Il Toro è in buone mani

Il Toro è in buone mani

Buonanotte granata/Un po’di ottimismo prima del match di domani, e la fiducia riposta nel mister del Toro

Questa sera mi sento fortemente positiva. Nonostante la deludente prestazione con l’Atalanta e la conseguente sconfitta, sono pronta a rivedere i ragazzi all’Olimpico e sono convinta che quello che vedremo sarà un’evoluzione della squadra.

E’chiaro che in una formazione completamente stravolta serva tempo per mescolare le carte al meglio, ed è altrettanto chiaro, senza fare di questo una scusante, che gli infortuni che hanno colpito giocatori chiave nella rosa, non stiano aiutando. Per questo voglio smettere di essere così negativa dopo una sconfitta o una prestazione non all’altezza: il Toro si sta modellando, e noi dobbiamo essere spettatori per quello che verrà, ripartendo proprio da domani.

Mentre metto da parte l’abbigliamento da stadio per il match contro l’Empoli, rituale che mi accompagna sempre nelle mie riflessioni granata, ripenso a quel vortice di sensazioni che inevitabilmente travolge un tifoso dopo una partita come quella scorsa: difficile essere lucidi, difficile pensare che questo sia davvero un passaggio. Non me ne voglia l’attuale CT della Nazionale, a cui sono sicuramente grata per diversi momenti vissuti con il Toro degli anni scorsi, ma al momento siamo scottati da quella che spesso è stata erroneamente definita crescita, e forse non crediamo più nel valore della pazienza, anche se il nuovo mister ci ha mostrato come al cambiamento noi dovremo abituarci.

I passi in avanti con Mihajlovic ci saranno e io di lui mi fido: questo Toro coraggioso (a volte anche un po’troppo per il mio cuore) è in buone mani.

Buonanotte granata…

2 commenti

2 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Macs - 1 anno fa

    Buongiorno, premesso che non ho nulla contro Cairo, anzi lo ringrazierò sempre, io avrei preferito una squadra a trazione ITALIANA, dal tecnico allo staff e ovviamente ai giocatori. In particolare un allenatore che abbia vissuto il GRANATA. Ventura era un ciclista gobbo, con l’attuale avremo in campo undici …..ic! Macs

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. sergiored201_360 - 1 anno fa

    Cara Cristina, condivido tutti i concetti base che hanno impreziosito il tuo articolo. A partire dalla formazione rivoltata come un calzino e bisognosa di tempo perche’ certi meccanismi siano oliati alla perfezione. Diciamo che la macchina e’ ancora in rodaggio, occorre pazienza, e certe sentenze affrettate mi appaiono ridicole. A seguire, la dolce stilettata a mister Ventura e al suo mitico percorso di crescita. Crescita fantasiosa e non aderente alla realta’ dei fatti. Un Toro che ha fatto il gambero negli ultimi anni della gestione Ventura…Per finire, la fiducia a Sinisa, doverosa e onesta, perchè l’allenatore serbo e’ la persona giusta per carattere e caratteristiche tecniche per guidare il Toro nel vero e non presunto percorso di
    crescita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy