In vetta nessuno corre, ghiotta chance per il Toro

In vetta nessuno corre, ghiotta chance per il Toro

Un turno caratterizzato dalle pochissime realizzazioni il trentesimo di serie B. Appena nove, infatti, i gol in otto gare giocate. Pareggiano tutte le avversarie del Torino. Il Siena fa 0-0 a Padova, così come la Reggina a Pescara. Reti bianche anche per l’altro match clou della giornata, che metteva di fronte Livorno e Varese.

EMPOLI-MODENA 0-1
Il Modena ottiene un successo importantissimo sul campo…

Un turno caratterizzato dalle pochissime realizzazioni il trentesimo di serie B. Appena nove, infatti, i gol in otto gare giocate. Pareggiano tutte le avversarie del Torino. Il Siena fa 0-0 a Padova, così come la Reggina a Pescara. Reti bianche anche per l’altro match clou della giornata, che metteva di fronte Livorno e Varese.

EMPOLI-MODENA 0-1
Il Modena ottiene un successo importantissimo sul campo dell’Empoli, che gli permette di prendere un po’ di respiro. Era dal 15 gennaio che la Bergodi band non otteneva l’intera posta. Decisiva la rete messa a segno da Signori dopo appena quattro minuti, con un tiro che ha sorpresa Handanovic. Per l’Empoli solo un palo, colpito di testa da Laurito.

FROSINONE-ALBINOLEFFE 2-1
Ad un mese esatto di distanza il Frosinone torna al successo in campionato, sconfiggendo l’Albinoleffe per due reti ad una. Dopo un primo tempo con poche emozioni, nella ripresa i seriani vanno vicinissimi al vantaggio con Torri, il cui tiro dal vertice dell’area piccola termina incredibilmente sopra la traversa. A quel punto il Frosinone si sveglia e nel giro di un minuto mette a segno un uno-due. Prima con Cariello, che mette in rete dopo la ribattuta di Tomasig sul suo tiro dal dischetto, e poi con Cesaretti. Nella seconda parte della ripresa l’Albinoleffe dimezza le distanze con Cissè e avrebbe l’occasione per pareggiare su rigore, ma la battuta di Cocco viene respinta da Frison.

LIVORNO-VARESE 0-0
Partita divertente tra Livorno e Varese ma al triplice fischio arbitrale il punteggio resta quello di partenza. Meglio il Varese nelle prime battute del primo tempo, con una buona occasione capitata sui piedi di Ebagia, mentre il Livorno cresce con il passare dei minuti, anche se crea davvero pochi pericoli alla porta difesa da Zappino. Dopo l’intervallo si ripete il canovaccio, con una partenza migliore da parte dei lombardi e una crescita successiva del Livorno. Alla fine è ancora zero a zero.

PADOVA-SIENA 0-0
Novanta minuti che regalano pochissime emozioni quelli andati in scena all’Euganeo di Padova tra i biancoscudati ed il Siena. La grande posta in palio ha inevitabilmente inciso sulla prestazione e sullo spettacolo complessivo offerto. L’occasione più importante è capitata sui piedi di Calaiò, nel primo tempo. Il tiro dell’attaccante del Siena è andato non lontano dal palo alla destra di Cano.

PESCARA-REGGINA 0-0
Su di un campo ai limiti della praticabilità, per le abbondanti piogge cadute nei giorni scorsi sulla città abruzzese, Pescara e Reggina danno vita ad una gara molto combattuta ma che non regala neanche una rete agli spettatori presenti all’Adriatico. Tognozzi, ammonito nel corso del primo tempo, sarà obbligato a saltare la partita interna contro la Triestina.

PORTOGRUARO-GROSSETO 1-1
Il Portogruaro butta via due punti proprio in zona Cesarini contro il Grosseto, dopo aver condotto a lungo la gara. Il vantaggio arriva con il rigore realizzato da Scarpa, decretato dall’arbitro per un fallo subito da Gerardi sulla linea dell’area di rigore. A tempo quasi scaduto Sforzini sigla l’1-1, dopo aver fallito in precedenza una clamorosa occasione.

SASSUOLO-CITTADELLA 1-1
Si dividono la posta Sassuolo e Cittadella nella gara del “Braglia”. Primo tempo divertente, con tante occasioni su entrambi i fronti, e a festeggiare è il Sassuolo, che al 35’ trova la rete del vantaggio con il solito Bruno, servito splendidamente da Quadrini. Ad inizio ripresa, però, la situazione torna in parità, in virtù del rigore trasformato da Piovaccari e decretato per un fallo di mano di Consolini. Il pari è sicuramente il risultato più giusto per quanto visto nel corso dei novanta minuti.

TRIESTINA-PIACENZA 0-1
Nonostante una prova volenterosa, la Triestina cede anche al Piacenza davanti al proprio pubblico e diventa il fanalino di coda della cadetteria, complice il successo strappato con le unghie e con i denti dal Frosinone contro l’Albinoleffe. La rete che condanna gli alabardati arriva nella battute finali del primo tempo ed è opera di Piccolo, bravo ad incunearsi nella difesa e battere imparabilmente Colombo.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy