Serie A – Da Inzaghi a Sarri: i primi cambi in panchina

Serie A – Da Inzaghi a Sarri: i primi cambi in panchina

Valzer delle panchine / Il Milan pronto ad ufficializzare Mihajlovic, Zenga sulla panchina della Samp. L’ex tecnico dell’Empoli aspetta il Napoli, ma potrebbe anche restare fermo

Cambi di giostra, cambi in panchina: l’orchestra ha scaldato gli strumenti, è ufficialmente iniziato il valzer. Mentre si attendono novità dal summit tra Ventura e Cairo ecco sugli altri campi della massima serie vengono ufficializzati i primi cambiamenti. 

Il Milan esonera Inzaghi e attende di ufficializzare l’arrivo di Mihajlovic che, salvo ribaltoni dell’ultimo minuto, dovrebbe accasarsi in rossonero. Il tecnico serbo, va da sé, lascia libero il posto sulla panchina della Sampdoria la quale si appresta a ripartire – è già arrivato da qualche giorno – da Walter Zenga che dopo l’esperienza a Palermo del 2009, torna ad allenare in Italia.

Sarri lascia l’Empoli e ora attende far conoscere ai più il proprio futuro. L’allenatore – passato al Colle di Superga prima della sfida contro il Torino – ha un appuntamento con il Napoli per capire se possano esserci margini di intesa. I partenopei, invece, trattano anche con Spalletti e in tal senso l’allenatore dimissionario dalla terra toscana, potrebbe anche scegliere di restare fermo un anno, nel caso il colloquio con De Laurentiis non dovesse risultare positivo.

Cambio anche a Udine dove l’ex granata Colantuono prenderà il posto dell’allontanato Stramaccioni. Restano da definire ancora le panchine di Sassuolo che ha già prolungato il rapporto con Di Francesco, ma le possibili attenzioni delle big riservate al giovane allenatore, potrebbero mutare gli scenari attuali. Discorso diverso per la Fiorentina il cui futuro di Montella appare come una vera e propria nebulosa.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy