Debutta la goal line technology: fine dei dubbi e delle proteste?

Debutta la goal line technology: fine dei dubbi e delle proteste?

La goal line technology debutterà in Verona-Roma: il nostro campionato abbraccia la tecnologia, nella speranza di evitare qualsiasi episodio dubbio o contestazione.

Restio ad ogni tentativo di ammodernamento ed innovazione, il calcio italiano si è dovuto arrendere e accettare di introdurre la goal line technology nel mondo del pallone. Dopo l’Inghilerra, dunque, anche la Serie A, la Bundesliga e la Ligue 1 seguiranno l’esempio della Premier League, primo campionato in Europa ad adottare la tecnologia.

A dire il vero, la tecnologia di porta era già stata usata nel nostro paese in occasione della finale di Coppa Italia dello scorso e del Trofeo Tim di settimana scorsa, ma il debutto ufficiale in Serie A avverrà solo questa sera, quando toccherà a Verona e Roma battezzare questa rivoluzione. Perchè di rivoluzione si tratta; è una svolta radicale all’interno del nostro movimento calcistico, fondamentale se si vuole uscire dall’età della pietra e mettersi al passo delle altre leghe europee.

L’introduzione della goal line technology – che si basa su 14 telecamere montane sulle due porte pilotate da una room control – costerà alle società circa 2.2 milioni euro annui. Un investimento necessario, come confermato da Domenico Messina, responsabile per la A della Commissione Arbitri Nazionale: “La goal line technology sarà un grande aiuto per tutti gli arbitri. Cercheremo di stroncare sul nascere qualsiasi protesta collettiva, come spesso avviene in Italia in occasione di gol dubbi. All’estero certe cose non vengono tollerate e il nostro obiettivo è quello di uniformare il nostro arbitraggio a quelli degli altri campionati.”

Il sistema ha un margine di errore di 7 millimetri; ai direttori di gara verrà affidato un orologio, sul quale apparirà “goal” o “no goal” a seconda delle circostanze.

 

 

 

 

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Daxterkiller - 2 anni fa

    “Fine dei dubbi e delle proteste”? Direi in parte, siccome ci saranno sempre arbitri (scusate la ripetizione) di parte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ziocane66 - 2 anni fa

      Sono d’accordo anch’io con te specialmente quando i favoriti degli arbitri hanno le righe. Però se non cominciamo con questi apparecchietti che danno il gol e PROSEGUIAMO con quelli che valutano o meno un fuorigioco, il calcio non potrà mai avvicinarsi a uno sport dove vince la squadra più forte come nel tennis , pallavolo , pallacanestro, ecc

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dbGranata - 2 anni fa

    Io onestamente sono d’accordo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy