Il coraggio di essere Toro

Il coraggio di essere Toro

Buonanotte granata/Una riflessione sul Toro di oggi e sui valori condivisi nel calcio moderno

di Cristina Raviola, @CriCuoreToro

Da sempre, essere parte di qualcosa di grande e unico come il popolo del Toro, è un atto di fede.

Fede in qualcosa che non c’è più, ma che noi riconosciamo come eternamente nostro, impresso nelle memorie che piano piano vanno scemando, tramandato da generazioni con riti, gesti e racconti. E’ qualcosa di bello, unico, difficilmente riscontrabile altrove. Siamo un popolo di eletti, perchè se è vero che noi scegliamo il Toro tutti i giorni, è altrettanto vero che l’essere granata non è una scelta. Ti succede.
Ma non c’è solo la fede, c’è anche il coraggio, quella spinta che in un momento confuso e difficile come quest’anno che volge al termine, si impone e ti fa rimanere, esattamente dove vuoi e devi fermarti.

E questo è coraggio, specialmente in un calcio di oggi, dove i valori si allontanano sempre più da quelli che abbiamo fatto nostri, dove le nuove generazioni di granata (e mi inserisco nella categoria, pur non essendo più così giovane) non conoscono quasi il gusto di vincere un trofeo, ma conoscono molto bene la sensazione di sprofondare in basso, o quella, forse anche peggiore, di galleggiare nel vuoto.
Cosa nutre questo coraggio, lo capiamo forte e chiaro in queste giornate, in cui i pensieri rivolti al cielo invadono completamente il nostro sentire, in cui ci ritroviamo ancora uniti, commossi e incredibilmente vivi.
Con la fede e il coraggio di guardare in alto, di ritrovare noi stessi, riusciamo ad affrontare il presente, ognuno a modo proprio, chi abbracciandolo, chi rifiutandolo.
Io lo guardo, questo presente, e forte di questo coraggio, so che il Toro merita di più, merita di essere ancora quell’eccezione in un mondo fatto di fotocopie.

Buonanotte granata…

 

Laureanda in Scienze della comunicazione ed imprenditrice, un cuore granata da 34 anni. Da tre stagioni a Toro News, condivido la mia insonnia post-partita e i miei sogni, primo tra tutti quello di un calcio fatto solo di emozioni e di un Toro composto da giocatori-bandiere.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-13882506 - 5 mesi fa

    brava brava brava da tifoso granata da oltre 35 anni ti dico che quello che hai scritto e il sentimento di tutti noi granata ormai abituati a stagioni anonime.sperando in qualcosa di meglio forza e sempre toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13746076 - 6 mesi fa

    Bell’articolo… La speranza di arrivare a qualcosa di più importante non morirà mai. Prima o poi il vento girerà di nuovo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy