Un Toro in chiaroscuro

Un Toro in chiaroscuro

Per un’ingenuità difensiva, sfuma nel finale quella vittoria che contro la Sampdoria manca al Toro dal 2007 (da allora quattro pareggi e due sconfitte). I granata mettono però in cassaforte un altro punticino importante e salgono a quota nove punti: stesso bilancio dello scorso campionato dopo lo stesso numero di giornate,…
Per un’ingenuità difensiva, sfuma nel finale quella vittoria che contro la Sampdoria manca al Toro dal 2007 (da allora quattro pareggi e due sconfitte). I granata mettono però in cassaforte un altro punticino importante e salgono a quota nove punti: stesso bilancio dello scorso campionato dopo lo stesso numero di giornate, se non si considera la penalizzazione, ma i gol subiti in questa stagione sono già il doppio (10 contro 5).
 
IMMOBILE SI SBLOCCA–Tra gli aspetti più positivi di questo match, il ritorno al gol di Ciro Immobile in campionato. L’attaccante campano non trovava la rete in Serie A da 288 giorni: l’ultima sua rete nella massima serie era infatti quella siglata per il Genoa contro l’Inter lo scorso 22 dicembre, da allora aveva giocato 20 partite di campionato senza segnare. Dal punto di vista psicologico, riuscire a sbloccarsi il prima possibile era importantissimo per lui, ed è molto positivo che sia avvenuto prima della sosta. 
 
CERCI COME BALOTELLI? – Con unaltro tiro dal dischetto, Alessio Cerci incrementa il suo bottino e si porta solo al comando della classifica marcatori della Serie A con 6 reti. Il numero 11 granata è stato fin qui infallibile dal dischetto: ha trasformato tutti i 4 rigori calciati in carriera in Serie A. La speranza è che dagli 11 metri possa anche lui essere letale come Mario Balotelli, che prima di sbagliarne uno ne ha realizzati 21 di fila.
 
IL CARATTERE NON È BASTATO – Dopo un derby in cui l’aspetto più negativo era stato la mancanza di aggressività e di “fame” dei granata, in questa partita il Toro si è dimostrato voglioso di ribaltare una partita che si era messa a dir poco male, e con grande carattere era riuscito a ribaltare il risultato cercando anche il gol del 3-1 che avrebbe chiuso la partita. In ogni caso si tratta della prima partita di questa stagione in cui il Torino riesce a recuperare un punto dopo aver subito il primo gol del match. A rovinare tutto le solite distrazioni dei finali di partita. Ed il copione si ripete: quarto gol subito negli ultimi 10 minuti di gioco dall’inizio del campionato, su 10 incassati in totale. Un trend decisamente negativo, c’è da sperare che la strigliata di Ventura a fine partita riesca ad invertire la rotta al più presto.
 
I GOL DEGLI EX–Ancora una volta il Toro viene punito da un ex: dopo quella di Natali, ecco la rete di Gianluca Sansone. Forse per la voglia di riscatto, per dimostrare che non è stato apprezzato per il proprio reale valore, Sansone ha disputato un ottimo match: per lui 5 tiri totali e 3 occasioni da gol create per i compagni, entrambi primati in questo incontro per il più ispirato tra i blucerchiati.
A proposito, dopo la pausa il Torino affronterà l’Inter, e anche Riccardo Meggiorini sembra trovare particolari ispirazioni contro la squadra nel cui settore giovanile è cresciuto: per lui 3 reti in 5 gare di Serie A contro i nerazzurri, inclusa la sua unica doppietta. Che sia arrivato anche per lui il momento di sbloccarsi?
 
Giacomo Zanetello (Twitter: Zanna_81)
Dati forniti da Opta  – www.optasports.com/it
 
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy