Dedicato ai piccoli cuori granata

Dedicato ai piccoli cuori granata

Il Toro nella Testa / Torna la rubrica di Marco Cassardo: “Dedico questa pagina, tratta dal mio romanzo “Belli e dannati ” del 1998, a tutti i piccoli cuori granata che soffrono per il Toro e sono simboleggiati dai due recentemente inquadrati in lacrime dalla tivù”

di Marco Cassardo

Tutti erano convinti che dopo aver vinto 3 a 0 all’andata il ritorno sarebbe stato una passeggiata. Io, invece, sentivo che stava per succedere qualcosa d’incredibile. Se l’anno prima avevamo preso tre pali nella finale di Coppa Uefa, chissà questa volta quale record dell’assurdo avremmo battuto? 

Si giocava di sabato: i miei amici si erano dati appuntamento a casa di Gaetano, ma io rifiutai l’invito. Non volevo vedere nulla. Avevo calcolato tutto per non assistere a un solo attimo della partita. Uscii di casa quando i giocatori entravano in campo, montai in macchina e mi ripromisi di impiegare 45 minuti per arrivare in Piazza San Carlo, dove avevano allestito un maxischermo.

Andavo a passo d’uomo. Decisi di passare dalla collina, decine di chilometri con il motore che si arrampicava sulla salita e la mia fantasia incollata alle gradinate dell’Olimpico di Roma. Era già trascorsa mezz’ora e la mia mente era una pallina da flipper scalciata a destra e a sinistra da mille congetture diverse. Finalmente arrivai in centro, parcheggiai e mi avviai verso la piazza. Una marea di gente con il naso all’insù era a qualche passo da me.

Non feci in tempo a pensare a nient’altro, il volume della piazza aumentò, alzai la testa verso lo schermo, Silenzi, tiro, rete. Un boato. Mi gettai nella bolgia per abbracciare tutti, per chiedere il risultato:  “Ha segnato la Roma su rigore e adesso ha pareggiato Silenzi”.

L’arbitro fischiò la fine del primo tempo. Per perdere la coppa dovevamo subire 4 gol in 45 minuti senza neanche farne uno, quasi impossibile, ma non volli vedere nemmeno il secondo tempo e andai al cinema: sarei rimasto in sala una cinquantina di minuti, giusto in tempo per uscire a partita terminata. 

Mi incamminai verso Piazza Castello ed entrai al cinema Romano. Non ricordo una sola immagine di quanto vidi. Guardavo continuamente l’ora. Solo dopo qualche giorno scoprii che il film era “Come l’acqua per il cioccolato”. Alle 22,20 in punto uscii dalla sala. Ero in strada e cristo santo Torino era muta. Mi diressi verso Piazza San Carlo. Sotto i portici nessuno, in lontananza scorgevo una marea di teste immobili. Un signore di una certa età era seduto sul gradino di un negozio, la sciarpa granata al collo e la testa fra le mani.

“Mi scusi, quanto sono?” gli domandai.

Lui alzò gli occhi, mi fissò per alcuni secondi e poi: “5 a 2 per la Roma. E mancano ancora dieci minuti alla fine perché il secondo tempo è iniziato in ritardo. Se ci fanno un altro gol siamo fottuti”.

Traballai. Maledissi me e la vita. E adesso? Conoscevo troppo bene il Toro per sperare che riuscissimo a resistere fino alla fine. Andai verso la macchina ripetendo come uno scioglilingua – avevo ragione è una squadra maledetta è una squadra bastarda non voglio perderci più un secondo avevo ragione è una squadra maledetta…. -. Non avevo dubbi: all’ultimo minuto del recupero avremmo preso la mazzata.

Tornai a casa molto lentamente. Nessuno in giro, non una bandiera, non un clacson. Posteggiai, chiusi a chiave la portiera e… “Eccolo lì il granata – era la voce di Aldo, l’amico gobbo che abitava di fronte -. Voi del Toro avete un culo da fare schifo”.

Non capivo, alzai lo sguardo. Era appoggiato al davanzale. Dalla bocca, come un lamento, mi uscì “Cos’è successo?”.

“E’ successo che avete beccato 5 a 2 e verso la fine Giannini ha preso un palo”.

Il cuore mi si aprì come un paracadute: “E’ finita?”

Aldo fece cenno di sì. Poi mi disse: “Vieni su a vedere la premiazione. Dai, sali, la prossima volta che uno del Toro solleva una coppa sarai all’ospizio”.

Ce l’avevamo fatta. Il sesto gol non era arrivato.

Solo allora seppi che Sguizzato aveva dato altri due rigori alla Roma – 3 rigori contro in una finale, ecco il record dell’assurdo che ci mancava – e aveva fatto giocare 12 minuti di recupero.

Fu così che il Torino vinse la sua quinta Coppa Italia e in una serata romana spezzò un incantesimo che durava dal 1976 esorcizzando una fattura lunga 17 anni, 3 secondi posti in campionato, 4 finali di Coppa Italia e 1 finale di Coppa Uefa perse. Quel sortilegio fu duro a morire, e soltanto al termine di una partita allucinante la notte torno a piegarsi ai desideri del popolo granata.

Poi iniziò la festa: cinquantamila tifosi invasero il centro e in settemila occuparono l’aeroporto di Caselle in attesa di ritorno dei giocatori. Fu un delirio granata.

Stendo un velo pietoso su quanto visto ieri. Il film è il solito: società perdente che da 14 anni galleggia nella mediocrità più assoluta;  allenatore surreale che parla di partita stregata quando non si è tirato una sola volta in porta; giocatori con grinta da bocciofila;  curva Maratona che a fine partita applaude commossa l’ennesima vergogna.

Dedico questa pagina, tratta dal mio romanzo “Belli e dannati ” del 1998, a tutti i piccoli cuori granata che soffrono per il Toro e sono simboleggiati dai due recentemente inquadrati in lacrime dalla tivù: il primo dopo il pareggio del Sassuolo all’ultimo minuto; il secondo ieri, dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia. 

Bambini, vi auguro con tutto il cuore di vivere almeno una volta nella vita una notte come quella del 19 giugno 1993. Lo meritate più di chiunque altro. Tenete duro. Succederà. Non sappiamo dirvi come e quando, ma succederà. Ve lo promettiamo.


 

Marco Cassardo, esperto in psicologia dello sport e mental coach professionista.

E’ l’autore di “Belli e dannati”, best seller della letteratura granata.

49 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. lello - 2 mesi fa

    Quando ci sono molti bambini che indossano la maglia del Toro e soffrono per le batoste che prendiamo continuamente negli ultimi anni, noi adulti abbiamo l’obbligo di continuare ad amare, incitare e anche criticare la Nostra squadra, ma sempre con la massima sportività, sperando veramente che prima o poi torneremo ad essere protagonisti, a raggiungere vittorie che finalmente li faranno andare a letto orgogliosi di indossare la maglia Granata,
    Forza Toro, Forza Giovani Cuori Granata, adesso è dura, ma prima o poi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Il grillo parlante - 2 mesi fa

    @Veyser ieri dopo il tuo post contro l’autore (perche’ non sai come sfogare la tua frustrazione) ti e’ arrivato cosi’ tanto vomito da altri in risposta che TN ha dovuto cancellare tutti i commenti tuo compreso.
    Non tentare la sorte anche oggi…..potrebbero lasciare i commenti questa volta…eehhehehe
    Metti i tuoi meno giornalieri e vattene..
    penso al tuo che se tirasse non passeresti i giorni a metter meno andresti a fare altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. pepe - 2 mesi fa

    chissà se, prima di lasciare questa terra, vedrò il Toro vincere qualcosa di importante :)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il grillo parlante - 2 mesi fa

      non sei il vero pepe. Lui ogni frase tira una bestemmia…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dattero - 2 mesi fa

    dai,dai,torello,non manipolare,si evince benissimo cosa vuol dire

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Torello_621 - 2 mesi fa

    Fatemi capire l’augurio dell’articolista ai bambini…sarebbe forse quello di avere il Toro in finale e, invece di andare allo stadio o, per chi non può, vederla in televisione rintanarsi in un cinema? Per poi aspettare i caroselli? Ma esca dalla modalità Fortnite e venga nella vita reale. Ma che racconto eh…mi pare Bonigobbo che usciva alla fine del primo tempo, chiaramente per spocchia e non per altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SiculoGranataSempre - 2 mesi fa

      ma non era l’Avvocato Gobbo ad andare via alla fine del I tempo? O ricordo male?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. dattero - 2 mesi fa

    grinta da bocciofila la frase piu’ amara e realistica,ma mi focalizzo sul “tenete duro succedera’”anche io ne son convinto,pian pianino la gente comincia ad uscire dal torpore che questa stagnazione porta.
    tutto inizia,tutto finisce,nulla è statico.
    il vento sta cambiando

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Il mio Toro - 2 mesi fa

    Condivido tutto…domenica ho avuto da ridire con un tifoso in Maratona che applaudiva lo scempio……gli Ultras (chiamiamoli così ma non sono nemmeno un unghia di quelli che conosco io) stessa cosa……eravamo vanto e orgoglio, siamo diventati tifosi da teatro e pecore……gente che non ci rappresenta minimamente ( tifosi dai 40 in su).
    Perdevamo già 1 a zero, dobbiamo battere il corner e i nostri beniamini passeggiano per andare a batterlo, Falque e forse Lukic, ecco questo è l emblema di cosa siamo diventati, questo è il messaggio che siamo una……squadretta normale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granatadellabassa - 2 mesi fa

    Ciò che stupisce sono gli applausi a fine partita da parte della curva. È la quinta sconfitta casalinga in metà stagione!
    Cosa c’è da applaudire?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 mesi fa

    Gurdate un attimo una foto degli spalti del nuovo Filadelfia, leggete:
    TORI|NO-FC
    E’ un messaggio subliminale che la dice lunga…..
    TORI ? NO! FC
    Quindi c’era gia’ scritto: E’ il Toro? NO! E’ L’FC!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. André - 2 mesi fa

      E per noi diventerà: siamo TORI! NO l’FC :)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 mesi fa

        Bella!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-13973712 - 2 mesi fa

    Longo in panca sarebbe un bel segnale…..È qualche primavera nella rosa della squadra titolare…credo che la gente granata si innamorerebbe di questa ipotesi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. TremendamenteGranata - 2 mesi fa

    condivido…Longo al toro sarebbe veramente bello

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Pulster - 2 mesi fa

    A parte i primi 10 minuti del secondo tempo, il nulla assoluto. gara stregata, fare muro davanti alla porta e giocare alla “spero in dio”, per di più ci hanno anche randellato, cornuti e mazziati!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Hagakure - 2 mesi fa

    Mai parlare male degli ultras gobbi, guidati da un ex gobbo, a libro paga di bracciamozze, che occupano abusivamente la Curva Maratona.

    La Redazione cala immediatamente la “mannaia della censura”.

    I “dipendenti” di bracciamozze vanno salvaguardati, anche se fanno un lavoro “sporco e puzzolente”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. André - 2 mesi fa

      Volevo ribattere alla vostra discussione ma non trovo più il commento..credevo fosse un problema di cellulare.
      Quindi é censura?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. alexku65 - 2 mesi fa

        Credo di sì. A me è sparito un comnento. Ad Hagakure anche. Beh il consenso nasce anche così…con una platea acritica conforme sempre contenta

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Hagakure - 2 mesi fa

        Censura della Redazione di bracciamozze…!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. André - 2 mesi fa

          Ai…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granat....iere di Sardegna - 2 mesi fa

      Fratello la redazione di toronews in altre occasioni è stata critica anche con la dirigenza ma è sempre intervenuta quando i fratelli si sono pesantemente insultati e l ha fatto senza distinzioni. Puoi anche mandarmi a quel posto perché in fondo non ho nessun titolo per farlo ma le tue ragioni e le tue argomentazioni non sono del tutto infondate però perdono valore se vi insultate tra voi…Quando c è l insulto la redazione interviene a prescindere, lo ha sempre fatto con tutti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Hagakure - 2 mesi fa

        Ciao Granatiere, il mio riferimento, come avrai letto dal mio intervento, non si indirizzava ai post di insulti reciproci fatti a Veyser da me e da altri Fratelli per il suo vergognoso e antidemocratico post contro l’autore di questo articolo, sulle cui cancellazioni, per quanto mi riguarda, non ho alcun problema, bensì sul mio post singolo in cui dedicavo l’intervento di Cassardo agli ultras gobbi e al loro “capoccia” ex gobbo, usurpatori dell Maratona i quali, ovviamente a libro paga di bracciamozze, continuano ad applaudire sempre e comunque le vergognose prestazioni della cairese, minacciando peraltro gli altri spettatori della Curva Maratona quando si permettono di contestare squadra, allenatore e dirigenza.

        E questo non mi pare proprio sia stato un post di insulti reciproci, bensi la semplice constatazione dello “stato delle cose” in Curva Maratona, letteralmente pres in ostaggio da questi mascalzoni venduti che hanno il coraggio di farsi chiamare “ultras granata”.

        Dunque la sua cancellazione vergognosa e antidemocratica non ha fatto altro che confermare lo stato delle cose, vale a dire che la frangia di tifoseria che si fa chiamare ultras granata, altro non sono che degli usurpatori pagati da bracciamozze per stroncare ogni contestazione, anche a costo di cadere nel ridicolo: vale a dire applaudendo sempre e comunque una squadra ed un allenatore ridicoli e mercenari.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. GlennGould - 2 mesi fa

    Non so neanche bene perché ma, dopo avere visto il match di ieri allo stadio, ed avere letto ora questo intervento, ho improvvisamente la voglia di vedere Longo allenare il toro. Forse perché sarebbe un avvicinamento alle radici passate di una realtà che di toro ha sempre meno. O forse perché vivere di ricordi, alla lunga rompe un po’ i c…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. GlennGould - 2 mesi fa

    Non so neanche bene perché ma, dopo avere visto il match di ieri allo stadio, ed avere letto ora questo intervento, ho improvvisamente la voglia di vedere Longo allenare il toro. Forse perché sarebbe un avvicinamento alle radici passate di una realtà che di toro ha sempre meno. O forse perché vivere di ricordi, alla lunga rompe un po’ i c…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. prawn - 2 mesi fa

    Molto bello, me la ricordo e andai con mio padre in strada con il clacson e aveva una di quelle luci arancioni (lavorava nell’edilizia), quel giro in macchina, in una cittadina di 25 mila anime, non c’era certo un corteo, ma non me lo dimentichero’ mai, la partita la vedemmo assieme, io lui e il solito gruppetto di ‘anziani’ granata.

    Mi piace anche molto il paragrafo:

    ‘Stendo un velo pietoso su quanto visto ieri. Il film è il solito: società perdente che da 14 anni galleggia nella mediocrità più assoluta; allenatore surreale che parla di partita stregata quando non si è tirato una sola volta in porta; giocatori con grinta da bocciofila; curva Maratona che a fine partita applaude commossa l’ennesima vergogna.’

    non c’e’ da dire altro su questo torello di cairo, chiamatelo cairese ma non chiamatelo Toro o TORO, questo non e’ il toro ed e’ ora che la gente se ne rendi conto, diserti lo stadio, ma soprattutto la smetta di leccare il culo a questo presidente.

    Aspetto con ‘ansia’ l’ennesimo intervento servilista di serino rampanti, uno che ho apprezzato moltissimo l’anno scorso a lanciare bordate a miha ma che quest’anno pare l’amante di mazzarri.

    Inccollero il paragrafo di Marco Cassardo qui sopra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alexku65 - 2 mesi fa

      Ripeto. Grande commento soprattutto quando tratta il servilismo di Serino che non ho apprezzato per le bordate ad uno sconclusionato tattico ma che con orgoglio ci ha fatto vincere alcune partite che il piagnone di Livorno non riesce proprio. Ciò che meno apprezzo del opinionista Serino è la mancanza di contribuire un pensiero libero malgrado l’età e posizione

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. alexku65 - 2 mesi fa

        Mi piace molto questo mondo di pretini con i loro segni meno..rendono il tutto più dannatamente mediocre

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 mesi fa

          e’ un rumore di fondo che accompagna il tifoso del Toro.
          Ti alzi al mattino, devi tifare una squadra fatta da altri in un modo penoso, che fa pena e se ti lamenti c’e’ anche la nuvola di fantozzi di meno che ti accompagna. Non puoi neppure lamentarti.
          Piu’ sotto Piemunteis ha spiegato bene come funziona.
          Per me molti meno molto onore, i meno immotivati voglion dire come i piu’.
          Poiche’ sono pareri che non hanno il coraggio di manifestarsi perche’ sanno che sarebbero smentiti.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Piemunteis - 2 mesi fa

    quindi quando ti arrivano dei meno, sai che quasi sicuramente uno e’ di Veyser

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Veyser - 2 mesi fa

      Non avevo ancora contribuito, leggo il commento e poi se è il caso provvedo con il Meno… Però ragazzi se un Meno vi crea questi problemi non oso pensare cosa succede alla vostra psiche quando non vi tira più :-)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Il grillo parlante - 2 mesi fa

        sei frustrato eh? Eheheh
        ieri dopo il tuo post contro l’autore perche’ non sai come sfogare la tua frustrazione ti e’ arrivato cosi’ tanto vomito da altri in risposta che TN ha dovuto cancellare tutti i commenti tuo compreso.
        Non tentare la sorte anche oggi…..potrebbero lasciare i commenti questa volta…eehhehehe
        Metti i tuoi meno giornalieri e vattene..
        penso al tuo che se tirasse non passeresti i giorni a metter meno andresti a fare altro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Piemunteis - 2 mesi fa

    @Veyser e’ uno dei 4 o 5 insieme a @pepe @tric @filadelfia e altri che ti fa sempre la nuvola di meno ogni post che fai.
    Che non intervengono quasi mai ma che ti fanno la nuvola giornaliera.
    Poi quando postano gli arrivano Karmikamente indietro quello che seminano..
    notare che ho tralasciato glenngould

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Wallandbauf - 2 mesi fa

    È granata come me e da un messaggio ai più piccoli FORTUNATI tifosi del Toro, perché quanto insegna questa squadra sulla vita non lo insegna nessun altra. Questo mi basta per apprezzarlo, senza inutili seghe mentali

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Il grillo parlante - 2 mesi fa

    credo che la tua sia solo frustrazione. Cazziare lui non ti risolve la tua frustrazione di cairota. L’Effeci fa schifo anche se vi attorcigliate in piroette dialettiche.
    Sei dalla parte sbagliata @Veyser.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. ProfondoGranata - 2 mesi fa

    Il Toro si sostiene SEMPRE!
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. ProfondoGranata - 2 mesi fa

    Il Toro si sostiene SEMPRE.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il grillo parlante - 2 mesi fa

      hai detto il TORO, ma questa e’ la Cairese e ne devi convenire!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Hagakure - 2 mesi fa

      Il Torino Calcio è morto e sepolto.

      Forse sei l’unico che non l’ha ancora capito…!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Granat....iere di Sardegna - 2 mesi fa

    Anche a me dispiace molto per il bambini ma loro hanno tutta la vita davanti…Io ho 49 anni, sono nella terra di mezzo, se per caso qualcuno ha deciso che non ci saranno tanti altri anni, andando avanti così sono fottuto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fgbomp - 2 mesi fa

      Tu sei fortunato..io ne ho 68 e ho visto lo scudetto dopo vent’anni di tifo, ora un altro scudetto ormai non possiamo neanche sognarlo. Ho avuto però una soddisfazione: di vedere il mio Portogruaro giocare col Torino in serie B (vinse il Toro con il grande Bianchi..). Pensa che soddisfazioni possiamo avere noi del Toro!
      Va bene perdere ma se in una partita il portiere avversario non ha mai toccato palla bisognerà fare pure qualcosa….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granat....iere di Sardegna - 2 mesi fa

        A me non piacciono gli esoneri. Per motivi economici ma anche sentimentali. Io mi affeziono a chi diventa allenatore o giocatore del Toro perché entrano a far parte della famiglia dunque spero che Mazzarri possa rimediare a quella che potrebbe diventare una stagione di nuovo anonima, ma bisogna essere realisti. Se nelle prossime due partite non ci saranno dei concreti passi avanti purtroppo la società dovrà fare delle valutazioni. Checché ne dica rampanti, per investimenti fatti e compenso percepito dal mister, se non si va in Europa è un disastro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Hagakure - 2 mesi fa

          …questione di due partite, Granatiere e poi, salvo miracoli dell’ultima ora, testadighisa farà la stessa fine del serbo.

          Una volta, quando ancora esisteva il Torino Calcio, era proprio come dicevi tu: ci si affezionava, anche perchè sia gli allenatori che i giocatori che si susseguivano, ci mettevano tanto del loro per essere all’altezza e degni della Valore, del Blasone e della Storia del Toro.

          Oggi esiste solo la cairese, caro Granatiere, e quello che più conta si “calcola” almeno a sei zeri, prima di mettere la firma sul contratto.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Hic Sunt Leones 61 (A.C. TORINO)® - 2 mesi fa

    ogni volta che vedo i bambini allo stadio PIANGONO!
    FATE PIANGERE I BAMBINI TIFOSI GRANATA!
    Vergognatevi. STAVE BRUCIANDO generazioni di futuri tifosi.
    Che schifo.
    Senza vergogna!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. user-13973712 - 2 mesi fa

    Comunque, caro Marco, non ho condiviso il tuo modo di affrontare quell’ evento….quando giocano i granata, che siano allievi, primavera o titolari, come si fa a non vederli, o allo stadio o perlomeno alla tele???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. user-13973712 - 2 mesi fa

    quella sera ero in piazza San Carlo, e la vittoria del Toro, per quanto fosse stata ostacolata in ogni modo dall’arbitro sguizzato (volutamente minuscolo, due rigori su tre erano inesistenti) ci sembrava un evento normale perché già l’anno prima avevamo dominato la coppa Uefa e avevamo perso la finale senza perdere una partita. Nessuno poteva immaginare i disastri del decennio 1996/2006 e specialmente nessuno poteva immaginare il fallimento della sciagurata dirigenza romero e cimminelli che è stata quella che ha trasformato la città da granata a biancomerda

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. marcohelg_385 - 2 mesi fa

    grandissimo!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. dariog - 2 mesi fa

    non accadrà. però avremo il piacere di vedere ronaldo contro una montagna e questo ci ripagherà , almeno in parte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. gam66 - 2 mesi fa

    Bellissimo. FVCG.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy