Torino: per il dopo El Kaddouri, pazza idea Bruno Fernandes

Torino: per il dopo El Kaddouri, pazza idea Bruno Fernandes

Calciomercato / Udinese pronta ad ascoltare i granata: valutato il prestito con opzione e contropzione. Attenzione alle altre squadre dei Pozzo

Pazza idea, ma neanche troppo. Il Torino mette gli occhi su Bruno Fernandes dell’Udinese: un giocatore dal talento assoluto, ma non ancora del tutto espresso. Archiviata la pratica Bjarnason, con l’islandese vincolato da un triennale e pronto a sostenere le visite mediche, il club di Cairo continua a muoversi velocemente sul mercato, cercando di imbastire una squadra competitiva e verosimilmente completa in vista del ritiro estivo. E mentre tiene banco la situazione legata al riscatto di Ichazo, per il quale sono giorni decisivi, e parimenti quella di Larrondo e Vesovic, ecco che Petrachi si muove per individuare il giocatore che dovrebbe prendere il posto in rosa lasciato libero da Omar El Kaddouri.

Se infatti Bjarnason è stato inserito sia per l’occasione low cost, sia per la sua grande duttilità tattica, il Torino ad oggi necessita ancora di un giocatore capace di fare da collante tra centrocampo e attacco. Un portatore di palla puro, ma anche disposto a sacrificarsi in fase di non possesso, e allo stesso tempo che sia in grado di innescare le punte a ridosso dell’area avversaria. Insomma, un profilo giovane ma con un’esperienza comprovata nella categoria che sia perfettamente in grado di raccogliere l’eredità lasciata dal belga-marocchino.

Giocatori con tali attitudini sono merce rara e per questo venduta a peso d’oro. Ma Petrachi si è sempre rivelato molto attendo alle ‘occasioni imperdibili’ offerte dal calciomercato: quei giocatori sottovalutati che nel cuore cullano una grande voglia di rivalsa. Era capitato proprio con El Kaddouri, ora potrebbe ricapitare con un altro profilo: più giovane e probabilmente con maggiori margini di miglioramento. 

Stiamo parlando, appunto, del portoghese classe ’94 Bruno Fernandes, di proprietà dell’Udinese, reduce da un’annata in chiaro scuro. Doveva essere infatti la stagione della consacrazione per lui, dopo i primi anni passati a Novara e ad Udine. Il ragazzo, invece, ha in parte deluso: il mancato feeling con Stramaccioni, l’idea del tecnico di dirottarlo in cabina di regia e poi l’annata tendenzialmente storta per tutto il club. Queste le principali cause della sua mancata maturazione e ora per lui, con l’arrivo di Colantuono, potrebbe essere arrivato il momento di cambiare aria per ritrovare la giusta vivacità.

Fisicamente acerbo (173 centimetri per 75 chilogrammi) quest’anno ha perso il posto in nazionale, saltando così l’Europeo Under 21. Il portoghese è un giocatore da rigenerare e proprio per questo potrebbe essere acquistato a prezzo di saldo. La pazza idea nasce proprio da qui, con l’Udinese pronta a valutare l’ipotesi di un prestito con opzione e relativa contropzione. Bruno Fernandes è e resta per i Pozzo un capitale da recuperare, appoggiandosi ad un club esterno oppure interno (leggasi Watford). Il Toro ci pensa e non è da escludere che nelle prossime settimane tenti l’assalto al versatile e fantasioso centrocampista. In grado di agire come mezzala e di fare quel lavoro di collage tra la mediana e l’attacco. 

Dunque, archiviata la pratica Bjarnason e gestendo da lontano la situazione di Ichazo, il mercato del Torino non si ferma e va avanti spedito: Bruno Fernandes, l’ultima, pazza, idea granata.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy