Adieu, Capitàn Glik. Peccato solo per Zaza…

Adieu, Capitàn Glik. Peccato solo per Zaza…

Il Granata della Porta Accanto / Dopo cinque intensi anni Kamil lascia il Toro per il Monaco. Un guerriero che ha saputo sentire la maglia come pochi con un’unica macchia: il derby di Coppa Italia.

7 commenti
Glik, Derby, Juventus-Torino, Crisi

Ci sono giocatori forti che a volte non riescono a lasciare il segno nonostante il talento e poi ci sono giocatori dalla cifra tecnica più modesta che una volta indossata la maglia granata ne scoprono la più intrinseca magia e si trasformano in giocatori fuori dal comune. In questa categoria sarà per sempre ricordato Kamil Glik, difensore polacco giunto al Toro in punta di piedi con la fama di ruvido stopper, invece capace di crescere in tecnica e personalità di stagione in stagione, fino al punto di riuscire quasi nel miracolo di trascinare in semifinale dell’Europeo la “sua” Polonia.

Spiace vederlo partire così, con le malelingue che lo etichetteranno da fuggiasco specialmente dopo l’ultima stagione in cui anche il suo rendimento non è stato sicuramente all’altezza del livello che aveva saputo raggiungere con l’abnegazione e la dedizione totale mostrata sin dalle prime partite in maglia granata. Personalmente ho cominciato ad amarlo davvero la sera dell’espulsione per quell’entrata su Giaccherini nel primo derby allo Stadium. Massacrato dall’ipocrita stampa sportiva italiana che si scagliò compatta contro di lui (intervento rude, vero, ma sulla palla, pienamente sulla palla!), scrissi già all’epoca “Io sto con Glik”, per denunciare i finti moralismi di chi dava addosso a Kamil, ma si guardava poi bene dall’usare lo stesso metro per marchiare alla stessa maniera le scorrettezze di difensori con casacche “più prestigiose”.

Primo capitano straniero ad avere l’onore di leggere i nomi degli Invincibili a Superga, nulla mi ha fatto sentire più “inglese” dell’ululare il ritmato “Glik Glik Glik…” ogni qualvolta saliva in area avversaria per un calcio d’angolo o una punizione. Difensore roccioso dai piedi poco raffinati, Kamil ha saputo onorare la maglia come pochi altri in questi ultimi vent’anni di storia granata. E lo stesso si può dire della fascia di capitano, ereditata da Rolando Bianchi. Se una macchia vogliamo trovargliela, direi che la vera delusione che mi (o ci) ha dato è stata nell’umiliante derby di Coppa Italia. Maltrattato da Zaza, addirittura spinto pericolosamente contro i tabelloni pubblicitari dall’attaccante ex Sassuolo, Glik non ha reagito in nessuna maniera mostrando una mansuetudine che mal si addiceva al contesto che un derby storicamente impone. Non dico che avrebbe dovuto fare come Ferrini con Sivori, ma di sicuro mi sarei aspettato che rendesse pan per focaccia allo sfrontato centravanti bianconero.

Di sicuro da allora qualcosa si è rotto nel rapporto con la tifoseria, complice forse anche qualche discussione di troppo con una frangia di tifosi in Sisport all’indomani di quella partita, al punto poi che la non brillante stagione ha portato Glik a valutare l’idea di cambiare aria. La scelta del Monaco è quella che massimizza il profitto per il Torino che dalla sua cessione ottiene una super plusvalenza, ultimo “regalo” dell’ormai ex capitano.

Non sono dispiaciuto per la sua partenza, quanto amareggiato nel constatare che anche chi sinceramente giura amore eterno si trova poi a fare i conti con le mille variabili che rendono il calcio di oggi uno sport molto lontano da quello noi tifosi granata vorremmo che fosse.

Adieu, Kamil. Credo che avrai sempre un posto speciale nel cuore dei tifosi perché hai dato tanto alla nostra maglia e in quella maniera in cui, purtroppo, solo in pochi riescono a dare. Se come difensore in qualche modo ti si potrà sostituire, come capitano lasci già un vuoto che nella stagione a venire sarà colmato in maniera approssimativa. Chissà chi, d’ora in poi, guarderà verso la Maratona con quello sguardo duro, imperturbabile e fiero e ci ricorderà che il lunedì prima del derby comincia la “settimana santa”…

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. gantonaz64 - 11 mesi fa

    PERSONALMENTE NON DAREI MAI LA FASCIA DI CAPITANO AD UNO STRANIERO.
    POI IL CALCIO E’ CAMBIATO…NON PUOI PENSARE DI MENARE IN CAMPO SENZA ESSERE AMMONITO E POI ESPULSO.
    NELL’ANNO DI B IN COPPIA CON OGBONNA ERA IMBARAZZANTE,DAVVERO MEDIOCRE
    MA OGGIGIORNO COSA SI CHIEDE AD UN CENTRALE COME LUI?
    PURTROPPO DI ESSERE UN BONUCCI,UNO CHE SAPPIA IMPOSTARE E VERTICALIZZARE,COMPLICE ANCHE SVENTURA.
    ORA AVANTI UN ALTRO E LA FASCIA A BENASSI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Athletic - 11 mesi fa

    Mi dispiace tantissimo, non ci ho voluto credere sino alla fine. Sarai insostituibile, ma sono certo che un pezzetto di Toro lo porterai sempre nel cuore. Ti auguro tanti successi, di cuore. Ciao Capitano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Brawler Demon - 11 mesi fa

    Andrà a fare il fighetto su qualche yatch ormeggiato a Montecarlo? Scherzi a parte, in bocca al lupo!
    No mi preoccupa più di tanto chi parte, è chi arriva che mi da’ da pensare! Speriamo sia in grado di fare quanto di buono ha fatto Glik in questi anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Achille - 11 mesi fa

    L’episodio del derby è spiegabile con il fatto che Glik è un gran signore, non un buffone montato come zaza,e poi in caso di reazione si sa a chi i media, giudice sportivo e compagnia bella avrebbero dato addosso. Auguro a Glik le migliori fortune e una carriera colma di soddisfazioni. In bocca al lupo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawda - 11 mesi fa

    A me dispiace che Glik lasci il Torino per molte ragioni. Mi dispiace perche’ il Toro perde davvero una bella persona prima che un buon giocatore, un uomo che in Polonia ha fatto tanto nella sua citta’ natale e senza darne alcuna pubblicita’; mi dispiace perche’ non sara’ facile sostituirlo e sicuramente non con Jansson o Tomović; mi dispiace perche’ il Toro perde un capitano che aveva fatto di Torino la sua seconda casa; mi dispiace perche’ la sua cessione e’ la conferma che siamo ancora molto lontani dal tornare il Toro della mia gioventu’, ma restiamo purtroppo molto piu’ simili all’Udinese od all’Empoli. Ho comosciuto in modo superficiale Glik anni fa ad un incontro della Comunita’ Polacca di Torino e l’impressione fu decisamente positiva; a distanza di alcuni anni l’impressione e’ diventata una certezza e con essa il rammarico per la sua cessione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Atanor - 11 mesi fa

    Ciao Kamil! Ancora grazie di tutto :)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Daniele abbiamo perso l'anima - 11 mesi fa

    C’è di peggio nella vita, che dire addio a un capitano di cinque anni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy