L’ex arbitro Collina: “Moviola in campo, ma non a rallentatore”

L’ex arbitro Collina: “Moviola in campo, ma non a rallentatore”

Il designatore Uefa spiega tutto sulla nuova rivoluzione del calcio: “La velocità dà l’intensità e la volontarietà, per questo è necessaria. Prepariamoci a partite effettivamente più lunghe. I fischietti lavoreranno più sereni, ecco perché”

1 Commento

La moviola in campo si farà: ma come, quanto e perchè? Lo spiega nei dettagli l’ex arbitro Collina: “La soluzione è stata pensata per supportare l’arbitro nelle decisioni che possono avere un impatto importante, nelle situazioni che possono cambiare il risultato delle partita”.

Così apre Pierluigi Collina riguardo alla novità introdotta dall’International Board: la sperimentazione della moviola in campo nel mondo del calcio. “E’ stato un processo molto lungo, c’è stata una discussione molto ampia, non solo mediatica ma anche interna alle commissioni e ai panel. Si è partiti da un punto di vista che, da ex arbitro, mi è molto chiaro, ossia, per quanto possa essere bravo, un direttore di gara sa che corre il rischio di non vedere qualcosa che può essere mostrato da una delle 20-30 telecamere in alta definizione che riprendono la partita. Non viene valutato per quanto può vedere in campo ma per quello che una telecamera può vedere. Questo può generare in un arbitro frustrazione e questo non è capito dalla gente del mondo del calcio, che vorrebbe sempre decisioni perfette”.

Il designatore Uefa continua così ai microfoni di Radio anch’io Sport su Radiouno. “Per quanto riguarda il tempo effettivo, va specificato che la limitazione a determinate fattispecie mira a mantenere la fluidità del gioco. Il calcio si caratterizza per avere poche pause, la conseguenza potrebbe essere un dilatarsi dei tempi. Ci sono state partite di rugby che con il Tmo sono durate molto di più rispetto ai 40′ ufficiali, ma non sarà questo il nostro caso. Sicuramente, prepariamoci ad avere un primo tempo che durerà qualcosina di più”.

Collina spiegato bene cosa si intenda per moviola e quanto tale termine non sia così proprio: “Il termine moviola ci ha sempre abituato a immagini a rallentatore. Qui non sarà così. Uno degli aspetti che sarà regolamentato è il tipo di velocità che dovrà essere utilizzato. Più la velocità è lenta, più la percezione di quanto succede in campo può essere distorta. La velocità dà l’intensità e la volontarietà”.

L’ex arbitro Collina conclude: “Tra le applicazioni di video referee, abbiamo quello relativo ai gol. Il video ricostruisce tutto ciò che è successo nella costruzione della marcatura. Se nell’azione che ha portato al gol è successo qualcosa, fuorigioco o fallo, o un pallone è uscito, il gol non verrà concesso. Capitolo a parte anche per i calci di rigore assegnati o meno e il cartellino rosso diretto. Verrà passato sotto l’occhio della moviola, ad esempio, solo il fuorigioco che porta al gol e non tutti gli offside. Negli altri casi, come quello che porta ad un calcio di punizione, non verrà valutato. Ma sono tutte cose che andranno precisate da un protocollo che verrà finalizzato”.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ziocane66 - 2 anni fa

    Azz! Si vede da subito che chi rompeva i cogl…. erano solo platini e blatter! Speriamo in meglio!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy