Toro, la benzina è finita

Toro, la benzina è finita

DIAMO I NUMERI / Troppi impegni e rosa corta: l’Europa sfuma nel finale. Ma rimane una stagione da incorniciare

Con la seconda sconfitta nell’arco di cinque giorni, dopo sei turni di imbattibilità in campionato, svanisce di fatto il sogno del Toro di raggiungere l’Europa per il secondo anno consecutivo. I granata tornano da Genova con una sconfitta molto più pesante di quanto si sarebbero meritato: non subivano un 5-1 dal 2009, a San Siro contro il Milan.

CROLLO FISICO – Sta di fatto che il Torino, nelle ultime due uscite, è apparso scarico, più per un calo dal punto di vista fisico che da quello emotivo: è vero che dopo il derby l’attenzione un po’ era scesa, ma l’obiettivo sesto posto faceva gola e tutti ci tenevano a raggiungerlo. Già da qualche partita però, il Toro non è parso più lo stesso: quella che era una delle difese più solide del campionato, ha subito gol in tutte le ultime sette partite. Segno che un netto calo, sia fisico che di concentrazione, c’è stato.

GIOCATORI ESAUSTI – Uno dei motivi va ricercato nella rosa troppo corta per giocare al 100% più di 50 partite, come impone il calcio dei giorni nostri se si partecipa alle coppe europee (e si prosegue a lungo in quel percorso). A tre giornate dalla fine, sono cinque i giocatori del Torino che hanno giocato più di 40 incontri con il club (alcuni di loro, vedasi Darmian e Glik, vantano anche molte gare con la propria Nazionale). Ben otto , invece, quelli che sono rimasti in campo in maglia granata per più di 3000 minuti in totale.

Giocatore Presenze Minuti
Emiliano Moretti 44 3960
Kamil Glik 41 3672
Matteo Darmian 44 3567
Fabio Quagliarella 46 3468
Daniele Padelli 36 3206
Omar El Kaddouri 44 3126
Nikola Maksimovic 35 3092
Alessandro Gazzi 38 3059

Guardando le presenze e i minuti, si nota come ci siano 13 giocatori utilizzati moltissimo, e altri 20 che tutti insieme sommano i minuti dei tre più presenti. Segno che la rosa a disposizione di Ventura non fosse sufficiente per operare un ampio turnover, come avrebbero forse richiesto i troppi impegni.

ANNATA COMUNQUE MEMORABILE – Detto questo, nulla si può rimproverare a Ventura e al suo collettivo. Nonostante la partenza dei pezzi pregiati, è riuscito a dare un’identità al suo gruppo e a farlo giocare anche meglio dello scorso anno. L’impegno europeo è stato onorato al meglio. Ed i punti dopo 35 giornate, pur con le brutte sconfitte con Empoli e Genoa, sono solo quattro in meno rispetto alla scorsa stagione. Il gruppo c’è e, se confermato l’anno prossimo, con meno impegni potrà figurare ancora meglio in campionato. Ora nelle ultime tre gare speriamo solo si possano vedere in campo i giovani e coloro che sono stati meno impiegati, per iniziare a costruire il Toro del futuro.

(I dati utilizzati in questo articolo sono forniti da Opta)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy