Serie A, Rizzoli lascia: sarà il nuovo designatore arbitrale

Serie A, Rizzoli lascia: sarà il nuovo designatore arbitrale

Serie A / Il fischietto bolognese, dopo una carriera al top, ha deciso di smettere di arbitrare e iniziare così una nuova carriera

4 commenti

Pensione anticipata per Nicola Rizzoli. Un po’ a sorpresa, il fischietto bolognese ha deciso di lasciare il mondo dell’arbitraggio sul campo, per passare a quello da dietro la scrivania. Negli scorsi giorni si erano susseguite le voci di una ipotetica volontà del direttore di gara di passare un altro campionato col fischietto in bocca, invece così non sarà. Durante la riunione del Comitato Nazionale Italiana Arbitri di oggi, infatti, Domenico Messina nominerà il direttore di gara bolognese, 46 anni il prossimo 5 ottobre, al ruolo di Responsabile del Settore Tecnico Arbitrale per la stagione che verrà. Un autentico ribaltone che sancisce così la fine della carriera dell’arbitro italiano più conosciuto livello internazionale.

Dopo 15 anni in A (esordio nel 2002: Venezia-Perugia), 10 da internazionale (promozione nel 2007), una finale dei Mondiali (2014: Germania-Argentina), una di Champions (2013: Bayern Monaco-Borussia Dortmund) e una di Europa League (2010: Atletico Madrid-Fulham), Rizzoli ha dunque deciso di dire basta, sancendo la fine di una carriera vissuta al top. Per il fischietto bolognese si apriranno ora le porte della Can A, più precisamente quelle che lo porteranno ad accomodarsi sulla poltrona di designatore della Serie A.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. ribaldo - 2 settimane fa

    carriera al top di che cosa? ma per favore…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marco Toro - 2 settimane fa

    Che schifo! Il calcio Italiano è una farsa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FVCG-70 - 2 settimane fa

    Perfetto…un suddito dei gobbi come designatore arbitrale…
    C’è qualcosa da aggiungere?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RobyMorgan - 2 settimane fa

      Davvero , di bene in meglio , scelta pilotata dalla vergogna della squadra che meriterebbe sanzioni durissime dalla (in)Giustizia sportiva per tutti i suoi trascorsi.
      E poi ma quale carriera al top , la finale suddetta del campionato mondiale , ebbe critiche durissime x il comportamento vergognoso sulle decisioni a favore della Germania e tante altre partite internazionali dove non ha fatto fare certamente bella figura alla nostra Federazione Italiana.
      E poi nelle direzioni riguardanti il nostro campionato….quante polemiche e guarda caso c’entrava sempre la Giuve…
      E noi nel derby…ma ce lo ricordiamo?
      Vergogna e poi ancora vergogna , ma non avete almeno Voi un po di pudore nel mettere il commento di fondo ad un articolo come questo ?
      Come diceva Amleto , c’è del marcio in Danimarca…
      FVCG sempre contro tutte le ingiustizie….

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy