. Alla luce dei fatti è sembrata piu una parentesi breve e fortunosa che il frutto di una programmazione di crescita. Siamo come i granchi…come Palermo e Udinese. Nulla di piu.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Simone - 1 anno fa

    L’anno scorso ci siamo fatti scappare Ilicic x 6mln e vedendo quello che sta facendo oggi sarebbe solo da spiaccicarsi la testa al muro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy