Il Toro deve guardare al futuro, non voltarsi indietro

Il Toro deve guardare al futuro, non voltarsi indietro

Buonanotte granata/ Sfumato il ritorno di Alessio Cerci, il Toro deve guardare al futuro, non voltarsi indietro

Nell’ultima settimana, insieme ad un caldo infernale, a mettere in apprensione noi tifosi è stata l’idea di un altro ritorno di fiamma, da parte di un riccioluto ex campione, ex quasi re di Torino, ai piedi del quale la tifoseria si era inchinata più e più volte. Fiamma spenta, fortunatamente, in favore di una deviazione verso altre destinazioni.

Ora, tirato un sospiro di sollievo, volevo ragionare su quello che poteva rivelarsi come l’ennesimo amore di ritorno. Non voglio nemmeno provare a riprendere il discorso del modo in cui il talentuoso Alessio ha deciso di volare verso altri scenari, compresi messaggi incauti, ormai da tutti fin troppo commentati. Io personalmente a suo tempo l’ho davvero adorato, sotto la guida del suo “maestro” ci ha regalato delle vere perle, affiancato all’altro gemello del gol versione moderna. Le sue giocate per il Toro sono state puro spettacolo, e la corsa di quel campionato terminata con il rigore sbagliato e le sue lacrime, hanno reso il suo saluto davvero difficile .
Ma sono passati tre anni, il Toro è cambiato, fondamentalmente deve esserlo. Se già due anni fa un altro amore di ritorno è stato un semplice trampolino verso altri lidi, una strada per riscattarsi dopo non essere riuscito a concretizzarsi altrove, oggi sarebbe davvero un assurdo, considerando che questo non è lo stesso Toro, non è lo stesso mister, e lui non è lo stesso Alessio Cerci.
E’necessario guardare al futuro, non voltarsi indietro. E infatti: il nostro mercato come sta procedendo? Direi davvero a rilento e tutto questo comincia a risultare preoccupante. I reparti che avevano necessità di essere rinforzati, al momento non sembrano essere considerati, e il ritiro è alle porte. Dov’è il nuovo Toro?
Buonanotte granata…

Laureanda in Scienze della comunicazione ed imprenditrice, un cuore granata da 33 anni. Da tre stagioni a Toro News, condivido la mia insonnia post-partita e i miei sogni, primo tra tutti quello di un calcio fatto solo di emozioni e di un Toro composto da giocatori-bandiere.

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. torinodasognare - 1 settimana fa

    È vero!!!! Anche la iuve non ha comprato nessuno!!!
    Ora mi sento più tranquillo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Zagor - 1 settimana fa

    Il solito pessimista…quante squadre si sono realmente rinforzate? 2 o 3 al massimo. Ma 6 o 7 si sono indebolite. Quindi siamo in piena bagarre e non vedo più di 4 squadre al momento superiori come organico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ribaldo - 2 settimane fa

    tra pseudopresidenti e pseudotifosi siamo a posto va!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. torinodasognare - 2 settimane fa

    Beati voi che avete ancora la forza di scrivere. Io sono scoglionato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. LoviR - 2 settimane fa

    Per guardare al futuro il TORO dovrebbe acquistare Simeone (22 anni e al primo anno di serie A italiana: 12 reti su 35 incontri) e non Zapata (26 anni e per la prima volta in A in doppia cifra a 10 reti in 38 incontri, dopo già 4 campionati in Italia).
    Simeone sì che è di prospettiva e anche se costasse qualche milione in più di Zapata, sarebbe comunque un affare (a parte il gioco stile Belotti a tutto campo, con rientri a recuperar palla , che si integrerebbe benissimo con Belotti epr un gioco a 2 punte) se un giorno il pres vorrà rivenderlo ( e mi spiacerebbe) però ci potrà guadagnare sicuramente di più, godendone le più performanti prestazioni come minimo x 4 anni in più; mentre Zapata mi pare abbia già raggiunto il suo massimo di valutazione e non potrà rivelarsi un fuoriclasse, data l’età già raggiunta; quindi un’investimento a fondo perso, con molto difficile rivendita con plusvalenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Baveno granata - 2 settimane fa

      Concordo pienamente quanto scritto,ma bisogna fare i conti col salvadanaio di braccino che dopo piange.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Athletic - 2 settimane fa

        Macché salvadanaio.. Zapata mica è un acquisto stile Amauri… Zapata lo pagano tra i 15 più bonus e i 20, e sono tanti, troppi soldi … per tutte le ragioni che ha scrirto Lovi, visto che spendi parecchio, è più sensato farlo per un prospetto ottimo come Simeone..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 1 settimana fa

      Zapata da piu’ garanzie di Simeone, secondo me col modulo di Miha puo’ fare molti goals.

      Simeone non ho capito, la fiore e’ in smobilitazione.

      Un’opzione, ancora possibile e’ vendere il gallo e prenderli entrambi, allora si.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Baveno granata - 2 settimane fa

    guardare avanti?qui non se ne parla proprio.
    Temo che il tesoretto di 30M non verrà toccato e tra poco Baselli,che non vuole rinnovare,verrà ceduto al miglior offerente.
    Temo che Belotti verrà ceduto il 31 agosto così ci potranno raccontare che lui voleva una squadra ambiziosa,il tempo è scaduto e non c’è più tempo per rinforzare la squadra.
    A gennaio ci racconteranno che i giocatori costano troppo e così via,un altro anno è passato.
    “Comunque con Carlao la difesa è a posto”.
    Purtroppo Dopo 12 anni di nulla,c’è ancora qualcuno che ha il coraggio di osannare questo pseudo presidente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy