Torino: per Bruno Peres torna alla carica la Roma, i granata escludono contropartite. Decisiva la volontà del giocatore

Torino: per Bruno Peres torna alla carica la Roma, i granata escludono contropartite. Decisiva la volontà del giocatore

Calciomercato / Solo cash e niente altro. Sabatini spinge con l’entourage del giocatore, Petrachi non è in servizio

Il diesse del Torino Gianluca Petrachi, pronto a partire per il Sud America, per visionare tra gli altri i giovani talenti Mauro Arambarri e Miguel Almiron, in questo momento ha approfittato della pausa per le nazionali, per staccare un po’ la spina. 

L’uomo-mercato granata, infatti, non è ufficialmente in servizio e cercherà di godersi questo week-end prima di tornare alacremente a lavorare. Una missione sudamericana lo attente, tra Uruguay, Argentina e Brasile. Proprio i colori della bandiera verdeoro tornano di moda anche sotto l’ombra della Mole.

Perché la Roma – non è una novità (qui la nostra anticipazione di novembre) – è pronta a tornare alla carica per Bruno Peres, il talento ex Santos capace di far segnare un gol al Torino nel derby, dopo quello di Cauet targata 24 febbraio 2002. Sabatini lo vuole in giallorosso e avrebbe in mente di offrire al Torino un paio di contropartite tecniche, più un lieve conguaglio economico. 

I club ancora non si sono incontrati, ma la dirigenza dei via Arcivescovado ha lasciato intuire le proprie intenzioni: solo cash, niente contropartite. Questo perché il Torino non ha alcun bisogno di vendere il proprio gioiello brasiliano e in caso di partenza, vorrà incassare quanto più possibile, così da poter reperire da sé un’alternativa valida. 

Molto, se non tutto, dipenderà dalla volontà del giocatore che ovviamente non potrà restare in granata controvoglia. Discorsi preliminari, rimandabili al futuro prossimo. Bruno Peres, la Roma e il Torino: i granata cederanno solo a caro prezzo, ma il parere del giocatore potrà fare la differenza.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy