Toro: Termopili o Forche Caudine?

Toro: Termopili o Forche Caudine?

Il Granata Della Porta Accanto / Milan e Juve saranno la cartina tornasole delle ambizioni granata: più del risultato, sarà l’atteggiamento a segnare uno spartiacque netto all’interno di questa stagione

di Alessandro Costantino

Avete presente quei Gran Premi di Formula 1 dove un pilota, sorpasso dopo sorpasso, si ritrova in zona podio e poi gli tocca fare il cambio gomme col rischio di uscire dai box e vedersi di nuovo scavalcato dagli altri piloti? Ecco, al Toro potrebbe accadere la stessa cosa nelle prossime due partite: ora che per la prima volta ha “conquistato” una posizione da Europa League (il sesto posto non è subordinato alla vincitrice della Coppa Italia come il settimo) il calendario gli presenta due sfide dall’alto coefficiente di difficoltà come il Milan a San Siro e la Juve nel derby. Come i cambi gomma nella F1 anche nel calcio certe partite prima o poi le devi fare e questo vale per tutti. Il problema è che se non ne esci con dei risultati positivi rischi di veder svanire quel piccolo vantaggio di classifica che ti sei acquisito.

Se mi sentisse Marco Cassardo, il “nostro” mental coach, mi cazzierebbe pesantemente, rinfacciandomi l’estrema debolezza di un pensiero del genere, figlio di una mentalità accontentista e perdente e siccome non voglio beccarmi la reprimenda di chi invece, giustamente, cerca di scuotere l’ambiente granata sostenendo la forza che una mentalità vincente può trasmettere alla squadra, mi appelleró alla storia che è sempre magistra vitae come dicevano gli antichi Romani.

Mazzarri pre Milan-Torino: “Radice una leggenda, Zaza può fare di più”

Non è un mistero che dopo l’importantissima vittoria contro il Genoa, importante più che altro in termini di punti in quanto accompagnata da una prestazione che potremmo eufemisticamente definire non del tutto convincente, i tifosi aspettino al varco la squadra per capire se di fronte ad impegni più corroboranti alzerà lo standard del proprio rendimento o cederà il passo accartocciandosi sui propri limiti. Appellandoci alla storia, come accennavo prima, anch’io sono curioso di capire se l’atteggiamento di Belotti e compagni sarà più simile a quello dei Romani sconfitti senza di fatto combattere ed umiliati alle Forche Caudine o a quello degli Spartani alle Termopili indomiti e valenti nel frenare un nemico cento volte più potente. Inutile dire cosa gradirei, sebbene sia conscio che gli eroismi nello sport sono rari quantunque non impossibili. E le motivazioni, da sole, purtroppo non bastano. Se io salissi su di un ring con Tyson, per quanto motivato e pieno di mentalità vincente, ne uscirei conciato molto male (eufemismo). Diverso sarebbe se avessi un certo talento, mi allenassi duramente per anni e lo affrontassi mentalmente e fisicamente preparato: perderei, ma magari non mi raccoglierebbero col cucchiaino.

E allora, visto che il Torino è costruito su una base di professionisti di buon talento con un allenatore che fa del culto del lavoro un caposaldo fondamentale della sua gestione tecnica, mi auguro che si rompano gli indugi e si affrontino le prossime due partite con il desiderio fermo ed indomito di fare la storia: due imprese storiche (espugnare la San Siro rossonera e tornare a vincere un derby) con ciliegina sulla torta il raggiungimento della zona Champions. Un volo pindarico? No, semplicemente la voglia di tornare a vedere un Toro che sa rendere possibile l’impossibile come ha fatto più volte in 112 anni, e qualche giorno, di storia.


 

Da tempo opinionista di Toro News, do voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finchè non è finita.

15 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. TORO1960 - 4 giorni fa

    Questo deve essere l’atteggiamento giusto!♉♉♉F.V.C.G.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BIRILLO - 4 giorni fa

    Il nostro campionato non finirà dopo il derby, per demerito delle altre più che merito nostro. Dovrebbero scendere in campo carichi e a prescindere dal risultato, iniziare a trovare più continuità nelle prestazioni e maggiori automatismi giacchè WM fa giocare quasi sempre gli stessi che a questo punto dovrebbero straconoscersi.
    Se poi abbiamo ancora carenze a livello testa, senza scomodare i motivatori come Cassardo, bisognerebbe che gli facessero respirare più aria granata old style, circondandoli in qualche modo con gente come Pulici, Graziani, gente che di motivi esterni per mordere l’avversario non ne aveva proprio bisogno.
    Trovando spirito e continuità, qualche risultato potrebbe arrivare, si spera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. cinquantott_308 - 4 giorni fa

    Aspettative superiori ci faranno solo male:
    – con i BN non è possibile un confronto, per loro sarà un allenamento
    – con i RN siamo inferiori e possiamo giocarcela sul fisico.

    Affrontiamo con lo spirito leggero queste partite sapendo che non raccogllieremo punti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marchese del Grillo - 4 giorni fa

    Mamma mia, che pletora di metafore! Restando sulla prima, quella del cambio gomme, bisognerebbe puntualizzare che ai box, prima o dopo, devono fermarsi tutti i concorrenti. Se perdi terreno strada facendo, per esempio facendoti fermare da Bologna, Parma, Cagliari e Roma (ebbene si, ci metto anche la Roma, sfrogoliata praticamente da tutti!) quando esci dal box puoi ritrovanti di nuovo in mezzo alla palude. Quest’anno accade però una cosa nuova. Il terreno per strada lo stanno perdendo a turno un po’ tutti, e questo facilita, e non poco, la nostra situazione. Roma, Lazio e Samp hanno una partita in più, e se pure perdessimo stasera, staremo grosso modo ancora là.
    Naturalmente non posso sapere cosa accadrà nelle prossime due. Il mio pensiero intimo mi dice che stasera possiamo giocarcela se decidiamo di giocare. Quindi NO Parma e NO Cagliari. Con quegli altri, ora come ora, cercherei un accordo con la lega per toglierla proprio dal calendario. Invece ci tocchera’ giocarla, è già vedo i saluti e gl abbracci tra giocatori prima e dopo, gia sento le dichiarazioni di Mazzarri, gia rivedo , insomma, un film che conosco esattamente come le mie tasche.
    E darei non so cosa per sbagliarmi completamente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-14010721 - 4 giorni fa

    Qui non bisogna essere TORO MAN o pensare positivi. La verità che nel derby, gli zebrati ci asfaltato. Bisogna essere realisti. Tra Noi e loro c’è un abisso. E con i giocatori che abbiamo anche se facessero la partita perfetta sempre 3 gol prendiamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. prawn - 4 giorni fa

    I punti per la ‘zona champions’ li dovevamo fare con altre squadre, ma siamo dove siamo, e allora tanto vale tirare fuori la grinta che non abbiamo ancora mostrato.
    Che WM abbia appunto tenuto la grinta per il derby?
    Forse non corriamo per tenerci le energie per il derby?
    Forse giochiamo peggio di quello che sappiamo fare per fregare la gobba spiazzandoli?
    E se tutte queste sessioni a porte chiuse al fila magari fossero per provare uno schema nuovo mai visto prima d’ora, proprio per il derby?

    No, siamo realisti. Col milan magari se giochiamo bene, essendo fuori casa, se veramente baselli torna dietro le punte, se magari Aina spinge l’ultima mezz’ora… Magari allora un punto o anche tre li facciamo.

    Con la Juve farei catenaccio assassino, metterei pure dei difensori a centrocampo a spaccargli le gambe, e due a uomo su Ronaldo.

    Noi magari faremo solo un punto inutile, ma magari almeno gli mettiamo i bastoni tra le gambe e il Napoli ne recupera DUE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. apuano - 4 giorni fa

    NESSUNO DEVE USCIRE VIVO DAL GRANDE TORINO8cal(calcisticamente parlando)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. apuano - 4 giorni fa

    NESSUNO DEVE USCIRE VIVO DAL GRANDE TORINO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. apuano - 4 giorni fa

    Ora non esiste piu’ niente …..nessuna polemica….ora esiste il Milan…..e speriamo di uscirne bene…..poi c’e’ solo la fottutta .ed e’ li che dobbiamo fare vedere chi siamo.io sono convinto in un atteggiamento da toro.vengono loro a casa nostra a fare lr star.e noi da star li ripagheremo.Undici Glick.Non undici rossi.ma come notavo con l imter piu’ interventi decisi quando fanno le loro pantomime calcistiche.gioco maschio al limite del regoòamento.ribadisco pulici ha sempre detto che si gioca undici contro undici ma noi siamo il toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. apuano - 4 giorni fa

    A vedere i risultati odierni.Puo’ veramente essere lo spartiacque per il cambio di bolina di questo match.Spero che i player guardano la classifica ed entrino al meazza infiammati.Questa prova se posiiva non solo nel risultato.puo’accompagniarci alla vittoria nel derby.Forza Ragazzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-13693832 - 4 giorni fa

    con le merde non c’è storia, speriamo di non prenderne più di cinque. Con il Milan non vinciamo mai bisogna essere realisti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-13967438 - 4 giorni fa

    Allora, se uno analizza i fatti obiettivi, col Milan è una partita alla pari o quasi (a differenza nostra non hanno dilapidato punti in modo immondo ed immorale, nè hanno subito ancora quel paio di decisioni arbitrali sfavorevoli).
    Il Milan fa piuttosto pietà come gioco… è un Toro con maglie a righe.
    Gli altri, invece, fanno storia a sè. Se mettono le riserve entrano giocatori anche più forti dei titolari: siamo sinceri c’è un abissso assoluto.
    In Italia ora come ora quello di Torino è un derby senza il dubbio del pronostico: dai la broda ai maiali, e non ti sbagli.
    Ma la palla è rotonda.
    Magari col Milan, partita alla pari, prendiamo la rumba e la settimana dopo, partita improponibile, succede l’impensabile.
    Il Toro quando meno te lo aspetti ce la fa.
    Certo, erano altri tempi, e non c’era il dislivello immenso degli ultimi anni.
    Eppure un paio di volte li abbiamo messi in crisi e una volta abbiamo goduto non poco.
    Mettiamola così: mentre col Parma sentivo puzza di fregatura fin dalla settimana prima, ora non avendo niente da perdere mi sento fiducioso.
    Della sfida coi maialissimi riscriverò solo a fatti compiuti: nel frattempo non cambio il mio sentimento positivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. TOROHM - 5 giorni fa

    le prossime 2 partite mi accontento di un punto.
    Sono più forti di noi e questo è palese, ma siccome sono un TORO MAN sognatore
    spero che ne facciamo sei visto che la palla è tonda e rimbalza se un pò di sano culo ci dovesse dare una mano…………
    Oppure giochiamo bene tosti e grintosi e faccianmo 2 risultati utili allora sarebbe LA SVOLTA tanto attesa.
    FORZA TOROOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO……….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. user-13974210 - 5 giorni fa

    Molto probabilmente dopo queste due partite ci raccoglieranno col cucchiaino…. purtroppo… viste le prestazioni di quest’anno non lascio molto spazio all’ottimismo…..parere puramente personale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Bilancio - 5 giorni fa

    Io preferirei una squadra che gioca il tutto per tutto col milan (meglio sarebbe stato portare a casa le vittorie con udinese e cagliari ) poi sara quel che sara..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy