Toro, seconde linee poco ruggenti…

Toro, seconde linee poco ruggenti…

Il Granata della Porta Accanto / Torna la rubrica di Alessandro Costantino: “Non tutte le riserve hanno pienamente convinto nella gara contro il Carpi, così come Belotti e Niang…”

5 commenti

Il Torino supera abbastanza agevolmente il Carpi e si conquista il diritto a sfidare la Roma negli ottavi di finale della Coppa Italia. Se Mihajlovic dalla partita di mercoledì si aspettava risposte chiare sia dagli attaccanti titolari che dalle numerose riserve, a dispetto delle dichiarazioni di facciata, non sarà rimasto completamente soddisfatto. Risultato e qualificazione non sono mai stati in discussione durante tutti i novanta minuti e questo era sicuramente l’obbiettivo primario. È stata anche evitata una partita come quella col Pisa della scorsa stagione, ma dire che si sia visto un Torino bello e convincente sarebbe davvero esagerato: il Carpi ha cercato di difendersi con grande agonismo ma è parso un avversario modesto e molto “spuntato”. Fatta la tara, quindi, alla squadra ospite, è superfluo sottolineare che ci si sarebbe aspettato qualcosa in più da parte dei ragazzi di Mihajlovic, non tanto dal punto di vista realizzativo quanto dal punto di vista della mole di gioco e di occasioni create.

Iago Falque non ha tradito ed ha sbloccato la gara seguito dal colpo di testa vincente di Belotti. Ecco il Gallo. Doveva essere la partita in cui poteva ritrovare il feeling con il gol e così in effetti è stato. Anche sul piano della grinta e della corsa è stato il Belotti di sempre. Non si può evitare però di essere un po’ preoccupati per le tre occasioni clamorose che ha sprecato, sintomo che il ritorno ad un rendimento realizzativo di altissimo livello pare ancora lungi dall’essere cosa fatta. Due assist fanno primavera? Parliamo di Niang, autore degli assist per le due marcature granata, ma francamente poco incisivo in tutte le altre sue giocate. È lodevole che l’allenatore lo difenda dai fischi piovuti dagli spalti al momento del cambio, ma il franco senegalese è ancora troppo lontano dell’essere un giocatore decisivo per il Toro e, sebbene abbia fatto più movimento del solito, neppure contro una squadra di serie B ha fatto vedere di poter valere i famosi quindici milioni concordati col Milan per il suo acquisto.

L’attenzione di molti tifosi era, però, rivolta alle cosiddette seconde linee. Non so se sarà una meteora o diventerà un gran portiere ma l’esordio di Milinkovic Savic in maglia granata sarà ricordato per sempre per la traversa colpita al 93’ con una super bomba su punizione: pochi centimetri e il portierone serbo avrebbe scritto una pagina indelebile della storia granata. Lyanco e Bonifazi hanno confermato talento e personalità con il primo leggermente più avanti del secondo. Bonifazi, anche lui all’esordio assoluto nel Toro, non ha patito dietro ma ha palesato qualche incertezza in più nella fase di costruzione dal basso sbagliando qualche pallone di troppo. Molinaro è un altro caso strano: gioca da veterano consumato con parecchia sagacia tattica, poi immancabilmente si macchia di errori che un giocatore della sua esperienza non dovrebbe mai compiere (vedi retropassaggio molle ed orizzontale sul quale Malcore si fionda e per poco non fa gol). Mistero… A centrocampo si è rivisto Valdifiori, ma anche lui non ha fatto faville: poca interdizione (si sa) poca regia (e questo stupisce di più), pochissimi lanci e quasi tutti sbagliati. Ancora una volta si conferma che forse Empoli era la sua vera dimensione e il salto al Napoli è stato un azzardo. Su Acquah invece sto elaborando una nuova teoria. Deve avere sangue brasiliano perché appena arriva il freddo smette di giocare al suo livello: l’anno scorso esplose in primavera, quest’anno speriamo ritrovi la condizione un po’ prima. Il vero mio cruccio personale è Boyè. Per me è tecnicamente un fenomeno: controllo palla superiore alla media, facilità estrema nel saltare l’uomo. Peccato che da lì in poi sbagli tutte le scelte sia al tiro che nei passaggi. Possibile che non ci sia qualcuno dello staff che sappia dargli qualche rudimento tattico su cosa fare una volta che ha creato la superiorità? Stiamo parlando di un giocatore che non sarà mai un bomber, ma che potenzialmente è una mezzapunta devastante per tecnica e fisico. Qualcuno lo aiuti a collegare i piedi alla testa!

LEGGI: La conferenza stampa di Mihajlovic

Infine Edera e Gustafson. Il prodotto del vivaio granata è entrato benissimo in partita giocando un quarto d’ora fatto di spunti interessanti con il solito quasi gol. Sinceramente non capisco perché non abbia più chances anche in campionato. Se Niang avesse la metà della voglia di Edera sarebbe al PSG. Anche lo svedese ha giocato una mezz’oretta di buon livello dimostrando fondamentalmente due cose: ha i piedi e i tempi di gioco giusti per far correre la palla e verticalizzare quando necessario (splendida l’imbeccata per Belotti che poi ha trovato la parata del portiere del Carpi), ma non ha il fisico e la cattiveria agonistica per giocare ad alto livello. Almeno non adesso. Se il Toro giocasse con un rombo a centrocampo potrebbe essere il vice Ljajic nel vertice alto: fino ad allora tanta palestra o prestito, magari in Spagna dove si gioca più offensivamente (in Serie B italiana lo massacrerebbero).

Insomma, il Toro bis non è scarso ma i suoi componenti non credo abbiano impressionato più di tanto Miha. Contro l’Atalanta non mi stupirei di vedere i soliti titolari dell’ultimo periodo.


Da tempo opinionista di Toro News, do voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finchè non è finita.

5 commenti

5 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alberto Fava - 1 settimana fa

    Dal titolo mi aspettavo un’articolo sulle potenzialità delle seconde linee, invece leggendolo mi accorgo che è più una disamina approfondita della partita con il Carpi.
    Quindi se a detta di chi scrive il test sia stato poco probante, la considerazione fatta sugli interpreti poco utilizzati varrebbe altrettanto, o no?
    Non mi dilungo su questo argomento, anche perché quando due punti di vista non collimano, il bersaglio dell’accordo difficilmente viene colto.
    Non sono d’accordo comunque su alcuni punti:
    1- Carpi o Vicenza o qualunque altra squadra, si gioca in 11 contro 11, ed abbiamo visto più di una compagine di serie A uscire dalla competizione al cospetto di squadre di caratura inferiore.
    2 – Occasioni da gol avute: io ne ho contate 8 più il solito rigore mancante, contro un paio avversarie. Significa una media di una ogni circa 11 minuti di partita, quante vorremmo averne? Una ogni 5 minuti? Magari…..
    3- Valdifiori : certo non può fare il mediano di rottura , ma gioca la palla sempre ad 1 o 2 tocchi. Chi ha giocato a calcio sa cosa vuole dire. Poi visto che abbiamo già tanta qualità nelle mezze punte , magari li in mezzo serve più forza corsa e contrasto.
    4- i giovani : Boye, si bravo, ma a me sembra che rallenti la manovra quando scorre fluida.Lyanco bravo, Gusta non da Toro, Bonifazi acerbo, Edera con buona garra, da rivedere meglio. Di Milinkovic mi e piaciuta molto la sua personalità e sicurezza tra i pali, e nelle rare volte che è stato chiamato in causa per partecipare al disimpegno. La punizione poi … spettacolare, bravo.
    5- Su Niang: per me ha fatto una buona prestazione, i due assists bastano da soli a confermarla. Magari ne facesse 2 ogni partita, sarebbe un fenomeno. I fischi? Non mi sono piaciuti, ma chi paga ha il sacrosanto diritto di applaudire e/o fischiare. Il pubblico e’ l’unico giudice insindacabile dello spettacolo.
    I Critici fanno il loro mestiere, giornalisti e commentatori compresi.
    Ma non rappresentano nessun Vangelo Bibbia o Corano, piuttosto fungono da cornice.
    FVCG sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granata forever - 1 settimana fa

    U SCUSATE””…. GIOCANO EH””…. EH HE””…. CIAO FRATELLI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. granata forever - 1 settimana fa

    CHIUNQYE GIOCHI STASERA BISOGNA VINCERE E’ POI SPERARE CHE LA LAZIO FACCIA RISULTATO””…. BUON SABATO E’ BUONA PARTITA A TUTTI CIAO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. fabrizio - 1 settimana fa

    in sostanza, una rosa mediocre. Come la posizione in classifica

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 1 settimana fa

    Articolo che commenta molto bene e in modo più pacato tutto quello che penso e che ho detto sulla partita contro il Carpi..
    C’è tanta gente che la pensa così, tanti ma non il mister.
    Non la società.
    Più Edera meno Niang e quando Baselli è spento c’è posto per Gusta.
    Ottima osservazione poi su Acquah, è chiaro che patisce l’inverno. Compraretegli una calzamaglia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy