Tutti a guardare la Serie B

Tutti a guardare la Serie B

di Davide Agazzi – Con la Serie A ormai decisa nel portare avanti uno degli scioperi più anomali della storia dei lavoratori, tocca alla Serie B deliziare gli appassionati del pallone. Archiviato lo scoppiettante anticipo del giovedì, tra Sampdoria e Padova, la cadetteria si appresta a giocare la sua prima giornata. Questa sera, l’altro anticipo, che vedrà in campo il neopromosso Verona di Mandorlini contro…

di Davide Agazzi – Con la Serie A ormai decisa nel portare avanti uno degli scioperi più anomali della storia dei lavoratori, tocca alla Serie B deliziare gli appassionati del pallone. Archiviato lo scoppiettante anticipo del giovedì, tra Sampdoria e Padova, la cadetteria si appresta a giocare la sua prima giornata. Questa sera, l’altro anticipo, che vedrà in campo il neopromosso Verona di Mandorlini contro il nuovo Pescara di Zeman. Domani, come consuetudine, in campo tutte le altre. Analizziamo ora le gare di questa prima giornata di campionato.

Verona-Pescara: (questa sera, ore 20.45) Tanta attesa per il ritorno in B del Verona di Mandorlini, contestato, durante l’estate, per i cori leghisti nei confronti della Salernitana. Squalificati Gomez ed Abbate, l’ex allenatore del Cluj potrebbe puntare su Cangi ed uno tra Mancini e Le Noci per comporre il tridente d’attacco. Spregiudicato come sempre, Zeman propone il suo classico 4-3-3. Nel suo Pescara saranno Sansovini, Maniero e l’ex Foggia Insigne a guidare l’attacco. Fuori Gessa e Bocchetti, non al meglio della condizione.

Sassuolo-Nocerina: I neroverdi di Pea, dopo l’annata deludente dello scorso anno, cercano il pronto riscatto. Candidato ad essere la possibile rivelazione di questa Serie B, il Sassuolo rischia di fare a meno del duo offensivo Bruno-Noselli, entrambi fuori dagli ultimi allenamenti con la squadra. A centrocampo dovrebbe esserci l’ex granata Cofie al fianco di Magnanelli. La Nocerina, dopo la buona prova offerta in Coppa Italia contro il Genoa, vuole ripetersi, concedendo magari qualche gol in meno. In attacco, oltre a Castaldo, si giocano due maglie Negro, Farias e Plasmati.

Reggina-Modena: Breda, dopo l’eliminazione in Coppa Italia, medita vendetta. Per farlo non potrà fare affidamento sui fratelli Viola, ma punterà forte sul ritorno in amaranto di Missiroli e Ceravolo. Ha recuperato invece Cosenza, che potrebbe essere della partita, inserito nel tridente difensivo. Diverso lo spirito dei canarini, consapevoli di essere attrezzati per disputare un buon campionato. Persi Pasquato e Mazzarani, i tifosi del Modena hanno già trovato in Davide Di Gennaro il possibile idolo per la nuova stagione.

Grosseto-Gubbio: Tante le novità in queste due squadre. Partendo dagli esordienti Ugolotti e Pecchia, si trovano due formazioni che annunciano spettacolo. In particolare, gli ospiti, dopo aver eliminato in maniera rocambolesca l’Atalanta di Colantuono si apprestano a mietere vittime anche in Serie cadetta. Un campionato dove, l’anno scorso, il Grosseto di Serena ha faticato non poco e dove, quest’anno, cerca una salvezza tranquilla. Pecchia dovrebbe confermare il 4-2-3-1, con Giannetti trequartista dietro a Ciofani, unica punta.

Empoli-Juve Stabia: Gli azzurrini di Aglietti, cresciuti con gli arrivi di Buscè e Tavano, possono puntare alla zona play-off. I toscani, in vista della gara di sabato, dovrebbero riproporre lo stesso undici che ha ben figurato nell’incontro di Coppa Italia con la Sampdoria. Assente Coralli per infortunio, dovrebbe esserci spazio per Dumitru. La Juve Stabia affronterà il difficile il difficile esordio senza troppe defezioni. Tra i pali ci sarà il promettente Seculin, mentre davanti spazio al veterano Danilevicius.

Crotone-Livorno: Dopo il mancato accesso ai play-off dello scorso anno, Walter Novellino ci riprova. Per farlo, l’ex tecnico del Torino si affida alla fantasia di Paulinho ed alla vena realizzativa di Dionisi. Tra i 19 convocati per la partita in Calabria, figura Luca Siligardi, arrivato da poche ore in Toscana dopo l’esperienza a Bologna. Il Crotone, orfano di Cutolo e Curiale, punterà su Djuric e sull’inventiva di De Giorgio.

Cittadella-Albinoleffe: Piena di incognite, questa partita servirà ai due tecnici per fare il punto sul proprio cammino. Da un lato, il Cittadella dovrà sopperire all’addio di Piovaccari cercando un altro giocatore da valorizzare. Dall’altro, Daniele Fortunato, dovrà percorrere la strada iniziata da Mondonico e sperare in un campionato senza troppe difficoltà. I bergamaschi, con una rosa molto rimaneggiata, puntano su diversi giocatori che l’anno scorso ottennero la salvezza contro il Piacenza.

Brescia-Vicenza: Esame importante per le rondinelle, che dovranno riabituarsi al palcoscenico della serie cadetta. Ceduti diversi nomi di prestigio ed in attesa di conoscere il futuro di Caracciolo, la squadra di Corioni affronterà il  Vicenza di Baldini, di nuovo in panchina. Tra i lombardi, infortunio al difensore De Maio.

Bari-Varese: (sabato, ore 19)I pugliesi, nonostante la recente retrocessione, non sono dati come favoriti. La squadra, affidata a mister Torrente, ha subito una vera e propria smobilitazione. Il clima non è dei migliori, dopo l’eliminazione in Tim Cup a favore dell’Avellino ed il fattaccio che ha visto Salvatore Masiello lanciare un piatto contro il  portiere dei galletti Zlamal. Anche il Varese si è visto privare di diversi elementi, su tutti l’allenatore del miracolo Beppe Sannino. Benny Carbone proporrà un 4-3-3, con Neto Pereira al centro dell’attacco, Carrozza e Nadarevic sugli esterni.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy