Fight fire with fire

Fight fire with fire

Il Granata della Porta Accanto / L’arroganza si batte (a volte) con l’arroganza: non è roba da Toro, ma che soddisfazione quando capita!

di Alessandro Costantino

In questi giorni non abbiamo altro negli occhi che l’immagine di Mourinho con la mano accostata all’orecchio e lo sguardo di sfida mentre chiede, neanche troppo velatamente, di sentire ancora i fischi e gli insulti che lo Stadium gli ha riservato per 94 minuti e oltre. Un gesto fastidioso, arrogante, lontano mille miglia dal concetto di sportività e signorilità, ma che ha trovato l’approvazione più o meno convinta e divertita di tanti tifosi di altre squadre (Toro in primis) che quella stessa arroganza e fastidio avevano provato dopo molte vittorie della Juventus.

Se penso ai molteplici derby degli ultimi anni in cui non meritavamo di perdere ma nei quali siamo stati beffati e ci siamo dovuti sorbire le varie tiritere “che vincere è l’unica cosa che conta”, “che il colpo del campione” o “che ci hanno creduto fino alla fine” e altre insopportabili amenità di cattivo gusto, è chiaro che lo strafottente allenatore portoghese del Manchester United ripagando i bianconeri con la stessa loro moneta non può che essere assurto a “idolo per un giorno” di chi quella rivincita morale avrebbe voluto prendersela da tempo. Non è, badate bene, il discorso del tifoso frustrato che gode delle sconfitte altrui, ma è semplicemente un normale moto dell’animo umano che si schiera con chi abbatte il tiranno pur utilizzando le sue stesse armi. Non è roba da Toro, lo so, ma se analizziamo il calcio moderno a noi granata hanno tolto le armi con le quali abbiamo sempre tenuto testa al nemico: appartenenza e ardore agonistico. Uccidendo i “giocatori bandiera”, così come tutti quelli che passavano anni in un club diventandone porta valori, hanno indebolito quel senso di appartenenza che spesso era decisivo per rimanere compatti e convinti di fronte a sfide sulla carta impossibili, mentre inasprendo i metri di valutazione arbitrale hanno eliminato il gap che poteva esserci fino agli albori degli anni Novanta tra una squadra tecnica ed una più sparagnina. Se Glik entra deciso sul pallone è rosso diretto, se Acquah subisce analogo intervento è “sulla palla” e si prende gol…

Cosa resta allora a chi vuole sovvertire l’ordine precostituito delle gerarchie “imposte”? Organizzazione, i due o tre giocatori che esplodono in quella stagione e fanno la differenza (e che poi al mercato successivo vengono saccheggiati o attirati dalle sirene del guadagno) e poco altro. Come fare a combattere l’arroganza di chi si sente al di sopra della contesa sportiva, di chi non accetta di giocare ad armi pari? Gli americani dicono “fight fire with fire“, combatti il fuoco col fuoco, cioè usa le stesse armi del tuo nemico. E questo ha fatto Mourinho. Una partita indecente illuminata da una giocata individuale (la punizione di Mata) e da un mezzo regalo degli avversari (Szczesny) gli hanno fatto battere l’avversario al quale il “buon” Mou non ha risparmiato un’arroganza fuori luogo, ma tutto sommato non così lontana da quella che in modi meno eclatanti ci siamo trangugiati obtorto collo tante volte nelle affettate conferenze stampa post partita di Allegri e soci.

Ripeto, non è roba da Toro, perché lontana anni luce dal nostro dna e poi perché stiamo parlando di una ristretta elite del calcio, di cui anche il Manchester United fa parte, che può permettersi di prendere e dare schiaffi perché “inter pares”.

Solo chi vive a Torino sa quanto un certo “stile Juve” sia fastidioso e subdolo ed esuli dalle cose di campo per estendersi all’intero tessuto cittadino: pertanto godiamo per le vittorie del Toro, ma non siamo completamente insensibili agli scivoloni dell’altra sponda. Chi lo trova patetico, forse non sa bene di cosa parliamo… Certo, noi mai avremmo fatto un gesto come quello di Mourinho: l’ironia e il sarcasmo che riserviamo a quelli che qualcuno definisce impropriamente “i cugini” (ma anche no, grazie!) è più fine e superiore, ma come si suol dire, il nemico del tuo nemico è un tuo amico, per cui bravo Mourinho! Alla faccia del perbenismo da quattro soldi di cui la penisola italica abbonda, salvo poi scoprire quasi sempre che in questo Paese di solito chi predica bene razzola male, male, male…


Da tempo opinionista di Toro News, do voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finché non è finita.

46 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dattero - 2 settimane fa

    io ho goduto,con gioia e serenita’,mi son assaporato il momento attimo x attimo,poi scusate,non son particolarmente polemico,non mi va,pero’,noto,more solito,come il sig Privilegio,sia sempre pronto ad irridere e provocare gli anticairo e non abbia detto una parola su Giorgio Ferrini..mi scusi lei tifa Toro da 13 anni? e’ stato folgorato sulla via di Masio?chiedo venia,ma il dubbio sorge

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. One plastic - 2 settimane fa

      ma lascialo stare Dattero, lui non legge ne gli articoli, ne i commenti , gli basta vedere chi lo posta e giù a critiche …
      per lui essere del Toro dovrebbe proprio essere un privilegio, visto che tifa cairese.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bergen - 2 settimane fa

    Ma a dirla proprio tutta, quest’immagine di Bonucci che chiede spiegazioni a Mourinho é veramente unica!
    Non so perché ma mi ricorda Fede che al processo Ruby bis dice che le serate bunga bunga erano in realtà delle cene normalissime, mi evoca il boss Provenzano che al maxi processo invia “a cercare sempre la verità prima di parlare”, o Trump che dichiara che le “persone ricche sono ricche perché risolvono i problemi che le ostacolano”.
    Insomma la verità é che viviamo un’epoca di totale sovvertimento di valori e, per chi non vuole fluire nel mare magmatico di questa poltiglia, deve cercare qualche colonna a cui ancorarsi.
    L’unica cosa che proprio non si può fare é accettare la discussione.
    Come si può parlare di etica con chi non la possiede?
    Come si può chiedere il ravvedimento di chi sembra posseduto dalla Sindrome di Asperger e continua con la fascinazione del negazionismo?
    Scusate mi sono lasciato andare ma certe immagini turbano anche le menti più salde.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. One plastic - 2 settimane fa

      bergen, non sei stato per niente retorico, come si fa a parlare di etica con chi non la possiede,
      ma quello che manca in realtà è anche il tempo per approfondire le sensazioni e le reazioni che scaturiscono da certi gesti, vedi merducci che chiede spiegazioni…e allora si finisce per passare oltre superficialmente…
      non ti curar di loro ma guarda e passa…insomma.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. One plastic - 2 settimane fa

    Anzi proporrei baci, abbracci e scambio di maglie dopo ogni derby… chissà Pasquale cosa ne pensa ??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. robertozanabon_821 - 2 settimane fa

    Lo scopo della Fiat, ingaggiando Chiambretti, è stato quello di rendere “simpatico” il marchio ai tifosi del Toro. L’ ultima Fiat che ho comprato è stata una Panda nel 1981. Piuttosto che dare un centesimo a quella gentaglia comprerei una Trabant o una Daf Variomatic. Resa l’idea ? FVCG !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 2 settimane fa

      Piuttosto che comprare una Fiat mi butterei da un ponte.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. KanYasuda - 2 settimane fa

        Quello lo fanno già i tifosi n’dranghetisti della Gobba…inventati un suicidio più onorevole, lo meriti come Granata.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. bergen - 2 settimane fa

      Struggente l’immagine di una Trabant, magari cabrio, magari granata, magari con la scritta “Gobbi vediamo se vi rubate anche questa!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GlennGould - 2 settimane fa

    .. E su Chiambretti ha ragione one plastic. Anzi, si è ancora trattenuto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. One plastic - 2 settimane fa

      Sono un signore Glenn…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. GlennGould - 2 settimane fa

    Ma non scherziamo, Mou ha fatto benissimo; un gesto, mica il dito medio, sul campo di uno stadio che rappresenta i peggiori valori mai visti nello sport da 60 anni a questa parte. Idolo assoluto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Daniele abbiamo perso l'anima - 2 settimane fa

    Chiambretti una volta intervistó Mourinho e a un certo punto gli chiese:
    “Ma lei allenerebbe una piccola squadra come il Torino?”
    E lui rispose:
    “Intanto il Toro non è una piccola squadra…nel mio paese tutti conoscono la storia del Grande Torino…solo in Italia avete la memoria corta su queste cose. Chi è stato grande rimane grande per sempre”.

    Da quel l’intervista in poi provo grande simpatia per Mou. Che poi li abbia beffati l’altra sera e teso l’orecchio non ha che aumentare la mia stima.
    Un piccolo mito, un gradino sotto i due medi alzati di Pasquale Bruno a tutto il Bernabeu prima di Real – Torino.
    Ma quella è leggenda.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. One plastic - 2 settimane fa

      Chiambretti …uomo immagine Fiat…altro sincero cuore granata…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. One plastic - 2 settimane fa

    L’ultimo che ha alzato la voce contro i gobbi in un derby è stato esonerato poco dopo…più o meno stesso stile …vero privilegio granata?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carlao - 2 settimane fa

      Ho perfino letto qualcuno che lo accusò di aver esagerato in quell’occasione….pensa un po’.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. One plastic - 2 settimane fa

        Hanno già rimosso quell’episodio carlao…la paura fa anche questo…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Kalokagathia - 2 settimane fa

    Sottoscrivo e celebro a gran voce “Alla faccia del perbenismo da quattro soldi di cui la penisola italica abbonda”: Muo idolo! Italiano medio ignorante che cerca di darsi un tono facendo la prima donna e il bigotto maledetto e pettegolo infinito, che non sa un cazzo di niente e vive di niente, ha paura di tutto. Italiano perbenista purtroppo pochi hanno i raggi x per comprendere quanto sei inutile e un virus per questo paese. Italiano perbenista preda facile del potere. Italiano perbenista, ti ripeto, non sei niente e vivi di niente. Italiano perbenista ovviamente se ti piace il calcio non puoi non esser affascinato dalla puzza nauseante e svilente del vuoto cosmico della Merdentus.
    Italiano medio quanto godo quando la tua misera logica viene calpestata da chi semplicemente SA ed È, quando sei impotente e ti metti a frignare sbandierando ai quattro venti la bandiera del perbenismo, quella bandiera che prima o poi ti soffocherà

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-14003131 - 2 settimane fa

    GRA ie ancora per quel gesto, io avrei fatto di peggio. Gobbi infami, as usual…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13974210 - 2 settimane fa

    Un orecchio teso in confronto a tutto ciò che dicono e fanno le merde di Venaria è quasi un complimento…. ma di cosa stiamo parlando,dai!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-13814870 - 2 settimane fa

    grazie Mou che l’hai fatto tu…a nome di tutti i tifosi italiani depredati mille volte ..Grazie. Hai anche fatto poco ..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Toro71 - 2 settimane fa

    Ma cosa ce ne frega a noi dei gobbo di merda. Ma non è TORO NEWS?????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Marchese del Grillo - 2 settimane fa

    Ma ancora questi gobbi e le loro maglie schifose quansopra? Ma allora ci marciate proprio!
    E BASTAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. user-13793800 - 2 settimane fa

    Ma nessuno ha capito che era uno spot pubblicitario dell’Amplifon??Se poi uno legge il labiale il mister dice:”Alza la voce,coniglio alza la voce…..”
    Si sono comprati Ronaldo che per loro vuol dire ci siamo comprati la coppa,Mourinho è stato fin troppo tranquillo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. BACIGALUPO1967 - 2 settimane fa

    Personalmente negli occhi ho solo il Toro.
    Nelle orecchie ho la deflagrazione della bomba carta che ci hanno tirato addosso e per la quale attendiamo ancora scuse e presa di distanza da Agnelli.
    In merito poi agli insulti…mi stupisco dello stupore cosa vogliamo aspettarci da una società che quando ha la curva chiusa per squalifica la riempie di bambini ineducati che ad ogni rinvio del portiere avversario gli urlano “merda” il tutto tra i sorrisi compiaciuti dei media, dei giocatori (anche del moralizzatore Buffon) e della società e del fiero organizzatore della performance canora D’Angelo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. bertu62 - 2 settimane fa

    Innanzi tutto, caro fratello Alessandro, non condivido quanto dici a proposito del “In questi giorni non abbiamo negli occhi altro che…”….IO personalmente negli occhi ho ancora la nostra vittoria sul campo di Marassi, SIA per com’è avvenuta (dominando letteralmente la partita come non mi accadeva più di vedere DA TROPPO TEMPO…) e SIA per il fatto che FINALMENTE è tornato a segnare il GALLO, ANCHE SU RIGORE (capirai, avendone sbagliati 6 in passato, è una SPLENDIDA notizia dentro la notizia!!)..!!!
    Secondo, c’è poi stata le partita SPLENDIDA della Primavera ad Udine con il gol FANTASTICO di MIllico (il 1°, visto che ne ha segnati 2…)..!!
    E SCUSA SE E’ POCO!!!
    Infine, sulla partita dei Gobbi: l’ho vista, dato che seguo il calcio perché lo amo, e francamente il Loro modo di “fare tifo” IN TUTTE le Loro partite è VOMITEVOLE, dato che consiste SOLO nell’insultare pesantemente SIA gli avversari di turno che quelli che considerano “nemici”, dai Napoletani agli Interisti a noi Granata ecc…ecc…! Però anziché essere sanzionati dalla FIGC (che è stata “comprata” visto che gli consente ANCHE di esibire scudetti che NON gli sono stati riconosciuti durante le dirette TV in tutto il mondo, facendo quindi la figura dei “venduti” appunto…) dalla FIFA (anche quello un bel “covo” di corrotti vari, vedi Platini..) alla UEFA (stesso discorso della FIFA anzi peggio, vero Blatter??), i telecronisti RAI&SKY (anche Loro quanto meno “compiacenti” se non veri e proprio “dipendenti”..) hanno condannato un gesto SIGNORILE in confronto agli insulti che si sono sentiti CHIARAMENTE in audio aperto in diretta dallo STADIUM che in questa occasione era chiaramente identificabile in un MERDASTADIUM!!!
    Siamo proprio all’apoteosi del controsenso: un cervo che da’ del cornuto alla gazzella, UN LADRO accusa di FURTO un innocente, BONUCCI che da’ lezioni di stile a Mourinho!!! LUI, PROPRIO LUI!!!
    E qui mi fermo, perché voglio godermi ancora questo MIO Toro!!!
    FV♥G!!! SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BIRILLO - 2 settimane fa

      Beh se citi anche Millico che sarà un nostro big…. Chapeau ! Condivido tutto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Kalokagathia - 2 settimane fa

      Grande!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. BIRILLO - 2 settimane fa

    Non si può andare contro Mou in questa situazione e dopo i cori da lui subiti. Oltretutto, con rispetto per Water, lo ritengo un utopico (per i costi..) allenatore da Toro da leccarsi i baffi. Però ricordo che anche Mou non ha gradito l’esultanza di Ianni, collab di Sarri in Chealsea-United. Con signorilità e saggezza sportiva lui ha accettato le scuse e protetto Ianni da aggravi ulteriori. Classe e sangue vivo.
    Contro le merd4cc3 nessuno sconto e quindi Mou doveva fargli anche il gesto delle due mani tese a taglio sull’inguine, e un ombrello inglese di ricamo. Ai rifiuti iuvendrini spettano solo disonore e disprezzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BIRILLO - 2 settimane fa

      Costantino (leggere l’articolo tutto), critica il gesto di Mourinho. Manco il portoghese fosse Eriksson o Madre teresa. Solo per un orecchia tesa ??……. Lo stile Iuve ? Mah. Ricordo le corna di Maresca a Ferrante e altri episodi più schifosi. Ci fosse stato Pasquale Bruno…. Signorilità contro l’arroganza di società e tifosi bianconeri ? Potrei assolvere solo alcuni giocatori, la partita evvero l’hanno dominata ma non chiusa, i cori sono andati avanti, beceri come sempre. Mou ha fatto le mosse giuste e vinto ! E si è tolto solo un sassolino. Ha fatto bene ! FVCG !!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. BIRILLO - 2 settimane fa

      Ma forse ho letto male io. E avrei voluto che quello United fossimo Noi in futuro. Scusate tanto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. BIRILLO - 2 settimane fa

      Water ???? :))) WAAAALLTERRR (maledetta tastiera…)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. user-14095179 - 2 settimane fa

    Concordo su tutto ed aggiungo che, pur non conoscendo le conseguenze dello “stile gobbo” a Torino, conosco le conseguenze di questo presunto
    “stile” in Romagna, dove i pigiami sono come numerosi come le cimici ed i granata come i panda….essere del Toro qui é una missione…ma la più onorevole di tutte…sempre F.V.C.G.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 2 settimane fa

      Mauro??

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ferrini - 2 settimane fa

      idem nel Veneto, fratello, purtroppo. Ma meglio poco ma buoni che branchi di pecore dietro il ladrone vincitore di turno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Maruzza44 - 2 settimane fa

    D’accordissimo con l’opinionista. Loro non sanno perdere (vedi anche la pantomima col Real) !!! e i loro tifosi men che meno. Loro devono vincere (col l’aiuto di San Culazio o degli arbitri non importa), ma devono vincere (e questo per la verità secondo i mentals coach non è un male) e se perdono (alla faccia della Vecchia Signora) non reagiscono certo con signorilità. SONO ORGOGLIOSO DI ESSERE UN TIFOSO DEL TORO (tra l’altro da circa 70 anni). SEMPRE FORZA TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. One plastic - 2 settimane fa

    noi granata hanno tolto le armi con le quali abbiamo sempre tenuto testa al nemico: appartenenza e ardore agonistico. Uccidendo i “giocatori bandiera”, così come tutti quelli che passavano anni in un club diventandone porta valori, hanno indebolito quel senso di appartenenza che spesso era decisivo per rimanere compatti e convinti di fronte a sfide sulla carta impossibili,

    Purtroppo caro Alessandro, a provarci Delle nostre caratteristiche non sono stati solo i gobbi ma soprattutto chi la nostra passione la gestisce…il nostro beneamato presidente che degli usi e costumi del calcio moderno si è fatto campione assoluto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Carlao - 2 settimane fa

      D’accordissimo con te, fratello.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. BACIGALUPO1967 - 2 settimane fa

      Quindi cosa proponi? Azionariato popolare e squadra di duri e puri in interregionale con 200 tifosi al seguito??
      Iniziamo a riempire lo stadio sempre invece di avere meno presenze dell’hellas Verona, del genoa o della Doria, poi iniziamo a ragionare, altrimenti forniamo alibi a chi investe poco o nulla nella d società.
      Prima del presidente dell’allenatore e dei giocatori viene la maglia!!
      Sosteniamo compatti i ragazzi che la indossano!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. PrivilegioGranata - 2 settimane fa

      Si parla di gobbi e Mourinho, e arriva il fenomeno di turno che si mette a parlare di Cairo.
      Sei malato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ProfondoGranata - 2 settimane fa

        ….oppure sei un gobbo!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. ProfondoGranata - 2 settimane fa

        …oppure sei un gobbo!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. One plastic - 2 settimane fa

          Come sei profondo ondo ondo ondo…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Carlao - 2 settimane fa

            Aggiungerei anche one..one

            Mi piace Non mi piace
      3. One plastic - 2 settimane fa

        Mi pare che si parlasse della reazione di Mourinho che dovrebbe essere la nostra…ma come può essere così se chi ci gestisce è uno dei migliori partner dei gobbi. Se questa è la tua capacità interpretativa il vero fenomeno sei tu…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. torracofabi_507 - 2 settimane fa

    Non sono d’accordo, dopo 90 minuti + 90 minuti della partita precedente che ti chiamano figlio di p….. credo che Mou sia stato fin troppo signorile nel gesto che ha fatto, sottolineando che i gobbi normalmente più dei gesti fanno i fatti. Se si applicasse la legge del taglione non farebbero più un punto in campionato per un decennio. Esempio di scorrettezza ed orrore sportivo non meritano assolutamente alcun gesto sportivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy