Piangere va bene, crescere andrebbe meglio

Piangere va bene, crescere andrebbe meglio

Rubriche / Torna la rubrica del nostro Marco Cassardo: “Il nostro amato Toro non è né un atleta vincente né un atleta capace di trasformare la frustrazione in voglia cieca di vincere”

di Marco Cassardo

Il successo nella pratica sportiva non consiste tanto nell’avere poche frustrazioni o nel non averne affatto, quanto nel superarle vittoriosamente. Ogni guaio e ogni dolore sono una prova per il nostro corpo, per la nostra personalità e per la nostra capacità di risvegliare le energie sopite dentro di noi.

Il termine “frustrazione” viene definito dal dizionario di psicologia di Galimberti (1994) come “una situazione interna o esterna che non consente di conseguire un soddisfacimento o di raggiungere uno scopo”. La frustrazione può provocare due effetti: un aumento del livello generale di motivazione, o una reazione di fuga e di allontanamento (ciò che ha fatto ieri Mazzarri dopo l’espulsione di Zaza dando alla squadra un segnale di resa).

E’ evidente che gli sportivi di successo utilizzano la frustrazione per migliorare, alzando il livello della motivazione e, quindi, dell’impegno, in termini sia quantitativi sia qualitativi. Al contrario, gli sportivi che hanno tendenze verso l’insuccesso la utilizzano per stare male, crollare o addirittura fuggire; più prosaicamente, si dice di queste persone che hanno tendenze masochistiche.

Un famoso proverbio cinese recita: “Sette volte cadere, otto volte rialzarsi: questa è la via del successo”. I fallimenti obbligano a creare qualcosa di nuovo, stimolano la creatività a cercare nuove soluzioni. Tutte le volte che un atleta è sconfitto – se è un atleta vincente -, analizza sistematicamente l’allenamento che ha svolto, la dieta che ha seguito, il tipo di pensieri, “credenze” e strategie che aveva in mente quando è sceso in campo. L’atleta vincente quando trova delle carenze cerca nuove soluzioni; a dispetto di ogni contrarietà il campione sa tenere duro e anche nei momenti più neri resta fedele a sé stesso, conserva la fiducia nella vittoria e nelle sue capacità di superare limiti e ostacoli (Avete presente un certo Pantani? O Messi liquidato come nano dai medici che lo visitarono quando aveva dieci anni? O Tiger Woods tornato ieri al trionfo dopo un decennio di operazioni alla schiena?)

Il nostro amato Toro non è né un atleta vincente né un atleta capace di trasformare la frustrazione in voglia cieca di vincere. Gli fanno da grancassa i media, tutti uniti nel fornirgli alibi per potersi nascondere dietro le celeberrime foglie di fico degli arbitraggi negativi, del destino avverso e del complotto del Nuovo ordine mondiale.

Proviamo ad analizzare la situazione a 360 gradi: ieri l’arbitraggio di Irrati è stato scandaloso dal primo all’ultimo secondo. Non è la prima volta che accade; quest’anno siamo stati gravemente danneggiati dalla classe arbitrale sin dalla prima giornata. Con un andamento regolare del campionato, a quest’ora, saremmo in piena corsa per la Champions League. E’ giusto dichiararlo a gran voce, sia per rispetto a noi stessi sia per dare a Cesare (società e mister) quel che è di Cesare. Tutto chiaro, tutto giusto, ma piangere non serve a nulla e non fa altro che rinviare ulteriormente quell’agognato salto di qualità che invochiamo da più di dieci anni e continua a non arrivare. Occorre focalizzarsi sui nostri limiti e chiedersi cosa fare di nuovo e di diverso per intraprendere una strada che, finalmente, ci possa dare qualche soddisfazione. Occorre un realismo ai limiti con la spietatezza per far sì che non si ripetano sempre gli stessi errori. Il grande problema della giornata di ieri è che il vergognoso Irrati, con la complicità post partita dei media, ha fatto passare in secondo piano il fatto che, dopo la partita soporifera di Parma, abbiamo nuovamente giocato un primo tempo caratterizzato da paura e mancanza di idee in cui l’unica grande occasione l’ha avuta il Cagliari con la traversa di Ionita (tra Parma e Cagliari abbiamo disputato due partite decisive con una mollezza inspiegabile vista l’importanza della posta in palio); Irrati ha fatto dimenticare che dopo il gol del vantaggio ci siamo fatti prendere dal panico, abbiamo abbassato il baricentro di trenta metri come avessimo segnato al Barcellona e invece di gestire il risultato e cercare il raddoppio abbiamo dimostrato tutta la nostra inadeguatezza (le reazioni di Zaza e Mazzarri sono da Borgorosso Football Club); ha fatto passare in secondo piano il fatto che se contro tre squadre mediocri come Bologna, Parma e Cagliari fai 4 punti su 18 è giusto che durante la settimana stai a casa a guardare la tivù invece di andare in giro per l’Europa; ha fatto passare in secondo piano i quindici minuti finali giocati in parità numerica (gli ultimi due in superiorità); ha fatto passare in secondo piano che è molto difficile raggiungere gli obiettivi se non allestisci una rosa adeguata in estate e a gennaio rinunci addirittura a fare mercato e a sostituire i partenti.

Un’ultima cosa; la vergogna Irrati ha fatto sì che nessuno abbia notato come il Toro non sia mai in grado di risolvere una partita all’ultimo respiro; anche su questo dobbiamo interrogarci, saper vincere all’ultimo minuto è una qualità da vincenti (a noi capita spesso il contrario, il gol lo subiamo). Vincere all’ultimo secondo richiede cuore e testa connessi, richiede ferocia agonistica e lucidità, richiede una voglia famelica di portare a casa lo scalpo dell’avversario. Insomma, tutte qualità che non hanno nulla a che fare con la pavidità messa in campo ieri prima e dopo il gol, con l’esempio di un mister che prende e se ne va dopo un errore arbitrale, con l’incapacità di controllare lo stato d’animo manifestata dai giocatori (ieri è toccato a Zaza, ma non dimentichiamo che in un recente passato Ola Aina e Meité hanno avuto lo stesso comportamento).

Le possibilità di andare in Europa non sono ancora tramontate; giochiamoci al meglio quelle che ci restano, protestiamo pure contro gli arbitri, ma società e mister non dimentichino di fare la cosa più importante: mettere il mirino su se stessi e cercare soluzioni in vista della prossima stagione. Come dicevamo la scorsa settimana, la rosa snella è una sciocchezza colossale, alla squadra manca qualità, la conduzione tecnica è intrisa di paura e, sul piano della mentalità vincente e della psicologia di gruppo, non si sta facendo alcun passo avanti.


Marco Cassardo, esperto in psicologia dello sport e mental coach professionista. E’ l’autore di “Belli e dannati”, best seller della letteratura granata.

77 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Flavio - 6 giorni fa

    1) Senza Belotti e Falque, questa squadra avrebbe 12/15 punti in meno.

    2)Zaza ha sbagliato: l’unico che può parlare per regolamento all’arbitro è il capitano e

    in quel modo ha fatto solo il suo gioco (Moretti a fine gara insegna).

    3) Il Torino da fastidio ai gobbi, la classe arbitrale venduta, è una sua serva!

    4) Ola Aina non sa curare l’avversario, chiunque esso sia. Con la Roma cosa è riuscito a fare

    diventare un ragazzino un eroe. Domenica ha fatto il bis, neanche è saltato per ostacolare

    Pavoletti.

    5) Berenguer,Aina,Zaza,De Silvestri hanno dei limiti paurosi,spazio ai giovani della Primavera

    che lo meritano(Rauti, Millico, Adopo,Gilli).

    6) Con il Genoa, Ansaldi e Rauti gli esterni, con il Gallo punta centrale. Lukic dal 1 minuto

    7) Per il futuro, un centravanti in stile Pavoletti e 2 esterni seri.

    8) Abbiamo bisogno di 11 Rincon in campo!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dattero - 7 giorni fa

    bella la citazione dall’arte della guerra,anche i monaci del deserto dicevano “cadere e rialzarsi”,assiema ad altri concetti tosti.
    vero,il buon irratti non è la pma volta che da prova di disonesta’ professionale,come il 90% dei suoi colleghi.
    prima di lui i vari de santis bertini racalbuto trefoloni e via dicendo.
    i giacomelli,magari non dei falchi,ma perbene,dismessi.
    cio non toglie che se hai cuore testa e sangue per il tuo traguardo con bologna parma e cagliari,almeno due le vinci.
    poi,per me,la personalita’ la vedi anche in certe piccole cose..arbitro schifoso?ok,ti circondiamo in 5 o 6,protestiamo vivacemente con foga..finisco in nove,ma ti massacro mediaticamente,tìinferocisco il pubblico,ormai soporifero e non tuonante.questo,lo so,è ragionar di pancia,ma ogni tanto ci sta.
    trovo altyrettanto grave,comunque,la mollezza della squadra,e li non è colpa del tifoso e dell’irratti di turno.
    ritengo l’allenatore inadeguato alla massima serie,psicoligicamente ormai seduto su di un passato che piu’ tornera’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ALESSANDRO 69 - 7 giorni fa

    Comunque, dato che ogni occasione è buona per criticare aspramente società, tecnico e squadra, rimproverandogli le mancate occasioni di fare punti in partite sulla carta a noi favorevoli ,critiche anche giuste sia chiaro, cosa avremmo detto a Gasperini la cui squadra meravigliosa ha raccolto la miseria di 2 punti in casa con Chievo e Empoli????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. patricio.hernandez - 6 giorni fa

      caro fratello l’atalanta ha pareggiato con l’empoli tirando in porta 50 volte!! ps,il toro 50 volte in porta ci tira durante l’intero campionato..facciamo i seri dai…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bertu62 - 6 giorni fa

        Spero per Te che tu non faccia mai di conto, perché sennò mio caro…. Vero è che ha tirato MOLTO in porta, ma alla fin fine anche gli altri hanno il portiere, no? Parafrasando Mourinho, “ZERU GOAL” alla fine, esattamente come chi ha tirato in porta solo 2 volte…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. drino-san - 7 giorni fa

    Ormai pur di inserire a forza la marchetta costante sul mental coaching in questa rubrica di nulla assoluto, i toni sensazionalistici scadono in provocazioni vere e proprie. Giornalismo d’autore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13814870 - 7 giorni fa

    ma sig. Cassardo..nessuno piange …raccontiamo solo la realtà. Che a ogni partita del Toro anche la moviola ti dica sempre che :” manca un rigore al Toro”: a lungo andare ti girano eccome. Un errore ogni tanto va bene può capitare. Ma ciò che abbiamo perduto non ci è MAI ritornato. Vi ricordate di un qualche regalo x noi??? Che non lo vorremmo nemmeno. Solo cose giuste. Quanti e quanti giocatori mandano a quel paese l’arbitro??? Non si fa certo. Ma che vengano tutti espulsi allora. Quante volte x noi il Var non esiste??? quanti fallacci non fischiati abbiamo subito?? quanti falli minimi ci son stati sanzionati immediatamente??? noi non piangiamo. Il Toro piange solo x i suoi eroi morti. Noi andiamo avanti chiediamo solo giustizia ed equità. Questo dovrebbe essere uno sport. .ma ormai non vince più il più forte. Vince chi ha più soldi chi è più protetto. In tv si dovrebbe parlare di tutte le squadre di questo campionato non dedicare un ora agli strisciati e tre minuti agli altri…tutti hanno gli stessi diritti..e noi siamo stufi. Si sta rovinando il calcio. Ma NON piangiamo siamo veramente stufi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il_Principe_della_Zolla - 7 giorni fa

      Un post improntato all’onestà il tuo. Proprio per questo dovresti risponderti alla domanda “Vi ricordate di un qualche regalo x noi???”.
      Non per cercare il pelo nell’uovo, ma verità vuole che anche se non siamo stati favoriti in egual misura, abbiamo avuto anche noi i nostri episodi a favore, vedi il non rigore concesso al Parma su mani di Djidji, che avrebbe avuto come conseguenza il gol annullato a Baselli. Da sempre non siamo nelle grazie degli arbitri, ma non è lamentandosi che caveremo il ragno dal buco. Domenica l’abbiamo pareggiata ad minkiam noi, prima di tutto, finché non ce ne faremo una ragione e non andremo oltre staremo sempre a parlare di arbitri, senza per questo addivenire ad alcunché.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Bischero - 7 giorni fa

    Per me ha detto tutto granatissimo 1973 in sei righe alle 8:01…..inopinabile.leggo di utenti che rimproverano alla società di aver fatto una rosa scarsa(ed In parte concordo) poi peró danno la colpa a Mazzarri. Alla fine guardi la classifica e scopri che siamo in corsa per l obbiettivo a 6 dalla fine. E non parlo dei 4 o 5 punti tolti… Almeno così non possono dire che piangiamo. Le lacrime sono sulle guance di chi soffre cmq… Chi ha tutto dalla vita non si lamenta di sicuro. Ma prima o poi capita a tutti e quelli che si definiscono signori poi al primo torto sbraitano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Torello_621 - 7 giorni fa

    Ma il fatto che ci mancasse l’attacco titolare è così trascurabile nell’economia di una partita importante di fine stagione? Non vorrei aggiungere altri pianti però non è con il solo ‘volontarismo’ che si ottengono i risultati. Tra l’altro la squadra ce la mette tutta, solo un po’ giù fisicamente nel finale delle ultime due partite. Aggiungici poi l’arbitro di m…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mimio - 7 giorni fa

    Articolo che non fa una piega! Come è possibile che un allenatore abbandoni il campo volontariamente prima della fine della partita? Certe cose non succedono neanche in terza categoria o negli allievi, categoria in cui tra l’altro io alleno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. freddy - 7 giorni fa

      Io non ho nemmeno visto uno come Comi fare il dirigente in una squadra sportiva, nemmeno dilettantistica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Torello37 - 7 giorni fa

    Quindi sig. CASSARDO mi vuole dire perché sono scarso e non ho una potenza economica alle spalle mi devono rubare le partite???
    O meglio devo adeguarmi ai gobbi e comprare gli arbitri come fanno loro???
    Ma mi faccia il piacere….
    Senza I furti oggi la ns classifica direbbe 58 punti e quest articolo lei non l avrebbe scritto e tutti i maicuntent sarebbero già a svernare ad Alassio e Albenga mangiandosi il fegato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. freddy - 7 giorni fa

      Invece anche quest’anno il fegato te lo mangi tu e nel culo te lo prendi sempre tu Ciao servo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. venariadovè - 7 giorni fa

      Minchia argomenti di un certo spessore qua eh

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. alrom4_8385196 - 7 giorni fa

    Concordo con Cassardo e con il Principe della Zolla che afferma che siamo un monumento alla mediocrità e pure mal guidati. L’ingiustificabile Irrati ha fornito un enorme alibi a quelli che non vogliono vedere questa realtà anche se ovviamente questo arbitro , con altri, dovrebbe essere radiato dall’albo. Chi segue il calcio da tempo si può ricordare squadre poco tecniche e tutta grinta che facevano grandi risultati (dal Padova di Rocco al primo Chievo che fece tremare gli strisciati i quali per vincere dovettero ricorrere ai loro soliti mezzi).Ebbene il Toro attuale non appartiene a questa categoria e non è neppure “quasi” grande come direbbe la classifica , l’avere 50 punti non certifica la nostra forza ma la scarsità del nostro campionato. Aggiungo che l’inca..atura di Cairo mi rende felice e mi fa ben sperare per il nostro futuro sia in termini di rispetto da parte di tutti che di allestimento di un Toro veramente competitivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. freddy - 7 giorni fa

      Parlare di successi nei confronti di un presidente che in 14 anni non ha mai vinto una cippa mi pare inadeguato. Sono andati in EL cani e porci, tranne questa società. Il Chievo ha disputato la Champions, tanto perchè i poteri forti falsano il campionato. Questa è una delle società che in 14 anni ha vinto di meno (meglio ha perso di più, perchè vincere, mai nulla)
      La ciliegina sulla torta è stata l’arrivo di Mazzarri (grande allenatore, allontanato dal Watford e qui raccontando le solite balle trasformato in vincente. Uno conosciuto nel mondo calcistico come “piangina” ) Così si è potuto prendere dei bidoni come Zaza e Soriano (accolti dai soliti babbei come altri fenomeni) mandare via Liajic senza sostiturlo, non prendere nessuno a gennaio, non fare giocare nessuno della Primavera e dulcis in fundo far giocare quel grande giocatore di Damascan.
      Ora Cairo starà ben zitto (oltre alle solite abbaiate a favore dei babbei) così potrà continuare a fare plusvalenze ed affari com RCS e giustificare agli occhi dei gonzi 14 anni dietro e Genoa Atalanta Fiorentina ed Udinese con la cattiveria degli arbitri e facendo dimenticare i Damascan Sadiq Carlao e altri fenomeni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. alrom4_8385196 - 7 giorni fa

        Se mai tu avessi avuto tempo per seguire quanto dico da tempo sapresti che non ho mai , e ripeto mai, parlato di successi di cairo anche perché occorrerebbe una dose di fantasia che non posseggo. Ritengo che cairo per il Toro sia stato un toccasana 15 anni orsono ed un freno a mano tirato negli ultimi 10 anni grazie alla sua esagerata attenzione per i bilanci : potrebbe fare veramente grande il nostro Toro anche senza fallire. Prima ho scritto che la sua inusitata reazione di fronte al provocatore mi fa ben sperare ma come ben sai noialtri granata sono decenni che campiamo di speranze per cui … Stammi bene

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Granatissimo1973 - 7 giorni fa

    A sei partite dalla fine siamo lì, è dura ma ce la possiamo fare.

    Tenendo conto che l’unico vero acquisto che ci rafforzati e’ stato Izzo, visto che Meite e Aina vanno a targhe alterne mentre su Soriano e Zaza meglio tacere per pietà, sfido qualsiasi allenatore a fare meglio di Mazzarri con questa squadra.

    Se riesce a portarci in Europa compie un’impresa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tarzan - 7 giorni fa

      Vero, però Meite e soprattutto Aina hanno un bel potenziale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granat....iere di Sardegna - 7 giorni fa

      Più che altro compie una impresa per come fa giocare la squadra…ma quindi aina e meite sarebbero peggio di Acquah o obi o Molinaro e zaza sarebbe peggio di sadiq? Mazzarri è stato acquistato perché presumibilmente in grado di dare quel qualcosa in più di altri mister e, infatti, guadagna molto di piu. Ad oggi il suo stipendio non pare giustificato, tanto più che ha avuto sei mesi per dare precise indicazioni di mercato. Se va in Europa avrà raggiunto l obiettivo minimo, per ingaggio percepito e per soldi spesi quest anno dalla società.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. FS84 - 7 giorni fa

    Cassardo io capisco il discorso sulla mentalità vincente (giustissimo) ma qui il vero modo di dimostrarla sarebbe una società SERIA che prende posizione in maniera NETTA e FEROCE contro le scandalose direzioni arbitrali che ci accompagnano dalla prima giornata.. questo semplicemente perché senza tutti i torti arbitrali subiti saremmo molto più in alto in classifica e probabilmente i discorsi sulla rosa e la mentalità non prenderebbero neanche piede.. Lei stesso un po’ di tempo fa aveva suggerito a Cairo di mettere alla berlina gli arbitri sui suoi giornali per i torti al Toro.. io direi di più: la mentalità vincente in questo caso sarebbe creare una compilation di tutti i torti arbitrali subiti quest’anno e pubblicarla ovunque abbia visibilità nel mondo del calcio e non.. ok la mentalità vincente sul campo, ma a parità di regole per i competitori, così no.. così ci si ferma e si chiede giustizia a toni FORTI e ASPRI, a costo anche di ritirare la squadra dal campionato perché uno scandalo del genere non si è mai visto..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 7 giorni fa

      Io pubblicherei anche i numeri di telefono e gli indirizzi degli arbitri che ci hanno danneggiato.
      Intimoriamo la classe arbitrale, che non si permettano più di farlo!!

      Ho un dejavu, mi ricorda un certo Luciano Moggi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Policano - 7 giorni fa

    Chi non salta insieme a noi cos’e’??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Policano - 7 giorni fa

    Forza ajax

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 7 giorni fa

      Esatto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Mimmo75 - 7 giorni fa

    Trovo fuori contesto queste considerazioni che in se hanno comunque un fondo di verità. Se è vero che la rosa e il mister hanno i loro limiti (sono umani) e che devono impegnarsi a superarli (riuscirci non è scontato),è altrettanto vero che questo impegno non è mai venuto meno. Mazzarri non se n’è andato perché arresosi, altrimenti non sarebbe tornato (allora si che sarebbe stato grave). Quello è stato chiaramente un gesto plateale per manifestare con forza il suo profondo dissenso per quanto, per l’ennesima volta, stava accadendo in campo. E non è vero che la squadra ha recepito negativamente quel gesto, scoraggiandosi a sua volta. Se nel finale, in superiorità numerica e con l’arbitro palesemente a favore il Cagliari si è ritrovato due espulsi è proprio perché il Toro ha fatto tutto fuorché arrendersi. E lo ha fatto nonostante il suo avversario (l’arbitro) fosse in condizioni di nettissima superiorità. Puoi avere in campo uno squadrone allenato da un mister spavaldo e preparatissimo ma se chi ha il potere ha deciso che tu non devi vincere c’è ben poco da fare. Chiedere allo strepitoso Napoli di Sarri….
    Se il Toro fosse una squadra mediocre e allenata male da un mister pavido, con quello che ha subito dovrebbe trovarsi ai margini della zona retrocessione. E invece è li. Allora, forse, vuol dire che è stato atterrato ma ogni volta si è rialzato, come ha fatto domenica dopo ogni scandalosa e castrante decisione arbitrale, l’ennesima in stagione. E va reso merito a questa squadra. A maggior ragione in presenza dei limiti che ha e che nessuno nega. E tra questi aspetterei a metterci la rosa snella. È stata una scelta precisa del mister sulla scorta della sua esperienza e solo a fine stagione potremo dire se i benefici avranno superato i disagi. Perché se è vero che in alcune gare avrebbe fatto comodo un’alternativa in più è altrettanto vero che, eccetto Bremer, tutti hanno giocato con discreta continuità e la competizione interna per una maglia da titolare ha tenuto sulla corda i ragazzi spingendoli a migliorarsi, anche in ossequio ai concetti espressi da Cassardo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 7 giorni fa

      Tutte gli altri allenatori d’Europa devono essere dei coglioni a pretendere rose ampie.
      La stessa uefa non c’ha capito un cazzo limitando le squadre a 25 giocatori.
      Bastava chiedere a wm!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 7 giorni fa

        Infatti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. FS84 - 7 giorni fa

      Condivido al 100%

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. FS84 - 7 giorni fa

        Con Mimmo75

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. FS84 - 7 giorni fa

        Ciò che ha scritto Mimmo75

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. RM74 - 7 giorni fa

      Condivido in pieno Mimmo75, semplice e lucido.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Il_Principe_della_Zolla - 7 giorni fa

      Ciao @Mimmo, bentrovato. Mi permetto, ma la tua difesa d’ufficio di Mazzarri è fuori luogo, e non ci azzecca per niente.
      P.S.
      Hai fatto bene ad andartene, io l’ho fatto quest’estate, dopo l’ennesimo fuoco di fila degli intolleranti incappucciati, che saranno anche animati da vera passione ma la esprimono nel peggiore e più insopportabile dei modi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 7 giorni fa

        Ciao e grazie. Non mi ricordo di te. Avevi un altro nick?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. freddy - 7 giorni fa

          Piangina se n’è andato dopo che l’arbitro ha concesso un gol VALIDO al Cagliari. Raccontatela giusta.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Mimmo75 - 7 giorni fa

            Non ho giustificato il gesto e non mi piace il continuo lamentarsi di Mazzarri: lo trovo controproducente. Ho solo detto che non si è trattato di arrendevolezza ma di plateale dimostrazione di dissenso.

            Mi piace Non mi piace
        2. Il_Principe_della_Zolla - 7 giorni fa

          GT

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Mimmo75 - 7 giorni fa

            Ah ok. Mi fa molto piacere ritrovarti. Tutto bene?

            Mi piace Non mi piace
  16. granatadellabassa - 7 giorni fa

    Cassardo si contraddice palesemente. Se scrivi che Irrati è stato scandaloso, allora che colpe ha il Toro?
    E poi riduce tutto a una questione di testa / mentalità vincente. Esistono anche i valori tecnici e noi abbiamo evidenti carenze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 7 giorni fa

      Se dopo essere passati in vantaggio non tiri in porta è colpa di Irrati? (L’espulsione è avvenuta 20′ dopo il nostro vantaggio)
      È colpa sua se siamo arretrati di 30m?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 7 giorni fa

        Certo. Anche avere perso con Bologna e pareggiato con il parma. Noi siamo stati stradanneggiati ma sii poteva e doveva fare di più. A gennaio non abbiamo neanche sostituito Soriano e ora la colpa è degli arbitri. La colpa è anche nostra del presidente e Dell allenatore. Se davvero fossimo squadra appostocosi giocheremmo le prossime sei partite con il coltello fra i denti. Spero che sarà così ma realisticamente ne dubito.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. gigioscal - 1 settimana fa

    CAssardo questa volta lo trovo poco obiettivo. Secondo me nel primo tempo la squadra, pur orfana di belotti, ha provato tutte le armi che aveva a disposizione per cercare di segnare, tentativi sulle fasce da Ansaldi e Lollo, tentativi centrali con Baselli, Meitè, Rincon, Berenguer (che però nel primo tempo era un pò timido). Dopo il gol abbiamo avuto l’atteggiamento giusto ed ero certo che in 11 avremmo segnato un altro gol. Nel finale, considerando i giocatori che erano rimasti in campo, credo che i ragazzi abbiano fatto veramente tutto il possibile per costruire ancora qualche occasione, e la punizione di Baselli poteva essere il 2 a 1 se non fosse stato bravo Cragno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. user-13967438 - 1 settimana fa

    Arbitri o non arbitri la domanda da porre a Mazzarri è: come mai la tua squadra almeno in 8/9 partite è stata manifestamente superiore in tutto alla squadra avversaria (se ne è accorto anche chi detesta il calcio e ne ignora le regole, tipo mia moglie) eppure non ha vinto quelle partite?
    Temo che la ritirata strategica del calamaro che se ne va spruzzando inchiostro per confondere il predatore sia già pronta prima della risposta.
    La mossa del calamaro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Pacman - 1 settimana fa

    Hey fenomeno che scrivi, il saggio dice prova a rialzarti la nona volta dopo che per otto ti hanno sparato è colpito le gambe….: tutti bravi a fare i filosofi sugli altri. Quando leggo certe va.zzate mi inc.azzo ancor di più. Qui si fa finta di confondere il pianto con una sana e giusta incazzatura per i ripetuti torti subiti. Fenomeno che scrivi vorrei vedere te se ti incazzi e vai a far denuncia se ti rubano in casa e ti portano via tutto. Ti do un consiglio nel caso non andare alla polizia a far denuncia che rischi che il poliziotto di turno ti dica: il saggio dice nonnpiangere e non venire a lamentarti da noi se ti derubano, va a lavurar barbun e rimboccati le mani perdente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 7 giorni fa

      Però io non ho visto un bell articolo sulla gazzetta in prima pagina con la lista dei torti subiti dal toro. Invece c era per la trentacinquesima volta la faccia di wanda nara che parlava di icardi e perisic. CHISSENEFREGA!!! Cairo può forzare il cambio di linea editoriale, perché non lo fa??

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. MV - 1 settimana fa

    Per il resto, concordo con alcune considerazioni di Cassardo. Irrati è stato iniquo e provocatorio. Però ha sbagliato a perdere la testa Zaza, ha sbagliato a perdere la testa (e ad andarsene) Walter, ha sbagliato a perdere la testa la difesa (anche in 10 ci si poteva mettere là dietro e non prendere ‘sto gol).
    La società si è fatta sentire (e non servirà a niente). Ora non perdiamo la testa, appunto, e rimettiamoci concentrati, che il finale di questo campionato è ancora tutto da scrivere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. MV - 1 settimana fa

    Fa ridere che quelli che “la fortuna e gli arbitri non contano perché devi essere più forte di tutto e vincere le partite” sono gli stessi che dicono: “Se siamo ancora in corsa per l’Europa è solo merito della fortuna”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. bertu62 - 1 settimana fa

    Bla bla bla….
    Adesso col Toro ci sono tutti, ma proprio tutti, che dicono la Loro e che pretendono di avere L’UNICA CHIAVE GIUSTA per sapere ESATTAMENTE come stanno le cose!
    Guardate, io per primo (o forse per secondo, non so..) sarei stato disposto a dare addosso (metaforicamente, MAI fisicamente!) alla Società, all’allenatore, al DS per questo campionato se non che….Se non che alla fin fine cosa vuoi dire di questo campionato se le cose stanno così, se con noi, SOLO CON NOI, gli arbitraggi vari, le VAR, le “NON” VAR, i Guardialinee hanno sbagliato 15 dico QUINDICI volte? Leggo un po’ ovunque che ci sono “fratelli” granata che nonostante tutto danno la colpa a Cairo, a Mazzarri, a Petrachi, a Comi, al “Torino FC” insomma AL MONDO meno che a chi VERAMENTE ha le vere colpe! Sarei stato il primo (o il secondo) a gridare al campionato buttato se solo ci avessero dato TUTTI I RIGORI che ci spettavano e che NOI li avessimo sbagliati! Sarei stato il primo a dire che la rosa era scarsa se solo non ci avessero “massacrato” Belotti IMPUNEMENTE ad ogni partita ed in più anche ammonito PIU’ di Bonucci e Chiellini MESSI INSIEME! Sarei stato il secondo a chiedere le dimissioni di Mazzarri se solo ci avessero lasciato i Gol regolari anziché fischiare a vanvera oppure se avessero punito altrettanto severamente i falli dei difensori avversari anziché neanche andarli a vedere alla VAR!
    Hanno un bel dire i soloni che “non serve lamentarsi, basta giocare per vincere..” quando in realtà ci sono partite in cui anche se tiri 30 volte la palla non entra (vedere l’Atalanta stasera…) e se ti dessero quel rigore SACROSANTO allora “forse” la si sarebbe anche vinta!
    Guardate, non è questione di difendere questo o quello, Mazzarri piuttosto che Cairo, è questione che NON C’E’ EQUITA’! Se non ci avessero DERUBATO (questo è il termine corretto) e se fossimo in questa situazione di classifica SOLO per demeriti nostri, allora sarei IL PRIMO ad essere indignato, deluso, giustamente arrabbiato, ma siccome siamo qui perché CI HANNO VOLUTO QUI allora è inutile ed anche pure “un tantino” da idioti prendersela con altri che non siano I VERI COLPEVOLI!
    FV♥G!!! SEMPRE!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 1 settimana fa

      Dimentica x un attimo il torto arbitrale di Irrati, dopo il vantaggio quante occasioni abbiamo avuto?
      ZERO!!
      Ristabilita la parità numerica?
      ZERO!!

      Sempre colpa di Irrati?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Pacman - 1 settimana fa

        Dimentica di tifare Juve se ci riesci

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. piroldo64 - 1 settimana fa

        Non è vero, ricordo a memoria due parate del loro portiere e una punizione di Baselli all’incrocio dei pali nel finale che il portiere ha tolto dal sette e nemmeno lui sa come… tutto senza avere i due attaccanti titolari, la prima riserva (Zaza, che sarà un pirla ma stavolta ha avuto una reazione né ingiustificabile né eccessiva) e senza il centravanti-promessa della primavera. E siamo ancora perfettamente e lecitamente in piena corsa per l’Europa League, io tutto sto fallimento non ce lo vedo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone - 7 giorni fa

          Fino a quando non siamo andati NOI in superiorità numerica non abbiamo tirato in porta ed è ciò che ho scritto

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. BogaBoga - 1 settimana fa

    L’ennesima invettiva contro tutto e contro tutti di Cassaro (ultimamente concordo con chi lo chiama Cassandro).
    Inutile che continui a proporti come mental coach. Non ti assumono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Rock y Toro - 1 settimana fa

    Io ho capito che cassardo si sta proponendo per la prossima stagione, e sarebbe un’ottima idea annoverarlo come mentale coach della squadra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Maroso - 1 settimana fa

      Mi dici sulla base di quali criteri professionali basi la tua proposta? Non rubiamo il mestiere a chi ne sa di più. Ciao Buonanotte.
      FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Maroso - 1 settimana fa

    Concordo sostanzialmente su analisi, tranne che per quanto riguarda:
    1) la presunta fuga di Mazzarri: a mio avviso trattasi di squalifica degli avversari, cioè il giusto e doveroso atteggiamento di chi, esasperato, non condivide l’ operato dell’ interlocutore (da non confondersi con la squalifica sportiva che è tutta un’altra cosa). Senonchè stiamo parlando di un allenatore, non di un singolo, e la squadra può aver interpretato male il gesto, dunque Mazzarri, secondo me, è stato troppo impulsivo ed ora si chiarisca coi suoi giocatori.
    2) In merito al goal all’ ultimo minuto è andata male (punizione di Baselli ed un altro tiro).
    Concordo pienamente invece sulle conclusioni dell’ articolo: lavoriamo per la nostra immagine contrastando la corruzione e le eufemistiche “sudditanze psicologiche”per un’altro anno, ed inoltre lottiamo fino alla fine per qualificarci e poi per capire bene cosa ci manca per avere un gioco spumeggiante ed efficace, e con continuità, come ad esempio il Napoli di Mazzarri.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Dario61 - 1 settimana fa

    Analisi più giusta nn poteva essere e come nell’articolo precedente di Cassandro che diceva della rosa corta…beh incide molto sul personaggio Mazzarri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Ciccio Graziani - 1 settimana fa

    Il calcio è fatto da allenatori e calciatori. Andate a vedere il Napoli con Mazzarri allenatore. Tantissime partite risolte nel finale o nei recuperi…. La differenza?? La qualità dei calciatori, con berenguer, parigini, ecc ferebbe fatica anche il Real Madrid a vincere le partite…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 1 settimana fa

      Ha avuto sei mesi per dare indicazioni di mercato…o non lo ha fatto o sono state disattese…oppure più semplicemente ha sbagliato indicazioni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 1 settimana fa

      Gli era stata consegnata la vii rosa della serie A in quanto a monte ingaggi.
      Si è voluto liberare di Ljajic facendolo sentire un rincalzo, ha voluto la rosa corta ed a gennaio ci hanno (insieme alla dirigenza) ripetuta la solita litania che non si trova nulla quando l’ipotesi soriano trequartista era miseramente fallita.
      Solo x questi motivi andrebbe cacciato a pedate ma, la fortuna vuole che, ce possiamo ancora giocare.
      Se riuscisse nell’impresa è giusto che rimanga altrimenti deve andarsene!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Il_Principe_della_Zolla - 1 settimana fa

    Gran bell’articolo, di cui i soliti noti non capiranno un’acca. Siamo un monumento alla mediocrità, e tutto si svolge in linea con essa.
    Post partita il Sig. Cairo ha affermato che non bisogna mollare. Sarebbe opportuno che ci si ricordasse del monito anche in sede di allestimento di squadra e programmi. Che se ne ricordasse Mazzarri, a meno che dopo l’auto-espulsione non voglia sperimentare anche l’auto-esonero. E Petrachi? Già a Roma?
    Rimangono 18 punti in palio. Stiamo a vedere. I tifosi non possono essere sempre e solamente gli unici a crederci, a non mollare mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. dariog - 1 settimana fa

    indubbiamente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. ALESSANDRO 69 - 1 settimana fa

    Marco Cassardo, la tua analisi da psicologo è condivisibile ma sia chiaro che nessuno si è messo a piangere. Una società seria di fronte a certe nefandezze DEVE alzare la voce e PRETENDERE rispetto da parte delle istituzioni. Nessuno disconosce i limiti di questa squadra, limiti che potrebbero portare al fallimento dell’obiettivo ma che sia il campo a deciderlo, non le istituzioni….È chiedere troppo??? La società ha il dovere di farsi sentire proprio per proteggere la squadra e il tecnico,se non lo facesse manderebbe un pessimo messaggio sia ai giocatori ,sia a noi tifosi…Fare la voce grossa non significa fornire alibi ai giocatori e al tecnico. Poi ovviamente al chiuso delle proprie stanze deve obiettivamente fare una riflessione su ciò che va e ciò che non va anche a costo di sconfessare alcune scelte in sede di mercato ma questo è un altro discorso……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SiculoGranataSempre - 1 settimana fa

      Sono d’accordo. Chiaro e reale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 1 settimana fa

      Tu hai letto o sentito una sola dichiarazione sulla prestazione espressa o si è parlato solo di Irrati?
      Xké io non ne ho sentita neanche una.
      Come ha giustamente detto Cassardo dopo il gol non siamo e creato UNA SOLA AZIONE PERICOLOSA, stessa cosa una volta ristabilita la partita.
      Abbiamo avuto due occasioni SOLO E SOLTANTO nei minuti di recupero.
      Sarà stata colpa di Irrati se non creiamo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ALESSANDRO 69 - 7 giorni fa

        Se abbiamo avuto 2 occasioni nel finale vuol dire che i giocatori non hanno mollato e ci hanno provato fino alla fine. Abbiamo preso un gol perché mezza scarpa di Izzo teneva in gioco Pavoletti dopodiché in 10 e praticamente senza attacco era oggettivamente difficile fare di più. Comunque RIPETO, tante volte non fosse chiaro il mio concetto, se siamo scarsi lo deve certificare il CAMPO…Non gli arbitri..ti è chiaro quello che voglio dire????.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone - 7 giorni fa

          Infatti lo ha certificato al netto del torto subito.
          Dal 53′ (gol nostro) non abbiamo più tirato in porta se non quando in superiorità numerica.
          Irrati cosa cavolo c’entra se fino al 73′ (espulsione.di zaza) non abbiamo imbastito una sola azione di contropiede?
          È chiaro quello che ho scritto??

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ALESSANDRO 69 - 7 giorni fa

            Va bene Simone, è tutto chiaro……

            Mi piace Non mi piace
  31. RM74 - 1 settimana fa

    Certo che potrebbe andar peggio, chissà se avessimo pareggiato in casa con Chievo e Empoli nel giro di tre settimane…saremmo dei perdenti a vita…ah no, saremmo l’Atalanta che però ha mentalità vincente…oh no? Che ne dice Cassardo? Son curioso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. BIOFA70 - 1 settimana fa

    Non so se riusciremo ad arrivare settimi ma una cosa spero che Urbano abbia capito: comprare scommesse di giocatori e farli arrivare all’ultima giornata di mercato NON PAGA…Niagh Zaza Soriano le ultime perle.
    Questa squdra ha liti tecnici enormi e trovo che fino a ora i 50 punti siano oro colato e se siamo ancora in corsa per E.L. e perche anche le altre vanno pianissimo.
    Anche per questo anno sarà per il prossimo anno il nostro salto di qualità. Amen

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. apuano - 1 settimana fa

    Qui nessuno piange anzi ogni domenica il mio corpo assume sempre di più un colore granata.le statistiche esistono e in tempo di var anche le prove televisive.qui nessuno si piange addosso perché le lacrime le abbiamo già sprecate.qui ci si lamenta giustamente per condizioni arbitrali per lo meno dubbie.non venitemi a raccontare che in epoca di business tutto è pulito e sono solo errori umani……in epoca di Var.la mia testa sta diventando sempre più dura e mi stanno crescendo le corna del toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granat....iere di Sardegna - 1 settimana fa

      Noi non piangiamo e tanto meno ci nascondiamo negli spogliatoi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. user-14180296 - 1 settimana fa

    Grande Marco. La tua rubrica è la migliore.
    Forza magico Toro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. f.39_708 - 1 settimana fa

    sei una merda

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. patricio.hernandez - 1 settimana fa

    è gia’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. fabrizio - 1 settimana fa

    …la vergogna Irrati ha fatto sì che nessuno abbia notato come il Toro non sia mai in grado di risolvere una partita all’ultimo respiro…
    Purtroppo e’ vero

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy