La pioggia su Torino

La pioggia su Torino

Buonanotte granata/Ultima gara casalinga del Torino contro il Napoli, sotto la pioggia e gli applausi forse non sempre meritati

Pioveva ieri sera a Torino. Una pioggia fastidiosa, fredda e pungente. Pioveva come un anno fa, quando durante l’ultima giornata casalinga abbiamo ripercorso un campionato fatto di soddisfazioni e grandi emozioni e abbiamo salutato alcuni dei nostri ragazzi che se ne stavano andando.

Pioveva ieri a Torino, su una partita che aveva ben poca importanza per noi, se non per darci modo di vedere ancora una volta il Toro tremare di paura di fronte ad una formazione forte, anzi fortissima, come quella del Napoli. Un tempo buttato alle ortiche e uno giocato con appena qualche spunto interessante firmato Bruno Peres: questa la fotografia, che, nel brusco risveglio dopo il sogno di Udine, noi ci stampiamo in testa e che dovrebbe essere da monito anche per chi guida questi ragazzi, perchè a forgiare il carattere e dare motivazione ci vuole il Mister. Anzi ci vuole un mister, non necessariamente quello attuale, nonostante sia stata ribadita più volte dalla società l’intenzione di continuare questo percorso.

La pioggia cadeva sui nostri saluti ai ragazzi, sugli applausi decisamente poco meritati per alcuni e più per altri, su virtuali pacche di affetto e comprensione inviate dagli spalti verso la compagine spersa che è il Toro di oggi, e che non potrà essere il Toro di domani: ragazzi, dovete fare di più e farlo meglio. Pioveva sui nostri sguardi verso chi ha indossato la fascia di capitano fino ad oggi e non si sa cosa farà domani, e sulla delusione che ho provato nel non vederlo nemmeno venire sotto la curva.

E poi pioveva, pioveva ancora nell’intervallo, quando allo Stadio Olimpico Grande Torino, risuonava “Quel giorno di pioggia” e tutti eravamo lì con il fiato sospeso ad osservare quelle immagini, ancora una volta, per sempre nostre. Le mani applaudivano, il cuore stretto in una morsa, gli occhi un po’ umidi. Forse era la pioggia, o forse, era il senso di appartenenza  a quel momento che era nostro, nell’intervallo di qualcosa che, invece, non ci rappresentava abbastanza.

Buonanotte granata…

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. claudio sala 68 - 11 mesi fa

    I giocatori si sono limitati a salutare perché sotto la curva avrebbero preso solo fischi a differenza della festa che hanno fatto a Frosinone. Mi fa sorridere poi il fatto di addossare qualsiasi colpa a Ventura.. Senza di lui saremmo della forza del Palermo una società che fa ridere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RDS- toromaremmano - 11 mesi fa

      E che volevano ricevere degli applausi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. aterreno - 11 mesi fa

      Il palermo semplicemente svende piu’ di noi e ha un presidente che e’ l’opposto di Cairo, cairo non cambia mai, l’altro cambia troppo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. aterreno - 11 mesi fa

    “perchè a forgiare il carattere e dare motivazione ci vuole il Mister. Anzi ci vuole un mister, non necessariamente quello attuale”

    Quanti non mi piace quest’anno la gente su questo forum si e’ presa, magari non abbiamo i modi gentili di Cristina di spiegare la situazione, ma il fatto che abbiamo giocato mezza partita per quasi tutto il campionato e che la grinta e il carattere al toro corrente mancano completamente sono due fatti lampanti, chi non li vede e’ cieco.

    Continuate ad applaudire e far credere a quel cretino che va tutto bene, restera’ fino alla pensione o fino a quando i suoi esperimenti di gioco non ci faranno andare in serie B.

    Basta semplicemente un campionato piu’ competitivo (leggi niente Verona, Carpi, Frosinone, niente Palermo, Samp in crisi nera, Cagliari e Pescara di nuovo in A) e siamo a rischio.

    Meditate gente e protestate per lo scialbo spettacolo offerto dal mister zero-libidine

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. aterreno - 11 mesi fa

      Continuate a tifare Ventura/Cairo/Petachi e votare non mi piace, continuate, vediamo quanto in basso andiamo a finire

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. alessandro - 11 mesi fa

    BRAVA CRISTINA!
    Hai espresso con molta dolcezza e sensibilità il sentimento di sgomento di tanti di noi..come te..
    innamorati del TORO!
    Speriamo che la prossima stagione ci veda piu determinati..
    e convinti…chiunque indossi la nostra gloriosa maglia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy