Toro, anche Petrachi è oggetto di mercato

Toro, anche Petrachi è oggetto di mercato

Inter, Fiorentina alla finestra, in attesa di una mossa da parte del presidente Urbano Cairo. Il calciomercato è fondamentalmente ancorato a tre figure cardine: giocatori, procuratori e direttori sportivi. Sopra di loro stanno i presidenti, coloro i quali prendono le decisioni finali. E scrutando attentamente i…
Inter, Fiorentina alla finestra, in attesa di una mossa da parte del presidente Urbano Cairo. Il calciomercato è fondamentalmente ancorato a tre figure cardine: giocatori, procuratori e direttori sportivi. Sopra di loro stanno i presidenti, coloro i quali prendono le decisioni finali. E scrutando attentamente i contratti in scadenza, qui in casa granata, ce n’è uno che balza subito all’occhio: quello di Gianluca Petrachi. Una proposta di rinnovo (quasi) certamente arriverà, nel frattempo le pretendenti non sembrano mancare. E qualcuno avrebbe già strizzato l’occhio al diesse in estate, quando tutti i discorsi vennero archiviati, essendo prematuri.
 
L’ARRIVO AL TORO – Nel dicembre del 2009 arriva qui a Torino, sponda granata, con un anno di ritardo. Infatti, fu poi lo stesso direttore sportivo ad ammettere di esser già stato contattato nell’estate del 2008, in concomitanza con i play-off del Pisa: motivo per cui la trattativa non ruiscì a decollare. Inizialmente affianca Rino Foschi nella conduzione del calciomercato, sfruttando la sua esperienza per pescare giocatori di prospettiva nelle serie minori. Viene accolto con l’appellativo di ‘Mago del low cost’, per via di quel Pisa sorprendente messo in piedi con affari a costo zero. 
 
PRESENTE IN GRANATA – Un vera manna dal cielo per il patron Urbano Cairo che in Petrachi trova presto l’uomo giusto cui affidare le sorti mercatali della Prima squadra. E dopo aver accumulato una certa esperienza, tra errori e colpi azzeccati, ecco che il Toro si ritrova in casa un direttore sportivo di tutto rispetto, capace di lavorare con quel poco che gli viene messo a disposizione. ”Cava il sangue dalle rape”, verrebbe da dire. Il suo contratto in scadenza lo rende certamente un uomo-mercato appetibile, per un società che sia intenzionata a puntare su una figura emergente.
 
FUTURO DA SCRIVERE – Un presente in granata, poi chissà. Molto dipenderà da che tipo di campionato farà il Toro quest’anno e dal rendimento dei nuovi acquisti: cercati e voluti proprio dal direttore sportivo granata. Come abbiamo detto, essendo il suo contratto in scadenza, è chiaro che lo stesso Petrachi sia oggetto dell’interesse di alcuni club. I quali a loro volta vorrebbero puntare su nuove figure, in vista della prossima stagione. E con un Pradè pronto a lasciare Firenze, chissà che la Viola non possa davvero bussare alla spalla del dirigente, offrendogli l’opportunità per fare il grande salto. 
 
Chi invece si sarebbe già fatta viva a maggio scorso, è l’Inter che avrebbe voluto piazzare Petrachi, al posto di un certo Branca. Appuntamento rimandato? Staremo a vedere, attendendo una mossa da parte di Urbano Cairo.
 
Manolo Chirico
(foto M.Dreosti)
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy