WM: dal Grande Torino a questo Torino…

WM: dal Grande Torino a questo Torino…

Il Granata Della Porta Accanto / Si scelga una strada e la si percorra con coerenza fino alla fine: se è quella dell’Europa, allora si giochino le partite per vincere

di Alessandro Costantino

WM sono le iniziali di Walter Mazzarri e sicuramente capeggiavano, in perfetto stile anglosassone, sulla sua tuta personalizzata quando allenava il Watford. WM però nella mente e nei ricordi di ogni sostenitore granata è anche il modulo, rivoluzionario nell’Europa continentale dell’epoca, (ma già in uso da tempo presso i maestri inglesi) con cui giocava il Grande Torino, il cosiddetto Sistema, cioè quell’inquadramento tattico che ha permesso a quei fantastici campioni di esprimere al meglio il proprio talento e di primeggiare nel campionato italiano sino alla tragedia di Superga. È una sigla talmente evocativa, WM, ed è stato un sistema veramente innovativo per quel football, che suona quasi bizzarro pensare che sia la stessa di un allenatore che, al contrario, sembra ancorato ad un calcio, quello del catenaccio all’italiana, che non esiste più da almeno una ventina di anni e che, giocato al giorno d’oggi, sembra da medioevo. Eppure io stesso elogiavo Mazzarri per il suo pragmatismo e la sua concretezza perché non ricordavo francamente che le sue squadre avessero questo atteggiamento così restio ad offendere, ma fossero sì solide dietro, ma sempre pericolose in avanti. Mi chiedo se le ultime avventure di Mazzarri in panchina (Inter e Watford), terminate non proprio in gloria, abbiano accentuato questa sua natura prudente che di sicuro ha contribuito al suo successo nella prima parte della carriera ma che ora sembra quasi un boomerang che gli si ritorce contro. In fondo nessuno chiedeva al mister di andare a Ferrara e vincere facile di 3 gol, ma solo di vedere in campo una squadra vogliosa di imporsi e di far suoi i tre punti “facendo” un po’ di più la partita. Sul piano della lotta e della grinta non si può dire niente a Belotti e compagni, ma l’atteggiamento in campo non è stato da squadra che punta ad entrare nelle prime sei della classifica. Abbiamo fatto la partita che avrebbe fatto la Spal su di un qualunque altro campo di serie A. Con la differenza che gli estensi puntano a salvarsi, noi, in teoria, all’Europa… 

Non credo di essere l’unico ad aver rivisto l’atteggiamento della famosa partita di Carpi di qualche stagione fa: il Toro gioca in anticipo e per una notte può essere primo in classifica come non accadeva da decenni. Tutti si aspettano una squadra arrembante che assapora il momento di gloria ed invece alla fine si registra una della più brutte prestazioni dell’era Ventura (nella Top 3 assieme alla vergognosa melina di Castellammare di Stabia e al non gioco di un Toro-Genoa 0-0 con punticino che sanciva la salvezza matematica). C’è quindi una serie di corsi e ricorsi nella recente storia granata di esami di maturità mancati. Il che fa supporre che non sia da addebitare solo all’allenatore di turno la mancanza di mentalità vincente. 

La probabile formazione del Torino: tocca a Meité e Falque, Berenguer insidia Baselli

Sono arrivato anche a pensare che il presidente Cairo sia una furia con i mister quando si perde e che questi, pur di non rischiare di perdere una partita e sentirsi i rimbrotti del proprio datore di lavoro, preferiscano pareggiare per vivere sereni. Scherzi a parte, è quantomeno singolare però, che nell’era dei tre punti, dove lo sanno anche i sassi che su due partite è meglio vincerne una e perderne un’altra piuttosto che pareggiarne due, il Torino si ritrovi spesso a non osare mai, come se la differenza tra un ottavo posto o un quattordicesimo cambiasse qualcosa nell’economia di una stagione. Si scelga una strada e la si percorra con coerenza fino alla fine: se è quella dell’Europa si giochino le partite per vincere, se è quella della valorizzazione della rosa allora si facciano giocare i giovani o i prospetti interessanti e non si guardi più la classifica. Io sono ancora fiducioso che si possa togliere il freno a mano e lottare per qualcosa di grosso. Se lo fanno a Bergamo… 

Vorrei, quindi, che WM fossero non (solo) le iniziali del mister, ma l’incipit del motto W M.. azzarri! perché se dovessimo trovarci a scriverlo a fine anno vorrebbe dire che il tecnico livornese ha trovato la quadra e ci ha fatto raggiungere traguardi al momento impensati. 


Da tempo opinionista di Toro News, do voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finchè non è finita.

20 Commenta qui

Annulla risposta

Inserisci qui il tuo commento

  1. tororussia - 4 mesi fa

    mediocre wm come la squadra ed il presidente .Senza speranze

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Daniele abbiamo perso l'anima - 4 mesi fa

    Si può capire e magari anche apprezzare se il Toro facesse a Napoli una partita come quella contro la SPAL buttandola sulla lotta e a distruggere il gioco avversario, ma non con la Spal.
    Sono curioso di vedere oggi cosa farà sperando che in caso di non vittoria non campi la scusa che ci mancava N’Koulou o il terreno di gioco non all’altezza…
    A proposito, come mai il nostro campo quest’anno fa schifo ? È sempre stato uno dei manti migliori della serie A….non sarà stato proprio Mazzarri a volerlo così per non far giocare gli avversari puntando sul gioco da carri armati della sua squadra ?
    Scusate magari penso male io, ma conoscendo il mister non mi stupirei se fosse questa la ragione..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. apuano - 4 mesi fa

    有一天你的条纹衬衫会让你在监狱中获得尤文图斯的荣誉.ora lo sanno anche i cinesi che sono non molti…tantissimi.FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. apuano - 4 mesi fa

    Un día tu camisa a rayas te honrará jorobado en la cárcel.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. apuano - 4 mesi fa

    Eines Tages wird Ihr gestreiftes Hemd Sie dazu bringen, den Buckligen im Gefängnis zu ehren

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. apuano - 4 mesi fa

    one day your striped shirt will make you honor hunchback in prison.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. apuano - 4 mesi fa

    Prima o poi la vostra maglia a strisce vi rendera’ onore….GOBBO IN PRIGIONE.Forza Toro sempre e comunque.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. INDOMITO - 4 mesi fa

    mi spiace ma io vedo somlo @conterosso, tutti gli altri nick pieni di numeri non li leggo neppure.. non posso prendere nota su un foglio di carta del nick tutte le volte che voglio scrivergli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-13973712 - 4 mesi fa

    conterosso il tono dell’articolo è chiaramente e volutamente ironico: la grandezza del Toro degli invincibili e la piccolezza (scusate il termine) del nostro attuale allenatore, tanto voluto dal nostro presidente malgrado una carriera decisamente in ribasso negli ultimi anni. A questo punto divento complottista e mi chiedo che senso abbia dare due milioni di euro al nostro Walter (forse il nome non porterà troppo bene, mi viene in mente Novellino altro ricordo non molto allegro)quando ci sarebbero cuori granata come Longo o Nicola che sicuramente avranno anche un ingaggio più modesto. Misteri di questo bruttissimo calcio moderno coi teloni e le porte chiuse che offendono la memoria del Fila

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tifoso di vecchia data - 4 mesi fa

      basta con questi nick di numeri basta!

      ISTRUZIONI SU COME METTERSI UN NICK SUL PROFILO:

      1)cliccare in alto a destra sull’ometto nero vicino alla lente di ricerca.
      2) Una volta cliccato scegliere “PROFILO”
      3) siete sulla pagina scritto “Benvenuto su GAZZANET”
      4) cliccate su “PROFILO” a destra di “le tue passioni”
      5) dove c’e’ scritto NIckname mettete quello che vi piace, compilate il resto e al fondo date “Salva e prosegui la navigazione”
      molto semplice
      Poi tornate su toronews.net

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13967438 - 4 mesi fa

    Tra 10 anni il WM sarà solo il sistema antagonista al modulo.
    Purtroppo oggi è casualmente WM è anche un inciampo dentro una allucinazione visiva.
    Leggere o assistere a una conferenza stampa di costui più o meno genera lo stesso stato d’animo di avere un incidente in auto quando esplodono tutti gli airbag: ti ci vuole un attimo per riprenderti dentro quell’aria all’aroma di polvere da sparo e capire che sei tutto intero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tifoso di vecchia data - 4 mesi fa

      ISTRUZIONI SU COME METTERSI UN NICK SUL PROFILO:

      1)cliccare in alto a destra sull’ometto nero vicino alla lente di ricerca.
      2) Una volta cliccato scegliere “PROFILO”
      3) siete sulla pagina scritto “Benvenuto su GAZZANET”
      4) cliccate su “PROFILO” a destra di “le tue passioni”
      5) dove c’e’ scritto NIckname mettete quello che vi piace, compilate il resto e al fondo date “Salva e prosegui la navigazione”
      molto semplice
      Poi tornate su toronews.net

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. user-14036712 - 4 mesi fa

    Scrivere che mister Mazzarri attui il catenaccio all’italiana nelle proprie squadre, mi pare inesatto e fuori luogo mentre sappiamo tutti come giocano le squadre del toscano. Sicuramente e questo poi gioverà alla classifica ed un certo apprezzamento della critica verso il mister, gli attaccanti, Falque in primis, devono svegliarsi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 4 mesi fa

      Se falque viene messo fuori ruolo è colpa sua.
      A posto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Tifoso di vecchia data - 4 mesi fa

        lasciali perdere, non hanno neanche il nick , non perdo piu’ tempo a leggerli, oggi hanno un numero domani un’altro..

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. user-13967438 - 4 mesi fa

        Io uso la app di ToroNews e non ha proprio l’opzione per configurare un nickname…
        Se non ho capito male, però, dovrei fare il login tramite il sito.
        Domani nel mentre mi distraggo durante la partita provo a configurare un nome, altrimenti metterò una sigla in calce a quanto scriverò in futuro.
        Mi spiace per chi è abituato al dialogo con utenti riconoscibili da un nome…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Tifoso di vecchia data - 4 mesi fa

          cia, si basta che usi il browser dul PC e devi avere i cookies settati. Poi fai la procedura che ha dato @INDOMITO.
          la fai solo una volta poi anche da APP funziona tutto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Simone - 4 mesi fa

          Puoi usare il browser del cell e risolvi lo stesso senza attendere un pc.
          Giusto x correttezza d’informazione

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Tifoso di vecchia data - 4 mesi fa

      ISTRUZIONI SU COME METTERSI UN NICK SUL PROFILO:

      1)cliccare in alto a destra sull’ometto nero vicino alla lente di ricerca.
      2) Una volta cliccato scegliere “PROFILO”
      3) siete sulla pagina scritto “Benvenuto su GAZZANET”
      4) cliccate su “PROFILO” a destra di “le tue passioni”
      5) dove c’e’ scritto NIckname mettete quello che vi piace, compilate il resto e al fondo date “Salva e prosegui la navigazione”
      molto semplice
      Poi tornate su toronews.net

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Conterosso - 4 mesi fa

    Fare un articolo tentando di paragonare il Grande Torino con l’attuale, anche solo per il wm, è sacrilegio. Non scherziamo su. Questo di Mazzarri è inguardabile

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy