I risultati finali della Serie A

I risultati finali della Serie A

Ecco il resoconto delle partite di questa 27esima giornata di Serie A:


Bologna-Cagliari 3-0: Nel giorno del ricordo di Lucio Dalla, il Bologna regola con un secco 3-0 un Cagliari ancora ubriaco per il pazzesco risultato di settimana scorsa contro il Torino. Apre le marcature Taider al 5′, poi al 18′ Diamanti mette virtualmente in freezer la partita (settimo centro stagionale per Diamanti). Pulga e Lopez sbagliano la formazione e vengono puniti al 90′ da Pasquato. Termina così la striscia positiva del Cagliari che durava da sette partite. Il Bologna sale a 32 punti e vede materializzarsi la salvezza.

 

Catania-Inter 2-3: “Clamoroso al Cibali”, diceva il radiocronista Sandro Ciotti il 4 Giugno 1961 per descrivere la vittoria del Catania per 2-0 sull’Inter. “Clamoroso al Cibali”, scriveranno domani i giornali per descrivere l’impresa di oggi dell’Inter. La squadra di Maran, in odore di Europa (42 punti) chiude la prima frazione di gara per 2-0 grazie alle reti di Bergessio e Marchese. Nell’intervallo, Stramaccioni scuote i suoi, e come era successo nel derby, i nerazzurri scendono in campo con altro piglio. Arriva al 52′ il gol di Alvarez, e poi Palacio regala prima il pari (70′) e poi, ad una manciata di secondi dal termine, il gol del definitivo 3-2. Ora la squadra di Stramaccioni è quarta, a -1 dai cugini rossoneri. Gli etnei pagano la scarsa esperienza a giocare ad alti livelli.

 

 

Fiorentina-Chievo 2-1: Serve un gol in sospetto fuorigioco e molto fortunoso di Larrondo per permettere ai Viola di superare un ostico Chievo, che mette i bastoni nelle ruote a Montella al 38′ con Cofie, che pareggia dopo che la Fiorentina era passata in vantaggio al 4′ con una punizione capolavoro di Pasqual. Il gol della vittoria arrivato al 78′ continua ad alimentare il sogno chiamato Champions dei gigliati. La Fiorentina ora è quinta, a -2 da Lazio ed Inter.

 

Pescara-Udinese 0-1: L’Udinese piega di misura il Pescara di Bergodi a si proietta a 40 punti. L’obiettivo primario è stato raggiunto, la salvezza c’è. Ora Guidolin potrà guardare al futuro più serenamente e provare ad acciuffare l’ennesimo posto in Europa. Decide un gol di Totò di Natale all’8′ (150° con la maglia bianconera dell’Udinese). Il Pescara, alla settima sconfitta in otto partite, vede allontanarsi bruscamente la salvezza, che ora è un’utopia, una chimera: irraggiungibile. Gli abruzzesi sprofondano all’ultimo posto con Siena e Palermo.

 

Sampdoria-Parma 1-0: Quarta vittoria casalinga di fila e salvezza ormai raggiunta. E’ questo quando si evince leggendo il risultato di Samp-Parma. Nel primo tempo, gli emiliani sciupano una buona occasione per passare in vantaggio e vengono puniti nei secondi 45′ da Icardi, che al 54′ anticipa Mirante e segna la rete del definitivo 1-0. Amauri, appena entrato, centra il pari. Il Parma ufficialmente in crisi, 5 sconfitte in 6 apparizioni e 32 punti in classifica, al pari del Torino.

 

Siena-Atalanta 0-2: Inizia a farsi preoccupante la situazione in chiave salvezza per i bianconeri di Toscana. La doppietta di Bonaventura fa volare Colantuono a 30 punti, mentre quasi sicuramente condanna il Siena ad una triste retrocessione. La partita la apre il centrocampista orobico al 3′ con un siluro da fuori. Nella ripresa, la squadra di Iachini cerca di venire un po’ fuori ma viene punita dal contropiede di Denis finalizzato dal secondo sigillo di Bonaventura. Il Siena rimane bloccato al terz’ultimo posto, in attesa di sapere quanto farà il Genoa contro la Roma.

 

Redazione TN

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy