Il Toro e gli alibi del mercato

Il Toro e gli alibi del mercato

Il Granata della Porta Accanto/ La società si adegua all’andazzo generale e non forza gli acquisti e le cessioni. Mal comune mezzo gaudio?

di Alessandro Costantino

L’inizio dell’estate granata, ad una decina di giorni dal raduno, non è molto diversa da quelle degli ultimi anni. Il mercato è cominciato molto lentamente con qualche cessione secondaria, giusto per sfoltire la rosa da giocatori che non avrebbero avuto un senso nel progetto tecnico tattico di Mazzarri (Avelar e Carlao),qualche rinnovo strategico sebbene con finalità diametralmente opposte (Moretti ed Edera), qualche trattativa più corposa sul fronte cessioni (Valdifiori e Obi, per adesso) e soprattutto le solite telenovelas per acquisti considerati strategici (Bruno Peres e Verissimo). Davvero nulla di insolito. È chiaro che il tifoso vorrebbe leggere nomi certi alla casella acquisti e altrettanti alla casella cessioni, ma le liturgie del calciomercato italiano sono queste: trattative infinite, contrattazioni estenuanti per strappare le condizioni economiche migliori, obbiettivi di mercato più in linea con le esigenze di bilanci presenti e futuri che con le richieste vere e proprie degli allenatori. Il calcio del nostro Paese è ormai economicamente un calcio di seconda fascia a livello mondiale e,se posso essere un tantino caustico, ciò gioca molto a favore del nostro presidente il quale proprio in situazioni di economie recessive riesce a far rendere al meglio le proprie aziende. Il Torino di conseguenza si muove benissimo in questa situazione di budget più limitati perché ha nel modus operandi di chi lo gestisce il proprio punto forte, un riconoscibilissimo marchio di fabbrica.

Raramente decisi a chiudere subito su di un obiettivo, raramente pronti con un piano B nel caso sfumi quell’obiettivo, il calciomercato del Torino è più simile, come ritmi ed emozioni, ad un matrimonio trentennale che ad un fidanzamento fresco di qualche mese. Lasciamo stare la questione della disponibilità economica o meno per poter arrivare a certi obiettivi (in fondo la Juve fa esattamente quello che facciamo noi solo ad un livello economico superiore, ma con le stesse dinamiche) il punto è proprio l’evidente volontà societaria di allinearsi al posizionamento economico e sportivo che è stato raggiunto senza sentire, se non a volte, a parole e più per assecondare i tifosi che altro, l’esigenza di spingersi oltre. Diciamo che, erroneamente ma anche un po’ inevitabilmente, anche noi tifosi ci stiamo adagiando a questo leit-motiv e con la solita amara ironia più che arrabbiarci proviamo a scherzarci su. Qualche attenuante alla società è giusto concederla. Ad esempio nel caso Verissimo già solo il fatto di dover trattare con più soggetti il valore del cartellino di certo questo non aiuta né agevola nella definizione dell’affare. Qui emerge ancora una volta come la Fifa dovrebbe regolamentare meglio il mercato calciatori ad esempio vietando (e poi sanzionando pesantemente) i soggetti giuridici che possiedono frazioni di cartellino di un calciatore: o il 100% o lo zero. Non esiste che il Santos ne abbia l’80%, i procuratori il 10% e il calciatore stesso il restante 10%. E poi allo stesso modo anche il ruolo dei procuratori andrebbe a tutti i costi limitato: oggi come oggi sono troppo determinanti nella movimentazione dei calciatori generando uno squilibrio quasi inaccettabile sul mercato. Riforme, queste, che non possono più essere rimandate.

Fino ad allora gran parte di queste distorsioni verranno utilizzate dalle società come alibi per non fare i giusti investimenti. Ad esempio il Torino invece di investire in una rete di osservatori si accontenterà di pagare le commissioni ai procuratori, riconoscendone implicitamente il ruolo di forza che oggi hanno. Se questo ruolo fosse ridimensionato e il Toro non cambiasse il proprio atteggiamento ecco che allora critiche decise e circonstanziate sarebbero più meritate e, come si dice, il re sarebbe nudo. Nel frattempo accontentiamoci di sperare che Mazzarri faccia del Toro quello che Geppetto fece con un pezzo di legno: lo trasformò in un burattino. Per il passo successivo, cioè la trasformazione in bambino, anche in quella storia ci volle un vero e proprio miracolo.


Da tempo opinionista di Toro News, do voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finchè non è finita.

56 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. tric - 3 settimane fa

    Insisto nel sostenere che Petrachi è la nostra palla al piede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 3 settimane fa

    Costantino schiavo di cairo, il tabellone ufficiale, te lo incollo qui, mal comune mezzo gaudio mia nonna in cariola

    SIAMO L’UNICA SQUADRA COGLIONA CHE NON HA NESSUNO TRA GLI ARRIVI, assieme a CHI?

    FROSINONE (LOTTA PER RETROCEDERE)
    MILAN (NO SOLDI)
    PARMA (APPENA SALITI, POCHI SOLDI, LOTTERANNO PER NON RETROCEDERE)

    ATALANTA
    Arrivi: Reca (d, Wisla Plock), Tumminello (a, Crotone), Mattiello (d, Spal).
    Partenze: Caldara (d, Juventus), Spinazzola (d, Juventus), Cristante (c, Roma).
    Allenatore: Gasperini (confermato).

    BOLOGNA
    Arrivi: Skorupski (p, Roma), Calabresi (d, Brescia), Dijks (d, Ajax), Santander (a, FC Copenhagen).
    Partenze: Verdi (a, Napoli), Mirante (p, Roma), Ferrari (d, Sampdoria), Oikonomou (d, Aek Atene), Torosidis (d, svincolato), Keita (d, Eupen), Romagnoli (d, Empoli)
    Allenatore: Filippo Inzaghi (nuovo).

    CAGLIARI
    Arrivi: Srna (d, Shakhtar Donetsk), Aresti (p, Olbia).
    Partenze: Castan (d, Roma), Miangue (d, Standard Liegi), Ceter (a, Olbia).
    Allenatore: Maran (nuovo).

    CHIEVO
    Arrivi: Djordjevic (a, Lazio).
    Partenze: Inglese (a, Napoli), Bastien (c, Standard Liegi), Dainelli (d, svincolato), Gobbi (d, svincolato).
    Allenatore: D’Anna (confermato).

    EMPOLI
    Arrivi: Romagnoli (d, Bologna), Marcjanik (d, Arka Gdynia)
    Partenze: Gabriel (p, Milan), Luperto (d, Napoli), Ninkovic (a, Genoa).
    Allenatore: Andreazzoli (confermato).

    FIORENTINA
    Arrivi: Hancko (d, Zilina).
    Partenze: Badelj (c, svincolato), Bruno Gaspar (d, Sporting Lisbona), Falcinelli (a, Sassuolo), Gil Dias (a, Nottingham Forest)
    Allenatore: Pioli (confermato).

    FROSINONE
    Arrivi:
    Partenze: Frara (c, svincolato).
    Allenatore: Longo (confermato).

    GENOA
    Arrivi: Criscito (d, Zenit), Marchetti (p, Lazio), Callegari (c, PSG), Piatek (a, Cracovia Krakow).
    Partenze: Perin (p, Juventus), Taarabt (c, Benfica), Rosi (d, svincolato), Cofie (c, svincolato), Rigoni (c, svincolato), Veloso (c, svincolato), Rossi (a, svincolato).
    Allenatore: Ballardini (confermato).

    INTER
    Arrivi: Nainggolan (Roma), Joao Mario (c, West Ham).
    Partenze: Cancelo (d, Juventus), Rafinha (c, Barcellona), Lisandro Lopez (d, Benfica), Santon (d, Roma), Zaniolo (c, Roma), Odgaard (a, Sassuolo).
    Allenatore: Spalletti (confermato).

    JUVENTUS
    Arrivi: Caldara (d, Atalanta), Spinazzola (d, Atalanta), Pjaca (c, Schalke), Perin (p, Genoa), Emre Can (Liverpool), Cancelo (d, Inter).
    Partenze: Buffon (p, svincolato), Lichtsteiner (d, Arsenal), Asamoah (d, svincolato), Howedes (d, Schalke).
    Allenatore: Allegri (confermato).

    LAZIO
    Arrivi: Durmisi (d, Betis), Sprocati (a, Salernitana).
    Partenze: Djordjevic (a, Chievo), Marchetti (p, Genoa), Nani (a, Valencia), de Vrij (d, Inter).
    Allenatore: Simone Inzaghi (confermato).

    MILAN
    Arrivi:
    Partenze: Mastour (c, svincolato).
    Allenatore: Gattuso (confermato).

    NAPOLI
    Arrivi: Verdi (a, Bologna), Inglese (a, Chievo), Younes (a, Ajax), Ciciretti (a, Parma), Grassi (c, Spal).
    Partenze: Reina (p, svincolato), Rafael (p, svincolato), Maggio (d, svincolato), Milic (d, svincolato).
    Allenatore: Ancelotti (nuovo).

    PARMA
    Arrivi:
    Partenze: Ciciretti (a, Napoli), Lucarelli (d, ritiro).
    Allenatore: D’Aversa (confermato).

    ROMA
    Arrivi: Coric (c, Dinamo Zagabria), Marcano (d, Porto), Cristante (c, Atalanta), Kluivert (a, Ajax), Mirante (p, Bologna), Santon (d, Inter), Zaniolo (c, Inter), Pastore (c, PSG), Bianda (d, Lens).
    Partenze: Nainggolan (c, Inter), Skorupski (p, Bologna), Lobont (p, svincolato), Jonathan Silva (d, Sporting Lisbona).
    Allenatore: Di Francesco (confermato).

    SAMPDORIA
    Arrivi: Colley (d, Genk), A. Ferrari (d, Bologna).
    Partenze: Viviano (p, Sporting Lisbona), G. Ferrari (d, Sassuolo), Strinic (d, svincolato).
    Allenatore: Giampaolo (confermato).

    SASSUOLO
    Arrivi: G. Ferrari (d, Sampdoria), Falcinelli (a, Fiorentina), Djuricic (c, Benevento), Odgaard (a, Inter)
    Partenze: Pegolo (p, svincolato), Biondini (c, svincolato).
    Allenatore: De Zerbi (Sassuolo).

    SPAL
    Arrivi: Fares (d, Verona), Dickmann (d, Novara).
    Partenze: Meret (p, Udinese), Grassi (c, Napoli), Mattiello (d, Atalanta).
    Allenatore: Semplici (confermato).

    TORINO
    Arrivi:
    Partenze: Burdisso (d, svincolato), Molinaro (d, svincolato).
    Allenatore: Mazzarri (confermato).

    UDINESE
    Arrivi: Meret (p, Spal), Karnezis (p, Watford), Vizeu (a, Flamengo), Ter Avest (d, Twente).
    Partenze: Maxi Lopez (a, svincolato), Zampano (d, Pescara), Bizzarri (p, svincolato).
    Allenatore: Velazquez (nuovo).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio sala 68 - 3 settimane fa

      L’opinionista voleva solo dire che nessuno ha fatto acquisti memorabili fino ad ora e questo è vero. Personalmente aspetterò la fine del ritiro estivo per dare giudizi. Sarebbe poi corretto che se dai del servo a qualcuno Ti firmassi con nome e cognome.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 3 settimane fa

        Bah, opinionista opinionabile. Se prendo nomi a caso da quella lista io vedo:
        Cristante e Kluivert alla Roma
        Verdi e Inglese al Napoli (ok gia’ discussi pre calciomercato, ma sempre acquisti sono)
        Caldara, Spinazzola, Pjaca, Perin, Emre Can , Cancelo… ai gobbi.. ok che in italia hanno i soldi solo loro
        Inter: Nainggolan e Joao Mario

        Quindi il comune mezzo gaudio cos’e’? Quelli che stanno sotto le solite 4?
        Cioe il nostro anno fa pena e ok , va bene cosi’ tanto siamo tutti uguali tutti gli anni.

        Pur con i soldi in tasca.

        Non ci sto, ed essendo TN parte del gruppo RCS il dubbio viene.

        Un calcio di qua un calcio di la, prima ci alienano con inutili articoli (che generano visite , pubblicita’) poi cercano di calmare le acque con ulteriori articoli inutili.

        Hanno creato una dipendenza (visito come tanti TN piu’ di una volta al giorno) e non mi pare siano dalla parte del Toro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. claudio sala 68 - 3 settimane fa

          Concordo con te che cercare di giustificare questo immobilismo della società non ha molto senso. Preferisco però aspettare più in avanti per dare giudizi, sicuramente andare in ritiro con questa rosa è sicuramente negativo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. prawn - 3 settimane fa

        E sul discorso firma, mi firmero’ quando avranno almeno l’onesta’ di spiegare perche’ alcuni commenti critici (senza insulti, era piu’ delicato di questo) ogni tanto scompaiono

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. ddavide69 - 3 settimane fa

        Tu sei un omonimo del nostro grande Claudio? Davvero?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. claudio sala 68 - 3 settimane fa

          Io rispetto anche gli insulti però devi metterci la tua vera faccia e non nasconderti dietro un nickname. Saluti

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granata - 3 settimane fa

    Beh, non è che tutto sia così immobile come dice Costantino: Juventus, Inter e Roma i loro primi forti colpi di mercato li hanno fatti. Il problema è che il Torino sembra troppo spesso essere preso in contropiede. Lo fu con Maximovic, con Immobile (che ci è stato soffiato per un piatto di lenticchie dalla Lazio), lo è stato in tante trattative interminabili e poi finite nel nulla, lo è ora con i casi Bruno Peres e Verissimo. Possibile che, prima di infilarsi in una trattativa, non si potesse chiedere a Bruno Peres quali erano le sue intenzioni, invece di fare il contrario e cioè parlare prima con la sua società? E il complicato caso del cartellino di Verissimo non poteva indurre a lasciar perdere senza perdere inutilmente tempo dietro a una situazione intricata? Forse non conosco bene i retroscena, ma i precedenti non depongono a favore di una società che vende all’ ultimo minuto i suoi gioielli e poi compra in extremis quello che trova ancora esposto in vetrina (Amauri e Niang gli esempi più eclatanti). E’ vero che le poco lungimiranti campagne acquisti del passato hanno inflazionato la rosa di giocatori del tutto superflui (da Carlao ad Ajeti, da Valdifiori a Gustavson, a, purtroppo, vari giovani ex Primavera mai sbocciati ed ora da sistemare), per cui c’ è l’ imperativo di vendere. Ma è anche vero che più si tentenna, meno si trovano buone occasioni. Ad esempio, che fine ha fatto la trattativa con il miglior elemento della Spal, Lazzari, buono sia come terzino che come centrocampista? Insomma, quando è suonata la campanella dell’ ultimo giorno di scuola, il professor Petrachi non aveva programmato i compiti per le vacanze. A mo’ di esempio cito i casi Zaza e Marchisio (so già le obiezioni dei granata puri e duri, ma mentre noi discutiamo sui quarti di nobiltà dei possibili rinforzi la Juventus si porterà a casa un altro ex granata, Darmian), indubbiamente due rinforzi disponbili sul mercato. Per avere giocatori di quelle caratteristiche non bisogna stare a baloccarsi, bisogna essere determinanti e decisi ed anche disposti a rischiare uno sbilancio economico di mercato, che poi significherebbe un investimento verso mete sportive (ed economiche) più elevate. Ma, presidente a parte, qual è il valore del nostro staff tecnico, quale quello dei nostri osservatori (se ce ne sono)? E non mi si dica che alcuni buoni colpi di mercato li abbiamo fatti. E’ evidente che se Petrachi avesse sempre sbagliato tutto non sarebbe lì, al Toro. Ma la percentuale di errori è stata finora elevata (vogliamo parlare di Sadiq, tanto per fare un esempio, gabellato come il vice Belotti?).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 3 settimane fa

      08 maggio 2018 – 14:16
      Torino, Cairo: “Sul mercato saremo veloci. Osservatori in giro da un anno”

      Ma no e’ un anno che osservano, son troppo bravi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. prawn - 3 settimane fa

    Infami schiavi zerbini di RCS / Cairo Comms me l’avete cancellato il commento eh

    ma che cazzo perdo tempo a fare in questo sito di merda bastaaa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. dattero - 3 settimane fa

    facciamo il punto del perche’ e come.
    Chi disse “non ho paura della juve,tornera’ il toro di Pulici e Graziani”?
    Chi disse “europa in 5 anni,e’ solo un problema d’organizzazione”?
    Chi disse “m’ispiro a Pianelli?
    Lascio poi stare tutte le altre corpose fandonie di questo presiniente,senno’ intaso il sito,vado solo a dicembre 2017: “faro’ di tutto per dare ai tifosi del Toro le soddisfazioni che meritano”.
    Qui qualcuno scrive di tifosi inadeguati? ma vai dagli alcolisti anonimi,per favore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 3 settimane fa

      io il bookmark ce l’ho li pronto, e’ un po’ presto eh pero’:

      “” 08 maggio 2018 – 14:16
      Torino, Cairo: “Sul mercato saremo veloci. Osservatori in giro da un anno”
      “”

      Maledetto Maledetto Maledetto Maledetto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. torinodasognare - 3 settimane fa

    Attenzione! Il nostro tifoso n.1, tale “Fedeltà ecc..”, si è rotto i coglioni!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. GlennGould - 3 settimane fa

    “Mancano una decina di giorni al ritiro”. Di conseguenza, per l’autore dell’articolo, la matematica è un’opinione. Buono!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. FanfaronDeMandrogne - 3 settimane fa

    …mai viste tante idiozie in un articolo…!!!

    Eccone un’altro a libro paga di bracciamozze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Hic Sunt Leones 61 (A.C.TORINO) ® - 3 settimane fa

    ecco sempre la stessa storia viene fuori, siamo noi tifosi il problema, il calcio cambia e non capiamo le nuove dinamiche. io direi che le capiamo eccome solo che con le nuove dinamiche gli altri vincono e sono vincenti, qui vince solo il portafoglio di qualcuno e i suoi seguaci ne bevono le parole d’ordine facendole proprie.
    Il fine di una squadra di calcio e’ la partecipazione alla competizione con il fine della vittoria.
    Tutto il resto e’ masturbazione mentale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13931233 - 3 settimane fa

    CAMPIONATO NUOVO… VITA VECCHIA. TANTO POI UN AMAURI All’ultimo giorno di metcato lo troviamo sempre… IO AMO DA piu di 50anni il TORO MIO Papà da 80… Noi tifosi TORO abbiam visto di tutto ma ora basta…. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hic Sunt Leones 61 (A.C.TORINO) ® - 3 settimane fa

      eh ma sei sicuro di non essere inadeguato? visto che si dice che e’ colpa nostra eheheh in qualche post ogni tanto, scherzo, ciao

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Fedeltà più forte del fuoco - 3 settimane fa

      Concordo in pieno, ora mi sono proprio rotto coglioni…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13685686 - 3 settimane fa

    Andate a vedere chi è Cairo su Wikipedia alla voce biografia e ai suoi problemini durante tangentopoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bepmerlo4_120 - 3 settimane fa

      Non capisco cosa c’entri. Moralismo da quattro soldi da parte di chi poi in privato d3ve dimostrare nel suo piccolo di essere probo.
      E’ stato nominato cavaliere del lavoro e quindi vuol dire che eventuali pregressi sono tutti decaduti.
      Oggi e’ il nostro presidente, la società e’ sana, ha un futuro, potr3bbe fare di più certamente anche se e’ in linea con la partecipazione dei tifosi, non adeguati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 3 settimane fa

        Tu non sei adeguato. Cavaliere del lavoro come il suo mentore berlusca che in fase di dibattimento ha pure rinnegato per salvarsi e pulirsi la coscienza e la fedina. Il fatto di essere cavaliere poi non costituisce certamente lasciapassare di integrità etica e morale, anzi visto come vanno le cose in questo paese.. Pensa infatti al re di Mediaset quanto ha dato prova di pulizia. Hahaha, pulisciti la bocca quando parli dei tifosi del Toro, io sono certo di essere integro e in passato anche partecipativo, tu e il presidente non lo so.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Hic Sunt Leones 61 (A.C.TORINO) ® - 3 settimane fa

        La partecipazione dei tifosi e’ direttamente proporzionale ai risultati, se tralasciamo lo zoccolo duro che in ogni squadra esiste.
        I soldi per la squadra non vengono dai tifosi se non in minima parte, i soldi ormai vengono da tutto il resto.
        Io non attacco la persona, semplicemente l’affermazione che i tifosi siano inadeguati mi lascia perplesso.
        Lo spettacolo in campo e’ quello che e’ quindi il tifoso sceglie altro. Altre spiegazioni sono ininfluenti e futili.
        Quindi la nostra squadra non andrebbe bene per causa della scarsa partecipazione dei tifosi inadeguati. Eh beh… mi sembra abbastanza senza sostanza questa affermazione. Senza alcuna cattivera.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. FanfaronDeMandrogne - 3 settimane fa

        …ma le stronzate che scrivi ti vengono “così su due piedi” oppure lasci che sia la tua amigdala castrata a partorirle…???

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      4. Fedeltà più forte del fuoco - 3 settimane fa

        Sai chi non è adeguato?! Tiu.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-13882506 - 3 settimane fa

    faccio i complimenti ad Alessandro Costantino perché ha scritto da tifoso obiettivo però io da tifoso da oltre trent’anni dico solo che braccino e petrachi sono inguaribili e vergognosi. se non erano così avrebbero smesso da tempo di prenderci x il culo.scusate ma è lo sfogo di un tifoso innamorato del toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. SemperFidelis - 3 settimane fa

    Mi aspetto 3 acquisti prima del 8 luglio prima non penso ci siano in calendario molte partite, delle squadre di serie a solo l’inter ha fatto acquisti notevoli, la roma buone scommesse ma ha perso il ninja, per comprare mandragora a 20 milioni o sanno a 7 allora sto con molinari ed acquah.
    Capisco le critiche ma avere 40 milioni in cassa vuol dire avere possibilità di scelta non di buttarli basta comprare come l’anno scorso con rincon e niang

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 3 settimane fa

      Ciò che dici sarebbe vero se cairo avesse davvero intenzione di usarli sti 40 mlni di cui parli. Il fatto è che per lui proprio non esistono. Gli eventuali acquisti saranno fatti solo e soltanto dopo le cessioni, altrimenti sarebbero già stati fatti non credi? Se hai le idee chiare e i soldi gli acquisti li fai subito. Ma i soldi non ci sono secondo il nostro presidente, per cui prima vanno trovati quelli. Con la speranza che almeno ci siano le idee chiare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. torinodasognare - 3 settimane fa

    Io sono davvero molto contento di questa bellissima campagna acquisti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. robertozanabon_821 - 3 settimane fa

    In attesa della Fata Turchina o di un improbabile Re Mida faccio i complimenti a Costantino.
    L’articolo non riveste alcun tenore aziendalista ed anzi evidenzia lo scetticismo che aleggia intorno al Mondo Toro.
    Purtroppo la leggerezza che sintetizza l’ironia di alcuni commenti, si scontra con l’esasperazione di molti verso il (non) modo di operare della Società.
    Strategia? Inadeguatezza? …o peggio?
    La speranza è che Cairo ci stupisca, in senso positivo, entro la fine del mercato altrimenti molti tifosi si ritroveranno, questa volta loro sì, a fare dei bilanci “molto” severi.
    Sempre Fedeli…ma non fessi. FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hic Sunt Leones 61 (A.C.TORINO) ® - 3 settimane fa

      Condivido in gran parte anche se non completamente cio’ che dici.
      Condivido anche l’ultima frase.
      “SEMPRE FEDELI MA NON FESSI!”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. VG - 3 settimane fa

      L’articolo non evidenzia nulla, semmai giustifica l’operato di braccino paragonandolo addirittura a quello dei gobbi, certo, con altri fondi economici, che scoperta! Poi la metafora di Geppetto in attesa di un miracolo per trasformare il torello in toro tosto e vincente lascia il tempo che trova, come dire, addolciamo la pillolina che tutto sommato siamo granata, coglioni e creduloni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. LucioR - 3 settimane fa

    Articolo fazioso al limite della decenza con paragoni ridicoli con altre società che a prescindere dal budget non vengono utilizzate come giocattolo personale alla ricerca di plusvalenze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Junior - 3 settimane fa

    articolo che riflette la realta’ ma quanto mai fumoso. va bene tutto. ma quando si quaglia? insomma, e’ vero che qualche anno fa c’era il tetto ingaggi fino a 500K ed ora sono stati aumentati ed anche di parecchio. ma quando si compra centrocampista, terzino, e giusta spalla per il Gallo? o aspettiamo l’ ultimo giorno come al solito? per carita’ non sono soldi miei, ma e’ evidente che i soldi in cassa ci sono e pure parecchi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. user-13793800 - 3 settimane fa

    La morale dovrebbe essere che con le bugie non si và tanto lontano……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giankjc - 3 settimane fa

      Eppure il signore in questione ne ha fatta di strada raccontando castronerie…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. VG - 3 settimane fa

    Braccino sta facendo la fine del sistema centrale che sta collassando grazie alla rivolta elettorale delle masse, dai media chiamati populisti, è arrivata l’ora di una tifoseria granata meno chic e più proletaria, rivoluzionaria, come i vecchi bei tempi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Hic Sunt Leones 61 (A.C.TORINO) ® - 3 settimane fa

    Piu’ Europa, Piu’ effeci’, queste due affermazioni hanno un filo logico che li unisce, quelli che sono per la prima sono per il secondo….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Hic Sunt Leones 61 (A.C.TORINO) ® - 3 settimane fa

    dal lontano 2008 continuo a dire che finche’ ci sara’ quel duo a gestire l’effeci’ non andremo mai da nessuna parte. Sono dieci anni…..
    Siamo cresciuti fino a dove andava bene crescere poi avanti con le plusvalenze e niente altro.
    Non credo che non si fara’ nulla da qui fine mercato, credo che ci saranno i soliti eventi l’ultima settimana (gli eventi che stanno pianificando ora). Ma ancora mi trattengo dal bestemmiare perche’ ancora spero…..
    Ma se sara’ come al solito, i procarioti si nascondano perche’ non ce ne sara’ piu’ per loro per alcuni mesi tanto la gente sara’ incavolata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. sylber68 - 3 settimane fa

    Ma questo articolo gliel’ha dettato Cairo.? Ma la vogliamo finire di giustificarlo, questo signore qua?
    Addirittura paragonare i gobbi sullo stesso nostro piano, solamente con un badget diverso. Ma Lei sta scherzando o ha scritto l’articolo senza rileggerlo? Finiamola, noi navighiamo a vista, anzi peggio, senza un minimo di programmazione. Stiamo dietro un calciatore manco fosse Kroll, Beckenbauer, Baresi, il più forte difensore degli ultimi venti anni. Finiamola perfavore. Mi spiace dirlo, ma non paragoniamoci a società che hanno tutto rispetto noi.
    Noi siamo ormai una società di terza fascia. Nessuno parla più di noi. Nessuno.
    Grazie Presidente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Pesce - 3 settimane fa

    Appello a tutti i veri tifosi granata:
    Organizziamo una gita in pullman a Bormio proprio per domenica 8 lugglio. L’obiettivo e’ ovviamente un lungo e incessante applauso al nostro amato Presidente che tanto si sta spendendo per rendere grande il Toro e orgogliosi (di lui) isuoi tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giankjc - 3 settimane fa

      Meglio: scrocchiamo un passaggio all’effecì, tanto il pullman lo porta uolter.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Andrea Valentino - 3 settimane fa

      Organizziamo Piuttosto una bella gita a Milano e andiamo a prenderlo….. che è meglio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Giankjc - 3 settimane fa

    Un fattore positivo in questa ennesima pagliacciata, in perfetto stile effecì, io lo intravedo. La tifoseria si sta riunendo, o meglio, dopo anni di fumo negli occhi e di fratricidi, sembrerebbe che persino quelli più paurosi e restii alla cacciata del proprietario, questa volta non ne possano più. Dopo averci diviso per i suoi interessi, ora, per la medesima infinita avidità, il capolinea non sembra così lontano.
    È passato ancora un giorno di troppo con questo speculatore seriale alla presidenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Hic Sunt Leones 61 (A.C.TORINO) ® - 3 settimane fa

      e’ questione solo di aspettare sulla riva del fiume…. un’onda travolgera’ gli ultimi procarioti a fine mercato….
      Dove sono i soldi delle plusvalenze? in quale cassa? sono fermi ? fruttano? cosa fanno quei soldi? Lavorano o sono fermi?
      Sono fermi? Uno come Cairo lascia i soldi fermi?
      Sarebbe interessante dibattere su questo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 3 settimane fa

        Beh a tal proposito può essere utile guardare alla gestione che cairo fa delle sue aziende fin dalle origini. Non è mai stato un innovatore o uno che si brucia in corposi investimenti. È partito con la pubblicità conquistando lentamente quote di mercato ma senza portare chissà quale innovazione. Le sue aziende producono utili grazie ad una gestione esasperata dei costi ma non hanno delle impennate nei ricavi, proprio perché non eccelle in investimenti che aumentino considerevolmente le possibilità di ricavi. La7 in fondo, a parte qualche nome illustre, è la stessa dei tempi di Telecom. Rcs è più o meno uguale ma ora produce utili pur con ricavi decrescenti. Insomma è un manager mani di forbice. Nel Toro fa lo stesso. Costi ridotti all osso, investimenti in strutture e giocatori al minimo indispensabile, con la variante della scoperta della gallina dalle uova d’oro, le plusvalenze. Io purtroppo concordo con te, anche se da meno tempo. Con cairo alla presidenza non ci sono possibilità di progredire semplicemente perché non si può pretendere che lui si comporti diversamente da quello che è. D altronde le nostre nonne ci hanno sempre spiegato che il sangue dalle rape non si può estrarre. Resta solo da sperare che un giorno lui faccia ciò che sa fare benissimo: vendere alle migliori condizioni possibili…Solo che stavolta potrebbe vendere direttamente la società. Mi sento di tranquillizzare chi teme questa eventualità. Chiunque compri il Toro alle condizioni di cairo non sarà certo un accattone

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Hic Sunt Leones 61 (A.C.TORINO) ® - 3 settimane fa

          concordo in tutto, proprio tutto.
          Vendera’, secondo me, quando sara’ riuscito a piazzare Belotti risorto, sara’ la soluzione finale.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Lubegt - 3 settimane fa

    Oddio voler giustificare il mercato del Torino FC in base al mal comune mi sembra quanto mai fuori di luogo.
    Forse è meglio non far niente per non sbagliare di certo così non si può sperare di riempire lo stadio. Ormai sono un paio di anni che non si compra bene, da quando è partito Ventura (non che mi piacesse il suo gioco) sembrerebbe che non ci sia più nessuno che faccia luce su chi comprare. Speriamo che WM aiuti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. LBgranata. - 3 settimane fa

    Ennesima dimostrazione di come al giornalaio non interessi nulla della crescita sportiva del Torino Fc.
    Oramai anche società come l’Atalanta fanno meglio di noi sia sul mercato che in campionato.
    Ma per tanti è il meglio che potete avere. Il tirchio urbanuccio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. michelebrillada@gmail.com - 3 settimane fa

    le solite pagliacciate alla cairese basta niente abbonamenti farli giocare a porte chiuse

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Mario66 - 3 settimane fa

    Una supplica al nostro presidente. Vendi agli americani dopo papa ti faremo santo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Pesce - 3 settimane fa

    Sig. Costantino è inutile che cerca di “menare il can per l’aia”, la realtà è un’altra.
    E lei o non la vuole vedere o è “incentivato” a distorcerla.
    Però forse una cosa positiva c’è, forse abbiamo trovato (in lei) uno di quelli “del pollice verso” a qualsiasi cosa critica nei confronti della società che viene pubblicata in questa bacheca.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. user-13746076 - 3 settimane fa

    Ma per carità … Ma come ci si fa ad allineare così! I soldi ci sono un tesoretto da oltre 37m … Ma non ci sono le idee non solo la volontà. Cairo ha il suo imprinting e le sue colpe ma qui vengono a nudo l’assenza di conoscenza al di fuori di certi circuiti del ns DS. Una incompetenza ad operare a certi livelli, la mancanza di osservatori, una facile piaggeria in cui ci si è adagiati, lui per primo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pesce - 3 settimane fa

      Io penso di essere uno dei più critici di questa bacheca, ma se la tua tesi fosse corretta (non ci sono idee, ossetvatori, circuiti cioè se Cairo e Petrachi sono degli incompetenti), allora forse è giusto questo totale immobilismo sul mercato, perché altrimenti significherebbe buttare via il tesoretto accumulato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Giankjc - 3 settimane fa

    Si si, testadighisa Geppetto e mr.c. Pinocchio. Petrus la fata turchina.
    Mal comune mezzo gaudio, la favola cairota continua.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy