Parigini uomo-assist del Perugia. Chiosa convince ed è in crescita

Parigini uomo-assist del Perugia. Chiosa convince ed è in crescita

Italia Granata / Parigini decisivo e poi si fa male, Lescano manca due gol e per il Melfi sfuma la vittoria. Graziano-Renate, ecco la prima vittoria

parigini

Il protagonista di questa puntata di Italia Granata sono Parigini e Chiosa: il talento dell’Under 21 e del Perugia mette a segno un assist vincente per il suo compagni Ardemagni, mentre il difensore dell’Avellino scala le gerarchie di Tesser offrendo una serie di buone prestazioni.

In Serie B sono titolari Aramu, Rosso e Alfred Gomis, portiere di un Cesena che va forte; in Lega Pro, giocano dall’inizio stavolto sono Parodi, Lescano e Morra.

Manca all’appello Antonio Barreca: il terzino sinistro sarà impegnato questa sera in Cagliari-Vicenza, gara per cui è stato convocato dal tecnico Rastelli. Anche Diop e Suciu giocano questa sera, nel posticipo tutto pugliese tra Lecce e Monopoli al “Via del Mare”.

SERIE A

LYS GOMIS (Frosinone) – Per la trasferta sul campo della Fiorentina Stellone sa di non avere molte possibilità di giocarsela alla pari e allora sceglie il turnover anche in porta. Leali in panchina e Zappino in campo, premiato “per la sua professionalità”. Lys Gomis non parte nemmeno per Firenze, vittima di un attacco febbrile. Il senegalese perde così la possibilità dell’esordio con la maglia dei ciociari.

SERIE B

ALFRED GOMIS (Cesena) – Il Cesena in casa è insuperabile al momento: 2-0 al Lanciano e sesta vittoria casalinga su sei partite. Alfred Gomis è come sempre titolare e gioca una buona partita, correndo un solo rischio sul finire del primo tempo, quando un’uscita rivedibile su calcio d’angolo ha rischiato di portare al gol degli abruzzesi. Così non è stato e il portiere classe 1993 è ancora imbattuto. (VOTO: 6)

CHIOSA (Avellino) – Grazie al lavoro e ad alcune prestazioni convincenti, Chiosa si è da qualche partita ripreso il posto da titolare nell’Avellino. Nella gara vinta 0-3 in casa della Ternana, il difensore mancino classe 1993 ha giocato una buona partita, con interventi sempre puntuali e una bella intesa con i compagni di reparto. Tesser prende nota: forse l’Avellino ha ritrovato il suo perno difensivo. (VOTO: 6.5)

PARIGINI (Perugia) – Domenica agrodolce per il talento di Moncalieri, che all’Arechi di Salerno, nella gara terminata 1-1, subentra al 31’ all’infortunato Zapata, trova l’assist del pari di Ardemagni con un cross al bacio e poi è costretto a uscire per un colpo alla schiena all’11 della ripresa. In terra campana comunque c’è un’altra dimostrazione importante di talento (VOTO: 6.5)

ARAMU (Livorno) – Panucci conferma la fiducia al talento classe 1995 di proprietà del Torino, come esterno destro del 4-2-3-1, nella gara che il Livorno ha vinto in casa contro il Trapani (2-0). Contro i suoi ex compagni, Aramu non riesce a incidere più di tanto anche perché gli amaranto prediligono l’altra fascia dove giostra l’ispirato Jelenic. Esce al 12’ della ripresa per Moscato (VOTO: 5.5)

Aramu, Livorno, Instagram italia granata Parigini
Mattia Aramu con la maglia del Livorno (foto tratta da twitter)

ROSSO (Brescia) – Viaggia bene il Brescia di Boscaglia: 1-0 al Latina, ottavo risultato utile consecutivo e piena zona playoff raggiunta. Simone Rosso è un’alternativa importante in mano al tecnico delle Rondinelle e con i laziali ha giocato titolare. Il Campione d’Italia Primavera gioca una buona gara, dialogando bene con i compagni di reparto e fornendo anche un buon assist a Kupisz, che il portiere avversario deve neutralizzare con una grande uscita. Esce intorno all’ora di gioco per la solita staffetta con Embalo (VOTO: 6)

LEGA PRO

GRAZIANO (Renate) – Trova finalmente il primo successo il Renate, che vince 2-4 la gara in casa della Feralpi Salò. Giovanni Graziano stavolta non è titolare ma entra al 55’, giocando una buona partita; a quel punto il Renate era già sopra 4-2 e doveva solo controllare il match. Missione compiuta (VOTO: 6)

Graziano festeggia la prima vittoria del suo Renate a Salò (foto tratta da Instagram) italia granata parigini
Graziano festeggia la prima vittoria del suo Renate a Salò (foto tratta da Instagram)

PARODI (Ancona) – L’Ancona porta a casa un buon punto dal campo dell’Arezzo, al termine di una partita molto sofferta. Luca Parodi sempre titolare come terzino destro: offre anche stavolta una gara attenta, senza rischiare nulla e badando al sodo negli interventi. Poca spinta in avanti, ma molta concretezza difensiva (VOTO: 6)

LESCANO (Melfi) – Che beffa per il Melfi di Lescano, che si fa raggiungere sull’1-1 sul campo del Martina a tempo scaduto. Proprio l’attaccante argentino, in campo per novanta minuti contro la squadra in cui giocò per sei mesi da gennaio a giugno 2014, si può mordere le mani perché sbaglia due occasioni d’oro, nel primo tempo scivolando al momento della battuta e nella ripresa mettendo fuori di testa a porta vuota. A fine partita è grande il rammarico, ma è un buon segno il fatto che Facundo stia giocando con continuità. (VOTO: 5)

THIAO (Cuneo) – Il Cuneo sfiora il colpo contro l’Albinoleffe ma alla fine è 2-2. Il centrocampista classe 1996 Ousseynou Thiao resta ancora in panchina.

PROIA (Pistoiese) – La Pistoiese è spenta e subisce un’altra sconfitta, sul campo del Prato (1-0). Federico Proia resta ancora in panchina aspettando una chiamata del tecnico Alvini, che non arriva. Il classe 1996 è ancora in attesa del debutto tra i professionisti.

GYASI (Carrarese) – Stavolta Gyasi parte dalla panchina in Carrarese-Teramo (1-1). Il ghanese entra al 13’ della ripresa quando i toscani sono sotto. Poi la squadra di Remondina pareggia e rischia anche di vincere. Non si segnalano però azioni pericolose dell’attaccante scuola Toro (VOTO: 6)

BONIFAZI (Benevento) – Il Benevento perde 2-1 l’atteso derby sul campo della Casertana. Kevin Bonifazi resta ancora in panchina: il giovane difensore resta in attesa di un’altra occasione, che il tecnico Auteri stenta a concedergli.

MORRA, FISSORE (Fidelis Andria) – Il momento è negativo per l’Andria di Luca D’Angelo che perde in casa contro l’Ischia. Contestazione dei tifosi al termine della partita. Fissore resta in panchina per la prima volta, sostituito da Aya, mentre Morra giova novanta minuti ma non riesce a incidere. (VOTO: 5.5) Anche queste situazioni formano comunque parte del percorso di crescita dei due campioni d’Italia Primavera.

ESTERO

SANCHEZ MINO (Estudiantes) – L’Estudiantes di Milito perde 2-1 in casa del Belgrano. Un po’ di rammarico ma è comunque un bel momento per Sanchez Mino, sempre titolare nel Pinchia, stavolta nel ruolo di mezzala sinistra del 4-3-3. Il mancino aveva dichiarato nei giorni di “aver trovato la sua dimensione nell’Estudiantes”. (VOTO: 6)

SERIE D

Nell’ultimo turno di Serie D, giocano titolari il portiere Cizza (Oltrepovoghera, 1-2 contro il Bra: Voto 5,5), l’esterno Orofino (Pro Settimo Eureka, 3-0 al Gozzano: Voto 6) e il difensore Cochis (Monza, 0-0 col Seregno: Voto 6).

PRIMAVERA

D’ORAZIO (Carpi) – Buona gara del Carpi Primavera, che cede solo di misura alla Fiorentina di Federico Guidi (0-1). Il centrocampista Andrea D’Orazio (1997) gioca novanta minuti, una buona prestazione in cui ha retto l’urto col forte reparto di centrocampo viola. Bava e Longo prendono nota. (VOTO: 6.5)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy