Caso-Parma: l’offerta non è conforme. Tutto rinviato al Comitato dei Creditori e al Giudice Delegato

Caso-Parma: l’offerta non è conforme. Tutto rinviato al Comitato dei Creditori e al Giudice Delegato

Campionato / Slitta tutto, il futuro del Parma è ancora da scrivere e le porte della Serie D restano aperte

L’offerta pervenuta questa mattina, in realtà non è risultata essere un’offerta vera e propria. Ma una semplice manifestazione di interesse a rilevare il club. Nulla di diverso rispetto alle altre dichiarazioni di intenti pervenute nei giorni scorsi. Attraverso una nota ufficiale il club ducale ha spiegato: ”I curatori fallimentari del Parma FC S.p.A., dott. Angelo Anedda e dott. Alberto Guiotto, ed il notaio Giulio Almansi, designato dal Giudice Delegato a sovrintendere alle operazioni di vendita competitiva, comunicano che la busta pervenuta entro le ore 12.00 di oggi non contiene alcuna offerta d’acquisto dell’azienda sportiva del Parma FC. La comunicazione pervenuta consiste in una manifestazione d’interesse non conforme a quanto previsto dal Disciplinare di Gara e non corredata da cauzione, a firma delle società VIRIS S.p.A. e Unigasket S.p.A. Tale manifestazione d’interesse, unitamente alle altre comunicazioni ricevute dai curatori nella mattinata odierna, saranno sottoposte all’attenzione del Comitato dei Creditori e del Giudice Delegato nella giornata di domani, affinché vengano prese le opportune determinazioni”. 

Tutto rinviato a domani, dunque. E per i gialloblù le porte della Serie D restano aperte…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy