Tetto ingaggi del Toro: perché sul singolo stipendio e non sul totale?

Tetto ingaggi del Toro: perché sul singolo stipendio e non sul totale?

Il Granata della Porta Accanto/ Tante operazioni di mercato dei granata bloccate dal salary cap imposto da Cairo. Giusto salvaguardare il bilancio, ma la crescita sportiva passa anche da una revisione più lungimirante delle politiche salariali

6 commenti
Cairo

Che le notizie di mercato vadano prese con le pinze è un assioma che anche il più ingenuo degli entusiasti ha mandato a memoria da tempo. Che le verità contenute in queste notizie siano inferiori percentualmente alle probabilità di vincita al Superenalotto è altrettanto indiscutibile. Eppure una costante del calciomercato del Torino, di questa come di passate sessioni, resta legata alla difficoltà di arrivare a mettere sotto contratto certi profili di giocatori a causa dell’incapacità di sostenere determinati livelli salariali che non rientrano nei tetti stabiliti dai vertici societari.

E così succede, magari, che raggiunto l’accordo con la Roma per l’acquisizione del cartellino di Ljajic, acquisto validissimo, la trattativa si areni sulle richieste economiche del giocatore il quale, forte di un contratto da due milioni di euro a stagione coi giallorossi, mal si dispone a decurtarsi l’emolumento fino al milione di euro, cifra massima corrisposta dal Torino ai propri tesserati.

Ora, che stabilire un tetto salariale sia un atto più che lodevole nell’ambito di una virtuosa amministrazione delle casse societarie non ci piove e trova tutti d’accordo. Lo “scudetto del bilancio” è una medaglia che il presidente Cairo si appunta sempre volentieri al petto e che nel calcio moderno ha in effetti un suo valore concreto. Il Torino è una società modello sotto questo punto di vista e la cosa inorgoglisce i suoi tifosi, reduci appena due lustri fa da un doloroso fallimento. Resta però l’inevitabile contraltare della “redditività sportiva”, un parametro che una società di calcio non può trascurare anche perché spesso è strettamente connessa a quella economica. Più risultati si ottengono, maggiori entrate economiche proporzionalmente si hanno. Non è un principio matematico, ma è più vicino al vero della teoria opposta, quella cioè che vorrebbe maggiori risultati sportivi a fronte di maggiori investimenti economici.

Il salary cap , detto all’inglese, è obbligatorio in alcune leghe americane come l’NBA: tutte le squadre ne sono assoggettate e pertanto la competizione è, in linea di principio, più equa. Il Fair Play finanziario dell’Uefa dovrebbe esserne la versione edulcorata “all’europea” sebbene tutti sappiamo quanto sia osteggiato e malvisto da quelli a cui “piace vincere facile”. Di fatto però il salary cap del Toro ne limita la capacità concorrenziale rispetto alle altre squadre di pari livello. Sforare il tetto d’ingaggio è possibile, ma stando alle logiche malate del calcio e seguendo una corrente di pensiero parecchio diffusa, ciò innescherebbe un effetto domino per il quale il resto della rosa batterebbe subito cassa per avere un adeguamento contrattuale.  Una cosa che nel mondo reale del lavoro sarebbe anche solo ridicolo pensare, ma che nel mondo “fatato” del pallone è,  ahimè, probabile grazie alla presenza di una categoria di professionisti della quale è difficile parlare bene: i procuratori.

In realtà, se la gestione virtuosa impone un freno agli ingaggi e dando per assodato che ciò sia corretto,  la vera anomalia della vicenda è che il Torino applica un tetto al singolo salario e non, come logica vorrebbe, all’insieme dei salari, cioè al famoso monte salariale. Tra Messi e Masiello c’è un abisso in termini di retribuzione e lo stesso Masiello, se giocasse con Messi, non avrebbe difficoltà ad accettare tale differenza. Eppure se in linea teorica è possibile che Messi giochi con Masiello, di una cosa siamo certi: non accadrebbe nel Toro! Questo perché il tetto sul singolo salario impedisce l’acquisto di giocatori di fascia superiore al milione di euro di stipendio. Ed è un peccato perché già solo intorno al milione e mezzo o due ci sono tantissimi giocatori di ottima qualità che farebbero fare un grande salto in termini di ambizioni a questo Toro. Certo, per rispettare un monte salari adeguato occorrerebbe avere riserve fatte in maggioranza dalle cosiddette “scommesse”, cioè giovani che difficilmente guadagnano più di 3-400 mila euro ma almeno si avrebbe una rosa di titolari dalle potenzialità decisamente più alte. Il tetto ingaggi attuale è sì virtuoso dal punto di vista globale del bilancio, ma è sportivamente parlando un limite, perché impedisce, per poche centinaia di migliaia di euro sul singolo caso, di prendere (o di trattenere come nel caso di Immobile) di volta in volta i giocatori più adatti al progetto sportivo senza i cui buoni risultati nel medio periodo dipendono anche quelli economici. Il classico cane che si mangia la coda…

A ognuno lascio il proprio punto di vista circa il dilemma su questa particolare scelta di porre un limite all’ingaggio singolo piuttosto che una soglia non superabile sulla somma dei singoli ingaggi. La domanda ad ogni modo sorge spontanea: si vuole veramente competere a certi livelli o si fa di tutto per dimostrare, anche capziosamente, che ciò non sia possibile? Rivedere qualche rigidità sui tetti salariali (o anche solo un uso maggiormente disinvolto dei bonus) potrebbe essere la risposta che tanti tifosi vorrebbero sentirsi dare alla precedente domanda.

6 commenti

6 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. gl65 - 9 mesi fa

    Solito ottimo Costantino, proporrei di farlo dirigente dietro Petrachi….
    Condivido tutto, direi che il salari cup va bene x 8 undicesimi e riserve, ma poi due o tre che fanno la differenza ci vogliono, senò non vai da nessuna parte, poi se uno è bravo tecnicamente e possibilmente giovane difficilmente ci rimetti (con quelli già maturi non conviene) e la cosa verrebbe anche accettata da quelli tecnicamente meno dotati.
    Speriamo in un leggero cambio di strategia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FLAGHI - 9 mesi fa

    Si ottimo articolo di Constantino, tempo fa avevo detto in un commento che con questo sistema del salary cap pro capite difficilmente riusciremo a competere per l’Europa… sarebbe piu’intelligente un tetto generale agli stipendi come in NBA,il problema e’che li’ viene imposto ed adottato da tutti…le idee buone contano eccome ma servono anche gli investimenti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Art-Toro - 9 mesi fa

    Credo che quello che serve chiedersi è cosa si voglia realizzare, qual’è il progetto?
    Facile a dire che dovremmo alzare gli ingaggi di alcuni, per trattenerli o per farli venire… poi però il tifoso chiede attaccamento alla maglia, spirito di sacrificio ecc. lo stipendio bisogna guadagnarselo sul campo, basta fannulloni. Io sono dell’idea di tenere stipendi bassi(dire che 300.000.00€ è basso..) e poi andrei di bonus che solo lavorando, lottando e raggiungendo risultati possono guadagnare, allora puoi pensare di creare lo spirito toro. Certo molti non verranno o non rimarranno, ma per lo meno non ci troveremo tra qualche anno come il Milan, a mandare via i vari Ibrahimovic, Nesta, Gattuso ecc. per gli ingaggi elevati e la difficoltà di mantenerli. Formiamo giovani con questa mentalità e facciamoli diventare campioni, creiamo una stabilità economica che non sia solo venderne uno o due all’anno, ma iniziamo a tenerli se hanno le motivazioni giuste. Basta sceicchi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. leo1970 - 9 mesi fa

    Come al solito ottimo Costantino. La domanda centrale è: l’attuale dirigenza vuole fare il salto di qualità? Cairo – che in altri ambiti dimostra di essere ambizioso e di puntare in alto – mi pare che al Toro “si accontenti”. E’ vero: il nostro “giro d’affari” è molto inferiore a quello di altri; ma rimango convinto che, anche nel cosiddetto calcio moderno, il fattore economico non sia tutto e siano ugualmente determinanti le IDEE (in campo e dietro la scrivania), la VISIONE, l’IDENTITA’, la VOGLIA di fare qualcosa di grande.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Mik - 9 mesi fa

    Finalmente un articolo che riassume tutto quello che molti tifosi granata pensano e vanno dicendo da tempo nei riguardi di cairo. Peccato solo che sia arrivato dopo cosi tanto tempo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. osvaldo - 9 mesi fa

    Sono perfettamente d’accordo con l’articolo.
    Seguitando con il tetto salario ad personam,non faremo mai il salto di qualità,perchè non avremo mai Top Player e,nello stesso tempo, non riusciremo mai a trattenere i migliori.
    Giustissimo il monte ingaggi ma,calcolato sull’intera rosa anche perchè in qesta maniera verrebbe premiata la cosiddetta “Meritocrazia”Speriamo che Cairo (che non è certamente un “fesso), voglia veramente regalarci qualche campione con la C maiuscola,cosa che ormai non vediamo più da tantissimi anni.
    Osvaldo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy